Scanner


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Scanner 1 , 6/10
Scanner 2 , 5/10
Mass Observation , 6.5/10
Spore , 6/10
Sulphur , 5/10
Mimetic Flesh , 5/10
Mort Aux Vaches , 6/10
Delivery , 5/10
Sounds For Spaces , 6/10
Lauwarm Instrumentals , 7/10
The Quick And The Dead, 5/10
Free Chocolate Love, 5/10
ScannerFunk: Wave of Light by Wave of Light , 6/10
Nemesis (2003), 5/10
Sound Polaroids (2003), 5/10
Links:

Raised at the music of John Cage, a vegetarian non-drinker non-smoker and non-junkie in the age of ecstasy, London-based electronic musician Scanner (aka Robin Rimbaud) quickly established himself as one of dance music's boldest innovators.

Rimbaud began his musical career with Glenn Branca-styled guitar symphonies (on the self-released Peyrere, in 1982) and with movie soundtracks (for director Derek Jarman).

It took several years before he found his true voice. Then two austere (and sometimes pretentious) sound collages of telephone conversations appeared: Scanner 1 (Ash Int, 1992) and Scanner 2 (Ash Int, 1993). Selected portions of those albums were remixed in a techno manner on Mass Observation (Ash, 1994), a groundbreaking recording whose tracks achieve an intense melodrama through either hypnotic layering of found sounds or subliminal repetition of soundbites and beats. Exposing the moral and existential nudity of the wireless society, Rimbaud contents himself with providing a passive documentary of the city's aural cacophony.

Spore (New Electronica, 1995), Sulphur (Sub Rosa, 1996), recorded live, and Mimetic Flesh (Sub Rosa, 1996) are transitional works that exploit that simple idea with ever more technological depth.

The more aggressive beats and lusher electronic layers of Mort Aux Vaches (Staalplaat, 1997) inaugurate a more "popular" phase.

Delivery (Earache, 1997) shows an insecure artist, who can't decide between the dancefloor and atmospheric instrumentals, between drama tense drama (Heidi) and chamber ambient music (Throne of Hives, Hunting Your Lost Face). The lame techno of Vs Signs Ov Chaos (Earache, 1998) and Beacon (Sulphur, 1998) is also a sign of immaturity.

A Derek Jarman tribute, The Garden Is Full Of Metal (Sub Rosa, 1998) appeared under his name Robin Rimbaud.

Rimbaud has achieved international stature as an avantgarde musician and participates in countless collaborative multimedia shows and permanent sound sculptures. Stopstarting (1998), for example, is a study of the urban soundscape.

In the meantime, the Scanner project continues with Sounds For Spaces (Sub Rosa, 1998), an anthology of rarities spanning 14 years of activity, and the Lauwarm Instrumentals (Sulphur, 1999), the main work of this phase, a bold excursion from new age meditational pieces to symphonic apotheoses. Immemory sets the standard: slowly moving ambient music for for drones, decomposed whisper and minimalist organ suddenly erupts in torrential drumming, raga-like piano figures and electronic whines. Passage De Recherche is the embryo of a symphonic movement, its theme floating in the air, disturbed by alien interferences. Subsonic frequencies popoulate the empty landscape of Sonnenlicht with a busy locomotion of minimalist patterns. Lithis Water, the longest track at 12 minutes, boasts both the most symphonic counterpoint and the most frantic beats. Its forceful crescendo is also the antithesis of where the album started. All tracks build up movement from inertia. Vertical Line sums up the praxis with the purest symphonic score: the rhythm is now merely a drum that echoes at long intervals. Rimbaud delivers an exercise in subtlely.

One of the purest expressions of his collage art is Cystic (Noton, 1999).

The Quick And The Dead (Sulfur, 2000), a collaboration with DJ Spooky, is a good example of how Rimbaud can waste his talent in pointless doodling.

Scanner also contributes a few "themes" to the David Shea collaboration album Free Chocolate Love (Sub Rosa, 2000). Theme From Lost Lonely and Vicious, Theme From Love Of Light, Theme From Moon Landing are as close as a dj can get to new age music.

