Plastikman
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Dimension Intrusion, 6/10 (comp)
Sheet One , 6/10
Musik , 7/10
Consumed , 7/10
Artifakts , 6/10
Richie Hawtin: Concept One, 6/10
Richie Hawtin: Decks, EFX & 909, 5/10
Richie Hawtin: DE9: Closer To The Edit , 6/10
Plastikman: Closer (2003), 5/10
Links:

Ontario (Canada) native Richie Hawtin started working as a disc jockey in the dance clubs of nearby Detroit. Soon be became Plastikman and began composing his own music, often inspired by the masters of electronic music (Kraftwerk, Cabaret Voltaire, Brian Eno). Under the moniker of Cybertronic, Hawtin released the single Circuit Breaker that established him (a white kid from Canada) as a creative force in the Detroit techno underground. Under the moniker of F.U.S.E. (aka Futuristic Underground Subsonic Experiments), Hawtin released a few tracks that became rave anthems (the psychofest of polyrhythm and acid keyboards F.U., the elegantly surreal Substance Abuse, Slac), later collected on Dimension Intrusion (Wax Trax, 1993). The album also includes the new single, Train-Trac 1. Another early success was Hawtin's collaboration with LFO, Loop.

Hawtin's trademark sound was, first and foremost, a delirious inferno of electronic grooves (thanks to his mastery of the bass line synthesizer), but from the percussive orgies of following singles Krakpot and Spastik, Plastikman boldly moved on to the ambient/psychedelic subtleties of Sheet One (NovaMute, 1993). Plasticity, Smak and Helikopter run the gamut from techno to ambient, acid-rock, industrial music and acid-house. The overall feeling is transcendent, rather than hedonistic.

Musik (NovaMute, 1994) offers a mature synthesis of his technique and his vision. Other than the techno locomotive of Goo, the album does not contain anything that can be easily related to existing styles or genres. There is a strong psychedelic undercurrent (Plastique, Marbles), and deviant metabolic units that border on industrial music (Konception, Ethnik), experiments in sound that only accidentally include regular beats (slower, chill-out beats).

The next project and closing chapter of the trilogy was supposed to be Klinik. While Hawtin was working on this album, that was meant to make music with the remnants of dance-music after dissecting beats and bass lines, the US authorities expelled him for performing illegally as Plastikman.

After a three-year hiatus, Hawtin resurrected Plastikman with the singles Sickness (Novamute, 1997) and 8068 (Plus 8, 1997). The subtlety of his spare style shines in these singles.

Klinik's ideas were honed for Consumed (NovaMute, 1998), that salvaged some of the material readied for Klinik, when even the beat liquifies. Hawtin's magistery is immediately highlighted by Contain, whose soft polyrhythmic ticking in a sea of echoes slowly evolves into a swinging beat. The following Consume, basically, picks up from there: the swinging beat (just a bit faster, lower and bluesier) journeys a desolate landscape of haunting drones and burbling electronics. Consumed has a steadier, almost military, beat, that doubles a couple of time and intersects one of the few melodic lines in the entire album (a very diluted melodic line). That title-track, de facto, bridges the first two tracks' programmatic music with their popular application: Locomotion is the only track with a familiar dance structure, although its techno-id beat is warped by a dub reverb.
Another experimental core is represented by the sequence of Cor Ten, Convulse, Ekko, and Converge, which is virtually a suite: melody and beat-boxes fade out, leaving mainly atmospheric breathing and heartbeats to compete in an ecosystem of distant and android noises.
This is all highly original and ultimately mesmerizing. But, once he has made such a revolutionary statement, there is little he can add, and In Side sounds already dejavu.
The laid-back and subdued tone(s) of the album have coined a new post-ambient idiom by leveraging on the dub dogma of "minimal means to maximum effect".

The material omitted from Consumed finally appeared on Artifakts (NovaMute, 1998). The funereal Korridor and the Kraftwerk-ian Skizofrenik show a much stronger interest in texture. But one can't help noticing that these are, indeed, leftovers, still under the influence of much more conventional forms (the heart-beat pulse of Psyc, the world-beat of Pakard and Hypokondriak). At the same time, one can appreciate how daring and calculated Hawtin's operation was on Consumed, as he methodically removed the "easiest" tracks and focused on the experimental side of his work.

