Bon Iver


(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

For Emma Forever Ago (2008), 6.5/10
Megafaun: Bury the Square (2008), 6/10
Megafaun: Gather Form & Fly (2009), 6/10
Volcano Choir: Unmap (2009), 6.5/10
Bon Iver (2011), 5.5/10
Megafaun: Heretofore (2010), 6/10
Links:

DeYarmond Edison was a roots-rock band hailing from Wisconsin. When they settled in North Carolina, Justin Vernon decided to return to Wisconsin and launch his solo project, Bon Iver.

The stark, skeletal For Emma Forever Ago (Jagjaguwar, 2008) presented a melancholic singer-songwriter in the vein of Iron And Wine. Vernon is fluent in a versatile falsetto register, best demonstrated in the singalong Flume. But his real asset is the way a song is constructed and unwound. The counterpoint to the vocals in Lump Sum are a monk-like choir and a pseudo-Brazilian pattern that the guitar repeats over and over again. The effect in the pseudo-blues shout of Skinny Love is that the strumming is even plainer, but in reality it's a duet of guitar and banjo that maintains the apparent equilibrium. The dreamy art of The Wolves (Act I and II) is mostly vocal polyphony, merging gospel, doo-wop and West-Coast folk-rock. The pure ethereal atmosphere of Blindsided relies as much on double falsetto dialogue as on colorful if subdued guitar knitting. After a hummed overture, Creature Fear toys with mood shifts, alternating whispered to shouted parts, For Emma is, instead, wildly different in nature: a lively and romantic tune that actually boasts an arrangement of horns and twangy guitar (and a long instrumental break). The closer is also the longest piece, Re: Stacks, a calm dreamy meditation with none of the subtlety of the previous songs, but, on the other hand, a lot of tenderness.

The EP Blood Bank (Jagjaguwar, 2009) contains 4 tracks of material recorded between 2006 and 2008, notably the hypnotic Babys (based on loud piano strumming), the psychedelic chant Woods (worthy of David Crosby's If I Could Only Remember my Name), and the poignant if plain single Blood Bank, that basically follows in the footsteps of the album's last song, Re: Stacks.

Bon Iver's Justin Vernon and Wisconsin's instrumental combo Collections of Colonies of Bees formed Volcano Choir and released the brainy and gloriously deranged Unmap (Jagjaguwar, 2009). This time Bon Iver sang in an ecstatic, stoned, dreamy register that evoked David Crosby's If I Could Only Remember My Name. The band accompanied him with discrete acoustic touches. Some songs are little more than abstract mood-sculpting for acoustic guitar and ghostly voices (Husks And Shells) That psychedelic element meets post-rock and minimalist repetition in the seven-minute Seeplymouth, reminiscent of Laurie Anderson before it turns into a tribal orgy. The other seven-minute piece, Still, is an agonizing remix of Woods. Dote is little more than an "om" released on top of a mountain in a distant land. There is more than just transfixed meditation for old hippies. Mbira In The Morass childishly deconstructs the format of the jazz ballad for cocktail lounges. Being a regular song, Island IS looks like an oddity here. The whole album feels like a ghostly experience, a brief detour into another dimension.

Bon Iver (Jagjaguwar, 2011) was almost the exact opposite of the debut album: drenched in lush electroacoustic orchestration (including a string section arranged by Rob Moose and saxophonist Colin Stetson). Perth (falsetto soul music with martial drumming and chaotic bombast) signaled a complete change of direction. For better and for worse, Bon Iver indulged in Babelic confusion, best represented by Minnesota WI in which an ambient guitar melody reminiscent of Western movie soundtracks, funk-soul rhythm, lounge horns and bluegrass strumming coexist and alternate without any rational, narrative justification. It's like Van Morrison's Moon Dance but without the killer melodies. He often employs a strategy of progressive refinement: the country-rock tune Towers begins as a nebula of sound but with every sentence he adds an instrument, a riff, a vocal counterpoint, a sound effect. Other songs simply don't go anywhere and consist in floating around the vocals, as is the case for the orchestral dream Wash.
When Bon Iver sticks to a center of mass, like in the single Calgary, he sounds like a hard-rock version of Sting. Thanks to Doogie Howser's solemn piano notes, Beth/Rest evokes Chicago's grand ballads, except that Bon Iver lacks the grand hook to go with it and therefore opts for a pointless instrumental jam.
The brief and psychedelic Hinnom TX and the surreal glitchy instrumental Lisbon OH end up sounding more intriguing than the ambitious architectures of the louder songs. The introverted atmosphere of the debut album is partially reenacted in the fragile jazzy litany of Holocene and in the sleepy slocore cry of Michicant.
His falsetto is an acquired taste. It definitely lends an sense of vulnerability to the songs, but it also keeps them from sounding more adult. This over-produced album ends up showing the limitations of Bon Iver's skills as a composer and a songwriter. What is amazing is that songs that are arranged and structured in such wildly different manners end up sounding so similar and repetitive.

(Translation by/ Tradotto da Carmine De Matteis)

DeYarmond Edison era una band di roots-rock proveniente dal Winsconsin. Quando tutti i membri si trasferirono nel North Carolina, Justin Vernon decise di fare ritorno nel Wisconsin e occuparsi del suo progetto solista: Bon Iver.

