Antlers


(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Hospice (2009) , 7/10
Burst Apart (2011), 6/10
Familiars (2014), 5.5/10
Links:

The New-York based Antlers emerged as a major power in post-rock with Hospice (Frenchkiss, 2009), a psychological concept album that displays rare storytelling acumen for rock musicians. Conceptually, Who's rock operas, Gentle Giant's In A Glass House , and, more recently, the Eels' Electro-Shock Blues, Cursive's Domestica and Neutral Milk Hotel's In the Aeroplane Over the Sea are the obvious references, but the Antlers aim for a more metaphysical and far less glamorous ground. Peter Silberman's unstable, nervous and quivering vocals complement his lyrics, and the even more tormented and elegiac soundscape created by guitarist Darby Cicci (also credited for trumpet, banjo and keyboards), drummer Michael Lerner and bassist Justin Stivers constitutes a third line of narrative. After the instrumental Prologue, a Coldplay-ian litany introduces Kettering that soon accelerates into controlled melodrama. The soundscape is dirty enough to eliminate any suspicion of grandeur. So the waltzing nursery rhyme of Shiva relies on artful jazzy drumming and sloppy keyboards for additional pathos. So the magniloquent Sylvia sounds like Guns N' Roses covering a pop ballad, replete with horn fanfare, but enough eccentric sounds pop up to temper the pomp. The evolution of a song is also studiedly irregular to throw the listener off balance. Bear turns an almost a-cappella declamation into a swinging Sixties melody with loud and thick orchestration.
All of these techniques are leveraged in the longest pieces. The seven-minute Atrophy is a subtle kammerspiel whispered against jazzy drums, a rollicking drum-machine and tender piano notes. When it picks up steam, as usual, it reaches extreme intensity instead of stopping at an affordable midlevel; and so it becomes a piece of abstract electronic music before it restarts as a spare acoustic confession. Silberman switches to a whining falsetto for the soulful rigmarole of Two, reminiscent of pop populists of the past such as Soul Asylum, while Cicci and friends weave a thick atmosphere of mandolin and sitar and all sorts of percussion further aggravate the mix. The eight-minute Wake employs so many aural detours that one almost feels the band is trying to distract the listener from the words. Again, the stream of consciousness explodes in a triumphant finale. There is a general ideology at work of hijacking every detail so that the whole is always more than the sum of its parts and nothing is quite what it seems to be.

Like the 1980s arena rock that inspired it, the sleek electronically enhanced Burst Apart (Frenchkiss, 2011) is largely an exercise in long-distnace seduction. Peter Silberman unleashes his pyche in the touching U2-esque ode I Don't Want Love the falsetto soul ballad over skittish drumming Parentheses, and the tenderly desolate No Widows, whose keyboards toy with Doors-ian grandeur and Pink Floyd-ian angst. His hedonistic side takes over in the rolling synthetic beat of French Exit, that sounds like an update on Inxs, and in the late-night cocktail-lounge funk shuffle Every Night My Teeth Are Falling Out. The hypnotic oneiric looping Rolled Together and the Ennio Morricone-inspired instrumental Tiptoe are the ultimate mood-pieces. The last three songs were probably added just to reach the size of an album: any amateur could have done better.
Multi-instrumentalist Darby Cicci and drummer Michael Lerner work wonders on these mood pieces. They are the ones crafting the soundscape in which Silbermann enjoys getting senselessly lost all the time.

The Antlers's EP Undersea (2012) contains the slow, acid, lazy eight-minute litany "Endless Ladder", the languid Pink Floyd-ian elegy Drift Dive and especially the jazzy, gospel-y ethereal ballad Crest.

The electronic mania was definitely abandoned on Familiars (Anti, 2014), which is, ultimately, nothing but a collection of lounge-jazz ballads propelled (or, better, slowed down) by Darby Cicci's mournful trumpet and Michael Lerner's delicate drumming, something like a cross between the Afghan Whigs and Morphine, but with a lot less drama than either. The falsetto hymn and celestial arrangement of opener Palace are misleading. Doppelganger is a better manifesto for the new stage of the Antlers: slow, slow, slow, gentle, gentle, gentle, bordering on somnambulant, with that trumpet that rarely stops crying. Even the slightly oneiric Pink Floyd-ian keyboard textures of Hotel are anomalous here. The emotional core is better represented by the languid guitar licks and funereal synth lines that lull Director to a pastoral slumber, or by the grand country waltz Revisited, or by the solemn paralysis of Parade or by the closing elegy of Refuge. By comparison, the bluesy instrumental break of Surrender (that buries what would otherwise have been a Cat Stevens-ian lullaby) sounds like punk-rock. Variety is definitely not the group's forte: they take one elementary idea and repeat it over and over again for almost one hour, albeit with elegance and dignity. Romantic pop muzak found its new champions; but, after spending a whole hour listening to this trumpet wailing over ever single melody, you'll be paranoid about trumpets.