The excellent single PK (M-nus, 2000) also comes from those sessions.

In 1996 Hawtin released a single a month (meant to document the evolution of his technique) under the moniker Concept. Concept 1 96:CD (Minus, 1998), credited to Richie Hawtin, is a continuous suite built out of excerpts from those singles. Decks, EFX & 909 (Novamute, 1999), again credited to Richie Hawtin, is a fluid suite in 38 short movements that pastes together freely reworked compositions by other musicians. While a show of dexterity at the studio machines, it also marks a sudden drop in creativity.

Too much thinking went into Richie Hawtin's next project, DE9: Closer To The Edit (Novamute, 2001). The compositional process (heavily reliant on samples) looks more like a game and almost disqualifies the album as mere research. But, thankfully, the result has nothing to do with the premises, and Hawtin ends up with a brainless, mindless, utterly vulgar super-charged set of techno stereotypes. These three albums credited to Richie Hawtin were basically high-class mix albums.

After a five-year hiatus, Plastikman's Closer (Mute, 2003) also returned to Hawtin's roots in house and techno music. This is possibly Hawtin's least creative album, a mere repetition of cliches of modern dance music, compounded by the fact that each idea gets stretched as long as possible (vocals do not help). CDs are cheap to make.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Il musicista originario di Ontario (Canada) Richie Hawtin iniziò un'attività da dj nei club della musica da ballo della vicina Detroit. Divenne presto Plastikman iniziando a comporre una musica spesso ispirata ai maestri della musica elettronica (Kraftwerk, Cabaret Voltaire e Brian Eno). Pubblicò il singolo Circuit Breaker, con il nome d'arte Cybertronic, che confermò il suo talento (quello di un canadese bianco) nell'ambito dell'underground techno di Detroit e alcune tracce, con il nome d'arte di F.U.S.E. (Futuristic Underground Experiments), che divennero presto inni dei rave (il festino psicologico di poliritmi e tastiere acide di F.U., l'eleganza surreale di Substance Abuse e Slac) più tardi raccolti su Dimension Intrusion (Wax Trax, 1993) assieme alla più recente Train Trac 1. Un altro successo di Hawtin fu la collaborazione con gli LFO che fruttò Loop.

Il marchio di fabbrica di Plastikman era, in primo luogo, un inferno delirante di groove elettronici (migliorati dalla sua maestria nel comporre linee di basso di sintetizzatore), benché fosse anche ispirato, già agli inizi della propria carriera, ad uno stile ricercato di ambient/psichedelia, come dimostrato dalle orgie percussive dei singoli Krakpot e Spastik, pubblicate anche su Sheet One (NovaMute 1993), mentre Plasticity, Smak ed Helikopter spaziano dalla techno all'ambient, all'acid-rock, alla musica industriale e all'acid-house. L'atmosfera generale di questa musica è più propriamente trascendente che edonista.

Musik (Novamute, 1994) proponeva una sintesi matura della sua tecnica e della sua visione. Se si esclude la locomotiva techno di Goo, l'album non presenta nulla che possa rimandare facilmente a stili o a generi musicali esistenti. Vi è una densa corrente sotterranea psichedelica (Plastique, Marbles), ed entità metaboliche e devianti che confinano con la musica industriale (Konception, Ethnik). Le tracce dell'album sono esperimenti sonori che raramente presentano ritmi regolari.

Il successivo e concludente capitolo della trilogia doveva essere attribuito a Klinik. Mentre Hawtin lavorava a questo album, la cui musica doveva essere realizzata con gli scarti polverizzati della musica da ballo di altri musicisti accompagnati da linee di basso, le autorità americane abolirono il progetto per motivi di copyright.

Dopo tre anni di pausa, Hawtin riemerse con il nome d'arte Plastikman e i singoli Sickness (Novamute, 1997) e 8068 (Plus 8, 1997), che brillano entrambi per la ricercatezza del loro stile minimale.

Le idee di Klinik vennero riprese e rifinite su Consumed (Novamute, 1998). La maestria di Hawtin svetta subito su Contain, in cui i lievi poliritmi che scattano in un mare di echi si evolvono lentamente su un ritmo oscillante. La successiva Consume è fondamentalmente ispirata a questi elementi: il ritmo oscillante (appena più veloce, silenzioso e "blues" di quello presente su Contain), viaggi immaginari in un paesaggio sonoro di droni spettrali ed elettronica gorgogliante. Consumed ha un ritmo serrato e quasi militare che incrocia una delle poche linee melodiche dell'intero album (benché sia molto diluita). Quella title-track fa da ponte fra la musica programmatica delle prime due tracce alla loro applicazione popolare: nonostante il ritmo technoide di Locomotion sia deformato da un riverbero dub, questa è la sola traccia che presenta una struttura non dissimile da quella della musica da ballo.  

Un altro nucleo sperimentale dell'album è caratterizzato dalla sequenza delle tracce Cor Ten, Convulse, Ekko e Converge che si potrebbe considerare una suite ideale: una melodia e i ritmi si dissolvono permettendo a respiri e battiti cardiaci atmosferici di lottare fra loro in un ecosistema di rumori androidi. Tutto ciò è estremamente originale ed ipnotico, ma, benché questa sia una dimostrazione rivoluzionaria, ci si sarebbe potuti aspettare di più: una traccia quale In Side, ad esempio, risulta infatti banale.

La tonalità(e) sommessa dell'album coniò un nuovo idioma post-ambient contaminato da uno dei dogmi del dub: "minimale significa di massimo effetto".

Il materiale scartato dalle sessioni di Consumed venne raccolto su Artifakts (NovaMute, 1998). La funerea Korridor e la Kraftwerkiana Skizofrenik mostrano un maggiore interesse da parte di Hawtin nella composizione delle tessiture, malgrado si corra il rischio di non accorgersi che questi scarti prendono ispirazione da stili musicali più convenzionali (il battito cardiaco di Psyc, il world-beat di Pakard e Hypokondriak). Nonostante ciò, l'album dimostrava quanto sia stata coraggiosa e minuziosa la realizzazione di Consumed, album dal quale il musicista escluse, non a caso, le sue tracce più "facili" per concentrare la propria attenzione sul suo lato più sperimentale.

L'eccellente singolo PK (M-nus, 2000) proviene anch'esso da quelle sessioni.

Nel 1996 Hawtin pubblicò un solo singolo al mese (ciascuno dei quali documenta la sua evoluzione tecnica) con il nome d'arte Concept. Concept 1 96:CD (Minus, 1998), attribuito a Richie Hawtin, è un'unica suite ottenuta dagli spezzoni di quei singoli. Anch'esso attribuito a Richie Hawtin, Decks, EFX & 909 (Novamute, 1999) è una suite liquida suddivisa in trentotto brevi movimenti che copiano liberamente le composizioni da altri musicisti. Benché realizzato con notevole destrezza tecnica, l'album segnava un'improvviso calo di creatività.

Troppe idee caratterizzarono il successivo progetto di Hawtin, DE9: Closer To The Edit (Novamute, 2001). Il processo compositivo (che dipendeva fortemente dall'uso dei campionamenti) risulta essere soltanto poco più di uno svago che degrada l'album a mera ricerca sonora. Fortunatamente l'album non ha nulla a che vedere con le sue premesse: il risultato era, non a caso, una raccolta di stereotipi scervellata, fuori di testa, ultra-carica e piuttosto volgare della musica da ballo. Questi tre album attribuiti a Richie Hawtin erano mix-album di gran classe.

Dopo una pausa di cinque anni, venne pubblicato Closer (Mute, 2003), un album attribuito a Plastikman che riprendeva le sonorità house e techno delle sue origini. Questo è forse l'album meno creativo di Hawtin: una semplice ripresa di canoni di musica da ballo moderna in cui ogni idea viene estesa per quanto possibile (i vocalizzi non migliorano le sue tracce). Questo album è l'ennesima prova che i CD sono economici da realizzare.

What is unique about this music database