Sun Dial
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Modern Art
Other Way Out , 6/10
Return Journey , 5/10
Reflecter , 6.5/10
Libertine , 6.5/10
Acid Yantra , 6.5/10
Live Drug, 6/10
Zen for Sale (2003), 5/10
Links:

Il chitarrista e cantante Gary Ramon inizio` la sua carriera nei Modern Art, dei quali uscirono Stereoland (Color Discs, 1987) e All Aboard The Mind Train (OOD, 1989) (Acme, 1994). Il secondo in particolare segnalava la vocazione per l'acid-rock piu` selvaggio.

I Sundial nacquero dall'incontro fra Gary Ramon e il tastierista Anthony Clough e il percussionista Dave Morgan. Il trio registro` Other Way Out (Tangerine, 1990 - UFO, 1991 - Acme, 1996), un disco che rivisita gli stereotipi dell'acid-rock in canzoni come Exploding In Your Mind (melodie languide, distorsioni da capogiro, cadenze ipnotiche) e Magic Flight (flauto esoterico dei King Crimson e progressioni melodica dei Beatles). Un paio di brani si spingono pero` oltre la citazione: Plains Of Nazca, che mescola una melodia alla Astronomy Domine` (Pink Floyd), un assolo di organo a meta` strada fra surf music e minimalismo e un infuocato tema di chitarra; e la lunga jam di She's Looking All Around, all'insegna di un progressive-rock fiabesco. Le edizioni successive del disco aggiungono altri brani, rimasti (giustamente) esclusi dalla prima stampa. Il loro rock psichedelico era piu` originale di quello di Echo And The Bunnymen e compagni, ma troppo artigianale per lasciar traccia.

Rimase a lungo inedito Return Journey (Acme, 1994), registrato nel 1990.

A quel punto Ramon rifece la formazione, assoldando Chris Dalley alla seconda chitarra e una nuova sezione ritmica. Reflecter (Ufo, 1992) viraro` verso un pop lambiccato che ricorda lo stile del Paisley Underground californiano (Easy For You, I Don't Mind, Never Fade), ovvero la psichedelia piu` languida degli anni nell'"interstellar overdrive" della lunga Mind Train. La grinta degli esordi e` rimasta soltanto nella cadenza martellante di Reflecter e nel blues iperdistorto di Slow Motion.

Continuando di questo passo i Sundial tenteranno di fondere il loro canone psichedelico con le sonorita` del ballabile moderno a partire da Libertine (Beggars Banquet, 1994), con Other Way Out candidata all'ascolto di massa.

La stessa produzione reboante deprime (o esalta, a seconda dei gusti) Apollo e Bad Drug, le canzoni di punta del quinto Acid Yantra nel 1995. Il gruppo e` in ogni caso a corto di idee, come dimostrano la languida Red Sky (echi di Wind Cries Mary di Hendrix), la vibrante Are You Supernatural (echi della Plastic Ono Band) e la spaziale Nova (echi di 200 Light Years degli Stones).

Live Drug (Acme, 1996) e` ormai soltanto stanco mestiere.

Inconstanti e poco dotati come quasi tutti gli shoegazer, i Sundial hanno soltanto il pregio di essere piu` rock (concisi, trascinanti, melodici) della media. Ma rimangono due spanne sotto i grandi musicisti psichedelici dei loro anni, dagli High Rise ai Fushitsusha.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
Gary Ramon resurrected Sundial (although with a different line-up) and recorded Zen for Sale (Acme, 2003), which sounds like a timid tribute to the original sound of Sundial. It contains both psychedelic-pop ditties (Out Of Space And Out Of Time, You're Still Wondering) and dilated ballads (Believe In The Spaceman, Blue Sugar). (Translation by/ Tradotto da K)

Gary Ramon fa risorgere i SunDial (anche se con una diversa formazione) e registra Zen for Sale (Acme, 2003), disco che suona come un timido tributo al suono originale del gruppo. Contiene sia canzonette pop-psichedeliche (/Out Of Space And Out Of Time/, /You're Still Wondering) /che lunghe ballate (/Believe In The Spaceman/, /Blue Sugar/).

What is unique about this music database