(Translation by/ Tradotto da Federico Piccioni federicopiccioni@gmail.com)

Gli Antlers, band con sede a New York, è emersa come un'importante esponente del post-rock grazie ad Hospice (Frenchkiss, 2009), un concept album psicologico, che palesa un insolito acume narrativo per dei musicisti rock. Dal punto di vista concettuale, le opere rock degli Who, In a Glass House dei Gentle Giant e alcuni lavori più recenti come Electro-Shock Blues degli Eels, Domestica dei Cursive e In the Aeroplane Over the Sea  dei Neutral Milk Hotel rappresentano i riferimenti più ovvii, anche se gli Antlers si muovono su un terreno più metafisico e ben meno attraente. Peter Silbermann è instabile, linee vocali nervose ed incerte accompagnano le sue liriche; il non meno tormentato ed elegiaco background, plasmato dal chitarrista Darby Cicci (anche alla tromba, al banjo e alle tastiere), dal batterista Michael Lerner e dal bassista Justin Stivers, forma una terza linea narrativa. Dopo la strumentale Prologue, una litania Coldplay-iana introduce Kettering, che presto accellera in un contenuto melodramma. Il suono è sufficientemente sporco da eliminare ogni sospetto di grandezza: la strofa di Shiva è un cullante valzer, che conta su un ingegnoso drumming dal sapore jazz e su approsimative tastiere per conferire un pathos maggiore; la magniloquente Sylvia suona come un brano dei Guns N' Roses convertito in una ballata pop, ingombro di una fanfara di corni, ma sufficientemente eccentrico da alterarne lo sfarzo. L'evoluzione di una canzone è volutamente irregolare anche per obnubilare l'ascoltatore e disorientarlo. Bear trasforma una specie di orazione a cappella in una melodia anni sessanta, con una rumorosa e fitta orchestrazione. Tutte queste tecniche si innervano attraverso brani di lunga durata. Atrophy, dalla durata di sette minuti, è un acuto kammerspiel sussurrato dinnanzi ad una batteria jazzy, una drum machine spensierata e delicate note di piano. Quando questo decolla, come sempre, raggiunge un'intensità parossistica invece di fermarsi a un comodo stadio intermedio. Poi, prima di ripartire sotto forma di spartana confessione acustica, si trasforma in un pezzo di musica elettronica astratta. Silberman sic cimenta in un lamento in falsetto per la passionale storiella di Two, che rievoca il pop populista del passato, come quello dei Soul Asylum, mentre Cicci e gli altri tessono un'intensa atmosfera con mandolino, sitar e ogni sorta di percussione messà lì a rimpinguare il mix. Wake, di otto minuti,  si districa tra così tante deviazioni uditive, che la band sembra quasi che stia provando a distrarre l'ascoltatore dalle parole. Il flusso dei pensieri, ancora una volta, esplode in un trionfante finale. In generale sussiste una tendenza a disintegrare ogni dettaglio , una tendenza che rende il tutto sempre più della somma delle parti che lo compongono e nulla è esattamente ciò che sembra.

Come il rock da arena degli anni ottanta che hanno ispirato il gruppo, Burst Apart (Frenchkiss, 2011), impreziosito da fulgida elettronica, è fondamentalmente un lungo esercizio di seduzione. Peter Silberman sfoga la sua mente nella commosa ode à la U2 di I Don't Want Love, nella ballata soul in falsetto di Parentheses, che prende vita su una batteria iperattiva e nella tenera desolazione di No Widows, dove le tastiere giocano con la mangificenza dei Doors e  con l'angoscia di Pink Floyd-iana memoria. Il loro lato edonistico viene fuori nel ritmo sintetico di French Exi, che suona come una copia degli Inxs e nel funk di Every Night My Teeth Are Falling Out, che rimembra l'atmosfera che ammanta un cocktail sorseggiato in tarda notte. L'impnotico e onirico loop di Rolled Together e la strumentale Tiptoe, che si rifà alle musiche di Ennio Morricone sono ottimi pezzi d'atmosfera. Le ultime tre canzoni, probabilmente, sono state aggiunte soltanto per incrementare la lunghezza dell'album: qualsiasi amatore avrebbe fatto di meglio.

Il polistrumentista Darby Cicci e il batterista Michael Lerner lavorano in maniera soprendente su questi pezzi. Sono coloro che plasmano il sound su cui Silbermann ama naufragare tutto il tempo, senza alcun senso.

L'EP degli Antlers, Undersea (2012) contiene Endless Ladder, una pigra, acida e lenta litania di otto minuti. La languida elegia Pink Floydi-iana Drift Dive e soprattutto la jazzata ed evanescente ballata Crest, dal retrogusto gospel.

La mania elettronica fu definitivamente abbandonata in Familiars (Anti, 2014), che è, tirando le somme, niente più che una collezione di pallate lounge-jazz spinte ( o, ancora meglio, trattenute) dalla compita tromba di Darby Cicci e dal delicato drumming di Michael Lerner, qualcosa come una croce fra Afghan Whigs and Morphine, ma con molto meno dramma che là. Il falsetto e il celestiale arrangiamento della canzone d'apertura, Palace, sono fuorvianti. Doppelganger è qualcosa che rappresente molto meglio la nuova fase degli Antlers: piano, piano, piano, delicato, delicato, delicato, confinante con sonnanbulante, con questa tromba che raramente smette di piangere. Anche le strutture vagamente oniriche della tastiera Pink Floyd-iana di Hotel, in questo contesto sono anomale. Il nucleo emotivo è meglio rappresentato dai fraseggi languidi di chitarre e dalle funeree linee di sintetizzatore che cullano Director in un sonno pastorale oppure dal valzer country di Revisited o dalla paralisi solenne di Parade o, ancora, dall'elegiaca conclusione di Refuge. In confronto, l'intervallo strumentale dall'aria blues di Surrender (che soffoca ciò che altrimenti sarebbe potuta essere una ninna nanna alla Cat Stevens) suona come punk-rock. La capacità di variare non è decisamente il cavallo di battaglia del gruppo: prendono un'idea elementare e la ripotono ancora e ancora per quasi un'ora, sebbene con eleganza e dignità. Il pop romantico ha trovato i suoi nuovi campioni; dopo aver speso un'ora intera ad ascoltare questa tromba lamentarsi su ogni singola melodia, però, è possibile che odierete le trombe.

 

(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database