Wave of Light by Wave of Light (Sulphur, 2001) is credited to ScannerFunk. Somewhere between supermarket muzak, orchestral soundtracks and ambient music, Rimbaud's new style absorbs trance/dance cliches and self-indulgent self-quotations (more telephone sampling) to compose avantgarde pieces. I Am Calm couples Steve Reich-ian piano figures with jazzy bass lines. The 10-minute orgy of lush tones Light Turned Down finds a common ground between the pulsation of techno music and Terry Riley's minimalistic ragas (although it could have been done in less than ten minutes). The industrial ballet Cosy Veneer (its score obtained by turning the pixels of an image into sounds) overlays a frenetic polyrhythm with smooth Brian Eno-esque drones. The main feature of Ice That Abandons Me is the floating melodies, reminiscent of Enya.
Half of the album is occupied with dance pieces. Only Spinique, that packs the furor of industrial-metal, and Thumb Print (distorted, breathless beats and haunting bells-like chiming) invigorate and innovate. Speechless and Red Stone Sun, with their mixture of hip-hop beats and melancholy synth wails, are hardly revolutionary. For sheer dance-floor appeal Automatic is the plat du jour.
The (ubiquitous) vocal samples are probably the most annoying element of the album.

Nemesis (Bette, 2003), the score for a dance production, sounds like a random selection from a scientific catalog of possible rhythms, with little or no emotion attached to it.

Sound Polaroids (2003), a by-product of an interactive audiovisual installation, was composed at the computer, manipulating digital photographs of art (it was originally intereactive because visitors of the installation could retrieve pictures of cities by making noises)

The Crystalline Address (Sub Rosa, 2003), a collaboration with >A HREF=../vol5/pgr.html>Kim Cascone, contains two ambient suites.

Play Along (SubRosa, 2005) documents a long-distance collaboration with Dessy.

Blink of an Eye (Thirsty Ear, 2011) documents a collaboration with the Matthew Shipp's Post Modern Jazz Quartet.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Emerso grazie alla musica di John Cage, il musicista londinese Scanner (nome d'arte di Robin Rimbaud), un vegetariano non fumatore non bevitore e non tossicodipedente dell'era dell'estasi, si dimostrò rapidamente uno degli innovatori più audaci della musica da ballo.

Rimbaud iniziò la sua carriera musicale con le sinfonie chitarristiche seguendo la maniera di Glenn Branca (nell'auto-prodotto Peyrere, del 1982) e con le colonne sonore (per il regista Derek Jarman).

Impegò molti anni prima di trovare la sua vera vocazione, dopo la pubblicazione di due collage sonori austeri (e a volte pretenziosi) di conversazioni telefoniche emersi su Scanner 1 (Ash, 1992) e Scanner 2 (Ash Int, 1993). Porzioni selezionate di questi album vennero remixate, seguendo i canoni della techno, su Mass Observation (Ash, 1994), un disco pionieristico

le cui tracce raggiungono un melodramma intenso grazie alle stratificazioni ipnotiche di suoni trovati e alle ripetizioni subliminali di ritmi e soundbite. Rimbaud realizzò un documentario passivo sulla cacofonia uditiva della città, svelando la nudità morale ed esistenziale della società wireless.

Spore (New Electronica, 1995), Sulphur (Sub Rosa, 1996), è una registrazione dal vivo mentre Mimetic Flesh (Sub Rosa, 1996) sono lavori di transizione che adoperano quella semplice idea con una profondità ancora più tecnologica.

I ritmi ancora più aggressivi e l'elettronica rigogliosa di Morta Aux Vaches (Staalplaat, 1997) inaugurano una fase più "popolare".

Delivery (Eerache, 1997) mostra un artista insicuro, indeciso tra la pista da ballo e gli strumentali atmosferici, tra drammi tesi (Heidi) e ambient-music da camera (Throne Of Hives, Huntig Your Lost Face). La techno zoppicante di Vs Sign Ov Chaos (Earache, 1998) e Beacon (Sulphur, 1998) è, ancora una volta, un segno di immaturità.

Un tributo a Derek Jarma, The Garden Is Full Of Metal (Sub Rosa, 1998) apparve sotto il suo vero nome Robin Rimbaud.

Rimbaud ha anche raggiunto statura internazionale in qualità di musicista d'avanguardia, partecipando a innumerevoli spettacoli multimediali collaborativi e a sculture sonore permanenti. Stopstarting (1998), ad esempio, è uno studio del paesaggio sonoro urbano.

