Stereo Total
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Oh Ah , 7/10 (comp)
Monokini , 6/10
Stereo Total , 7/10 (comp)
Juke-Box-Alarm , 6/10
My Melody , 5/10
Musique Automatique , 6/10
Do The Bambi (2005), 5/10
Discotheque (2006) , 4/10
Paris Berlin (2007), 4/10
No Controles (2009), 4/10
Baby Ouh (2010), 4/10
Cactus versus Brezel (2012), 4/10
Links:

Stereo Total is vocalist and electronic wizard Brezel Goering's project, based in Berlin. The line-up could not be more international: Francoise Cactus from France on drums and vocals, Lesley Campell from Scotland on guitar, Iznogood from Arabia on bass. Lyrics are sung in German, French, Italian, English and Japanese. The music borrows freely from new wave, punk-rock, disco music and synth-pop. The early singles (Allo J'Ecoute, Oh Ah Oh Ah, Monokini , Juke-Box Alarm) span three decades of popular music, bridging Ramones, funk, girl-groups, Giorgio Moroder and Francoise Hardy. Far from being some postmodern exercise of collage and cut-and-paste, Stereo Total is, first and foremost, a party band. Oh Ah (Bungalow, 1995) is mainly an anthology of the early recordings.

Their goofy, anarchic, exuberant harmonies turn Monokini (Bungalow, 1997) into the sonic equivalent of a Marx Brothers movie. The band triumphs in their imitation of French oldies, but fares as well with spaghetti western, easy listening and exotica. The standout track, Schoen Von Hinten, recalls the Pizzicato Five.

The best tracks of the two albums were compiled on Stereo Total (Bobsled, 1998).

Juke-Box-Alarm (Bungalow, 1998 - Kill ROck Stars, 2006) starts out as a parody (Holiday Inn) but soon displays Goering's dexterity at arrangements (a typewriter keeps the rhythm of Dactylo Rock, extraterrestrial keyboard noises derail Touche Moi's refrain).

My Melody (Bungalow, 1999 - Kill Rock Stars, 2006) is far less engaging than the previous collections. It is not only confused and derivative, but also short of slapsticks. The songs are simply songs, played and sung for the sake of evoking a catchy refrain (catchiest being Vilaines Filles Mauvais Garcons))

Musique Automatique (Bungalow, 2001 - Kill Rock Stars, 2002) marks an improvement over the sell-out of the previous album. Stereo Total has clearly opted for a more facile style, but at least here the fusion of French easy-listening, British operetta, Broadway musical and new wave, set to amateurish dance beats, beach Farfisa and garrulous exotic singer, concocts a few charming "chansons" (L'Amour A 3, Forever 16, Je Suis Une Poupee, Ma Radio). In the wake of Air or Stereolab, Stereo Total now need to carve themselves a viable niche. The album includes Wir Tanzen Im Viereck, one of the staples of their live shows.

The ditties on Do The Bambi (Kill Rock Stars, 2005) run the gamut from synth-pop to ye-ye beat, quoting from Beethoven as well as the Velvet Underground. Francoise Cactus is virtually unbeatable at her game of Sixties impersonation.

Discotheque (Disko B, 2006) lacks enough original material to make it a Stereo Total album. Their electronic dance pop is becoming more and more commercial.

Paris Berlin (Kill Rock Stars, 2007), No Controles (2009), Baby Ouh (Kill Rock Stars, 2010), and Cactus versus Brezel (2012) sound indeed like a compromise between the most melodic French chansonnier and the most atmospheric German electronic music.

(Translation by/ Tradotto da Massimiliano Monteverdi)

I berlinesi d'adozione Stereo Total sono il progetto del cantante e mago

dell'elettronica Brezel Goering. La nazionalità dei componenti del gruppo

difficilmente potrebbe essere più eterogenea: la batterista e cantante

Francois Cactus è francese, il chitarrista Lesley Campell scozzese, il

bassista Iznogood arabo. Inglese, francese, italiano e giapponese sono le

lingue in cui i testi vengono cantati. La musica si rifà con grande libertà

alla new wave, al punk-rock, alla disco music e al synth-pop. I primi

singoli (Allo J'Ecoute, Oh Ah Oh Ah, Monokini, Juxe-Box Alarm) abbracciano

almeno trenta anni di musica popolare, gettando un ponte ideale fra Ramones,

il Funk, i gruppi vocali femminili, Giorgio Moroder e Fraincos Hardy. Ma,

lungi dall'essere un esercizio postmodernista di collage e copia-e-incolla,

gli Stereo Total sono prima di ogni altra cosa una party band. Oh Ah

(Bungalow, 1995) è per la gran parte un'antologia delle prime cose.

Le loro armonie un po' sciocche, anarchiche ed esuberanti trasformano

Monokini (Bungalow, 1997) nell'equivalente musicale di un film dei Fratelli

Marx. A trionfare sono gli apocrifi di vecchi classici della canzone

francese, ma il gruppo ottiene comunque ottimi risultati anche nel rifare

generi come lo spaghetti western, l'easy listening e l'exotica. Su tutto

spicca la canzone Schoen Von Hinten, che ricorda i Pizzicato Five.

Il meglio dei primi due album è raccolto su Stereo Total (Bobsled, 1998).

Juxe-Box-Alarm (Bungalow, 1998) inizia come una parodia (Holyday Inn), ma

mette soprattutto in risalto l'abilità di Goering come arrangiatore (una

macchina da scrivere tiene il ritmo di Dactylo Rock, una tastiera con i suoi

suoni extraterrestri fa deragliare il ritornello di Touche Moi).

My Melody (Bungalow, 1999) è molto meno avvincente delle opere precedenti.

Non è solo confuso e derivativo, ma anche povero di episodi veramente

divertenti. Le canzoni rimangono semplici canzoni, suonate e cantate con il

solo scopo di evocare un ritornello orecchiabile.

Musique Automatique (Bungalow, 2001- Kill Rock Stars 2002) segna un passo

avanti rispetto alla svendita generale costituita dal disco precedente. Gli

Stereo Total hanno senza dubbio optato per uno stile più abbordabile, ma

almeno qui, nella fusione di easy-leastining, di operetta inglese, di

musical di Broadway e new wave, sintonizzata su disco beat amatoriali, con

aggiunta di Farfisa da spiaggia e voce garrula ed esotica, il gruppo ha

trovato gli ingredienti per creare qualche "chanson" di sicuro fascino (L'

Amour A 3, Forever 16, Je Suis Une Poupee, Ma Radio). Sulla scia di Air o

Stereolab gli Stereo Total sono ora alla ricerca del loro "Lebensraum",

tanto estetico quanto economico. L'album include Wir tanzen im Viereck, uno

dei cavalli di battaglia delle loro esibizioni dal vivo.

What is unique about this music database