L’essenziale, scarno For Emma Forever Ago(Jagjaguwar, 2008) presenta un cantautore melancolico sullo stile di Iron And Wine. Vernon fluisce attraverso un versatile registro in falsetto, di cui massimo esempio è la corale Flume. Ma la sua vera risorsa sta nel modo in cui la canzone si costruisce e si svolge. Il contrappunto alle voci in Lump Sum è simile a un coro di monaci intessuto di motivi pseudo-brasiliani reiterati dalla chitarra fino allo sfinimento. L’effetto nell’urlata pseudo-blues Skinny Love è che l’arpeggio sia ancora più semplice, ma in realtà l’equilibrio, solo apparente, è mantenuto da un duetto fra chitarra e banjo. L’arte sognante di The Wolves (Act I and II) si avvicina più alla polifonia vocale, si fonde con il gospel, il doo-wop e con il folk-rock della West-Coast. La pura ed eterea atmosfera di Blindsided si basa tanto su di un doppio dialogo in falsetto che su di un colorato quanto sommesso intreccio di chitarre. Dopo un overture canticchiata, Creature Fear gioca con i cambi di mood, alternando parti sussurrate a parte urlate. For Emma è, al contrario, di natura incredibilmente differente: una canzone vitale e romantica che vanta un arrangiamento di corni e chitarre metalliche (e un lungo stacco strumentale). L’ultimo è anche il pezzo più lungo dell’album, Re:Stacks, una sognante e quieta meditazione dove non c’è nulla della complessità dei pezzi precedenti, ma è pervasa da grande tenerezza.

L’ EP Blood Bank (Jagjaguwar, 2009) contiene quattro tracce di materiale registrato fra il 2006 e il 2008. Si distingue l’ipnotica Babys (basata su un forte strimpellio di pianoforte), il canto psichedelico Woods (degno della If I Could Only Remember my Name di David Crosby) e la struggente e semplice Blood Bank che essenzialmente segue le orme di Re: Stacks, l’ultima canzone del precedente album.

Bon Iver di Justin Vernon e la band strumentale Collections of Colonies of Bees dal Winsconsin formarono I Volcano Choir e rilasciarono il cervellotico e meravigliosamente squilibrato Unmap (Jagjaguwar, 2009). Bon Iver canta in un registro estatico, ubriaco, onirico che richiama ancora una volta If I Could Only Remember My Name di David Crosby. La band lo accompagna con discrete toccate acustiche. Alcune canzoni sono poco più che astratti intarsi nello spirito per chitarre acustiche e voci spettrali (Husks And Shells). L’elemento psichedelico incontra il post-rock e la ripetizione minimalista nei sette minuti di Seeplymouth, ricorda  Laurie Anderson prima di stravolgersi in un orgia tribale. L’altro brano da sette minuti, Still, è un agonizzante remix di Woods. Dote è poco più che un “om” pronunciato sulla cima di una montagna in una terra lontana. E’ molto di più che una semplice meditazione pietrificata da vecchi hippies. Mbira In The Morass decostruisce il formato della ballata jazz adattandola per le sale da cocktails, il tutto come se fosse realizzato da un bambino. Pur essendo una canzone ordinaria, Island IS, riesce a suonare stramba in questo contesto. L’intero disco suona come un’esperienza spettrale, una breve deviazione in un’altra dimensione.

Bon Iver (Jagjaguwar, 2011) è praticamente l’esatto opposto del suo album di debutto: immerso completamente in una orchestrazione elettroacustica lussureggiante (che include una sezione di archi arrangiata da Rob Moose e il sassofonista Colin Stetson). Perth (soul-music cantata in falsetto con rulli marziali e caotica magniloquenza) è il segnale di un cambio di direzione completo. Nel bene e nel male, Bon Iver indulge nella sua confusionaria Babele, ben rappresentata da Minnesota WI nella quale coesistono una melodia ambient per chitarra - reminiscenza di colonne sonore da film western- ritmi funk-soul, corni lounge e strimpellate bluegrass, alternate senza una giustificazione narrativa razionale. Suona come Moon Dance di  Van Morrison ma senza le melodie killer. Spesso utilizza una strategia di raffinamento progressivo dei pezzi: il country-rock Towers diventa come una nebbia di suono, ad ogni frase aggiunge uno strumento, un riff, un contrappunto vocale, un effetto sonoro. Le altre canzoni semplicemente non vanno da nessuna parte e ruotano intorno ai vocalizzi – è il caso del sogno orchestrale Wash. Quando Bon Iver raggiunge il culmine, come nel single Calgary, sembra più una versione hard-rock di Sting. Grazie alle note di pianoforte di Doogie Howser, Beth/Rest ricorda le grandi ballads dei Chicago, salvo per il fatto che Bon Iver preferisce optare per insensate jam strumentali senza afferrare il punto della situazione. La breve e psichedelica Hinnon TX e la strumentale surreale e glitch Lisbon OH sono più intriganti rispetto alle ambiziose architetture dei pezzi più rumorosi. L’atmosfera introversa dell’album di debutto è parzialmente ricostruita in quella fragile litania jazz che è Holocene e nel sonnolento pianto slocore di Michicant. Il suo falsetto è una cosa che bisogna imparare ad apprezzare, lascia un senso di vulnerabilità nelle canzoni, ma al contempo le trattiene da un sound meno adulto. Questo album ultra-prodotto finisce mostrando le grosse lacune nelle capacità compositive e di songwriting di Bon Iver. E’ a suo modo incredibile che nonostante le canzoni siano arrangiate e strutturate in così tante maniere diverse, alla fine sembrino così simili e ripetitive.

(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database