Nello stesso periodo il progetto Scanner proseguiva su Sounds For Spaces (Sub Rosa, 1998), un'antologia di rarità che ricoprono quattordici anni d'attività, e Lawarm Instrumentals (Sulphur, 1999), il lavoro principale di questa fase, nonché un'audace incursione tra le tracce meditative new age fino alle apoteosi sinfoniche. Immemory stabilisce i modelli di riferimento: lenta ambient music per ronzii, fruscii decomposti e organo minimalista che erutta improvvisamente torrenziali rulli di tamburo, figure di pianoforte "raga" e gemiti elettronici. Passage De Recherche è l'embrione di un movimento sinfonico, il suo tema fluttua nell'aria mentre è disurbato da interferenze aliene. Frequenze subsoniche popolano il paesaggio sonoro spoglio di Sonnenlicht con una locomotiva arrichita di pattern minimalisti. Lithis Water, la traccia più lunga con i suoi dodici minuti, vanta sia il contrappunto più sinfonico, sia il ritmo più frenetico. Il suo crescendo energico è anche l'antitesi dell'inizio dell'album. Tutte le tracce costruiscono movimento dall'inerzia. Vertical Line ricapitola la prassi con lo spartito più puramente sinfonico: ora il ritmo non è altro che un tamburo che echeggia a lunghi intervalli. Rimbaud realizza un esercizio di ingegnosità.

Una delle più pure espressioni della sua arte nel collage è Cystic (Norton, 1999).

The Quick And The Dead (Sulfur, 2000), una collaborazione con Dj Spooky, è un buon esempio di come Rimbaud possa sprecare il proprio talento realizzando bozzetti inutili.

Scanner contribuì alla composizione di alcuni "temi" in una collaborazione con David Shea, Free Chocolate Love (Sub Rosa, 2000). Theme From Lost Lonely And Vicious, Theme From Love Of Light e Theme From Moon Landing sono vicini a quello che un dj può ottenere dalla musica new age.

Wave Of Light By Wave Of Light (Sulphur, 2001) è accreditato a ScannerFunk. A metà strada fra la muzak da supermercato, le colonne sonore orchestrali e la musica ambient, il nuovo stile di Rimbaud assorbe i canoni trance/dance e auto-citazioni auto-indulgenti (vi sono più campionamenti telefonici del solito) per comporre tracce all'avanguardia. I Am Calm fa duettare le immagini pianistiche di Steve Reich a linee di basso jazz. I dieci minuti dell'orgia di note sontuose di Light Turned Down trovano un terreno comune tra le pulsazioni della musica techno e i raga minimalisti di Terry Riley (benché la cosa potesse essere fatta in meno di dieci minuti). Il balletto industriale di Cosy Veener (il cui spartito è ottenuto dalla regolazione dei pixel di un'immagine in suoni) copre un poliritmo frenetico con ronzii uniformi alla maniera di Brian Eno. La caratteristica principale di Ice That Abandons Me sono le melodie fluttuanti che rievocano Enya.

Metà dell'album è occupato da tracce dance. Solo Spinique, riempita di furore heavy-metal e Thumb Print (ritmi distorti, affannati e spettrali più rintocchi simili a quelli delle campane) sono energiche e innovative. Speechless e Red Stone Sun, con la loro miscela di ritmi hip-hop e gemiti malinconici di sintetizzatore), sono a mala pena rivoluzionarie. L'attrazione per la pura pista da ballo di Automatic è il plat du jour. Gli (onnipresenti) campionamenti vocali sono probabilmente la cosa più irritante dell'album.

Nemesis (Bette, 2003), partitura per una produzione dance, sembra una selezione casuale presa da un catalogo scientifico di ritmi possibili, con poche (o nessuna) emozioni allegate ad essa.

Sound Polaroids (2003), prodotto di un' installazione interattiva audiovisiva, venne composto per computer, manipolando fotografie digitali di arte (originariamente era interattiva perché gli ospiti dell'installazione potevano estrarre i qudri delle città creando rumori).

The Crystalline Address (Sub Rosa, 2003), una collaborazione con Kim Cascone, contiene due suite ambient.

Play Along (SubRosa, 2005) documenta una collaborazione a lunga distanza con Dessy.

Blink Of An Eye (Thirsty Ear, 2011) documenta una collaborazione con il Matthew Shipp's Post Modern Jazz Quartet.

What is unique about this music database