Trance Groove
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
Paramount , 6/10 Links:

Trance Groove e` un collettivo di Cologne dalla formazione piuttosto atipica: Reiner Winterschladen alla tromba, Jurgen Dahmen al pianoforte elettrico, Helmut Zerlett al sintetizzatore, Samson Gassama alle percussioni africane, Dal Martino alle chitarre e al basso, Stefan Krachten alla batteria, e un disc jockey ai giradischi. In pratica e` come se avessero fuso la formazione rock, jazz, classica e hip hop.

Paramount (Call It Anything, 1996) e` il disco che li rivela. La tromba domina le atmosfere di Dschang Thang con il suo fraseggio fluido alla Miles Davis, tanto che alla fine sembra di ascoltare la colonna sonora di un film noir degli anni '50, immersa nei moderni ritmi da ballo. Le fredde elucubrazioni armoniche dei Can erigono il jamming di Stone Soup e ancora una volta la tromba vola altissima con i suoi luminosi assoli. La lunga Ange Gardien (quasi un quarto d'ora) prova a dare statura artistica al jazz soffice da salotto. Paris e` ancor piu` dolce e sensuale. E il disco si chiude con un esplicito omaggio al jazzista Terje Rypdal. Il progetto e`, insomma, per meta` al limite degli stereotipi della musica commerciale.
Trainspotting, tutta ritmo torrenziale e sincopi iper-tecnologiche, precipita in un altro pianeta, lo stesso in cui si dibatte lo spasimo tribale di Paramount. Questo versante del progetto e` molto piu` impervio e avventuroso, ma forse potrebbe anche procurare i brividi piu` intensi. Purtroppo l'ensemble non osa spingersi troppo avanti in nessuna delle due direzioni, e resta soltanto l'impressione di un gruppo notevole di talenti, forse carente di un improvvisatore/arrangiatore capace di dar loro una chiara direzione.
L'album e` stato registrato dal vivo.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
What is unique about this music database