Skylab
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
First album, 7.5/10 Links:

Mat Ducasse, due giapponesi e il dj Howie B danno vita agli Skylab.

Il loro #1 (Astralwerks, 1995) accentua la componente allucinogena del trip hop.
Quella di River Of Bass e Next e` musica per cocktail lounge di eroinomani. Fra una Ghost Dance e un Electric Blue sempre piu` ineffabili, caotiche e dispersive, emerge la lunga e lentissima jam di Indigo. Seashell e` una colonna sonora di vacanze caraibiche vista attraverso un sogno e interrotta da uno sbarco di alieni (fra i detriti che volteggiano sulla spiaggia si contano cori di polinesiane, ronzii d'insetti, chitarre funky...). Six Nine incrocia una figura iterata dalla chitarra, un violoncello alla Penguin Cafe' Orchestra, qualche accordo di sitar e cinguettii elettronici, il tutto all'insegna della monotonia piu` monocorde. Exotica apre le porte di un altro universo attraversando una "tarkovskyana" zona disabitata, dove allignano soltanto suoni senza corpo e senza mente.
Nell'assoluta dissoluzione dell'identita` di quei suoni si realizza l'ideale di assoluto controllo psicofisico del Suono. L'unico ritmo davvero ballabile si trova in Ah Ee Mu, che riassume anche la filosofia dadaista dell'operazione. Piu` che un disco si tratta di una raccolta di effetti sonori.
Se non fosse morto, John Cage potrebbe essere il dj piu` richiesto della prossima stagione.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database
Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright