Sleeper
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Smart, 6.5/10
The It Girl, 6/10
Pleased To Meet You, 6/10
Links:

Smart (Indolent/Arista, 1995) rivela gli Sleeper. Il canto "fatale" di Louise Wener, imbevuto di versi oltraggiosi e piu` o meno esistenziali come "What kind of A to Zed would get you here?", sulla traccia-manifesto Inbetweener, prende lo spunto (piu` di uno) dalle dive decadenti della new wave (Blondie e Pretenders su tutte). La musica del gruppo e` un diligente compromesso fra Elastica ed Echobelly, pop ma non troppo, chitarristico (senza gli orpelli barocchi del brit-pop) ma non troppo, progressivo ma non troppo.
L'album raccoglie diligentemente i singoli che l'hanno preceduto nei due anni di vita del complesso: Delicious, con un ritmo brillante e un registro mutuato dalla prima Nico; Swallow, con un rap sensuale e una base strumentale che riecheggia la Sister Ray dei Velvet Underground; Alice In Vain, con la sua ipnotica e angosciata atmosfera; e In Betweener, con le chitarre ancor piu` scorbutiche e un ritornello piu` arioso.
Il resto del disco costituisce un tour de force della cantante, la cui personalita` viene progressivamente e prepotentemente alla ribalta. Il fantasma di Nico affiora in tutta la sua spettralita` nella soffice ballad di Hunch, mentre l'indole di malvagia ragazzina trionfa nel garage-rock sguaiato di Bedhead. L'arringa di Lady Love Your Countryside fa pensare agli shuffle disincantati di Sheryl Crow. La recitazione si fa sempre piu` ardita, man mano che ci si allontana dai singoli, immersa in contesti sempre piu` complessi, per culminare nel decor di violini e tromboni di Vegas.
Il finale, a sorpresa, recupera invece il formato tradizionale della canzone rock, con finalmente riff e cadenze e melodie come dio comanda, e allora sventolano il ritornello epico di Twisted e il rock vibrante in stile Pretenders di Pyrotechnician.
A favore del gruppo e della cantante gioca l'arrangiamento chitarristico, che rifuggendo dai riff affilati, produce un subdolo rumore di sottofondo, fatto di distorsioni, dissonanze e accordi sgraziati in liberta`, un ruvido barrage di suoni che funge piu` da motore che da staffilata. Le ondate di cimbali della batteria non fanno che seguire questo spirito

The It Girl (Indolent/Arista, 1996) segna una svolta. La produzione piu` professionale, con la parte strumentale quasi assordante, e un continuo ricorso ad arrangiamenti sofisticati, non giova al sound degli Sleeper, che era felicemente ancorato alla teatralita` sommessa di Louise Wener (uno dei pochi veri talenti canori ad essere emerso dall'intero brit-pop). Questo e` il sound degli Oasis, metti o togli un decibel. Le fanfare swinganti e i girotondi infantili di Feeling Peaky o l'impeto marziale di Dress Like Your Mother confondono piu` che altro le idee. Gran parte delle canzoni non hanno ossatura. Peggio: il canto di Wener e` diventato un concentrato di stereotipi del momento. I singoli What Do I Do Now (un brit-pop con arrangiamenti synth-pop) e Sale Of The Century (il reggae dei Clash) non aggiungono molto al loro pedigree. I ritmi da ballo che affiorano qua e la` sfociano nella disco-music di Nice Guy Eddie, perfetta imitazione della piu` sbiadita Blondie.

Pleased To Meet You (Indolent, 1997), il terzo album, che ruba il titolo a una pietra miliare dei Replacements, rivela una Wener sempre piu` attrice e meno cantante. Questa piccola Nico pennella una She's A Good Girl, ma non riesce a tenere in piedi un disco che, come i precedenti, manca fondamentalmente di idee e ha l'unico pregio di essere piu` originale e soprattutto personale del brit-pop (almeno in Romeo Me e Motorway Man) senza neppure perdere in orecchiabilita` (Rollercoaster). Non sorprende pertanto che gli arrangiamenti si siano piegati agli standard di moda in Gran Bretagna, con violini ed elettronica in primo piano.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
What is unique about this music database