Toby Dammit


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Top Dollar (2001) , 7.5/10
Links:

Toby Dammit, the dance-music project of New York percussionist Larry Mullins, debuted with the six-song EP Gopher Edits (Tricatel) and the single Modus Operandi (Omplatten), which offered a surreal electronic percussive mix. His full-length album, Top Dollar (Omplatten, 2001), is a unique musical artifact that has almost no precedents.
Number One Famous is an Afro-techno missile with freakish overtones a` la Gong smothered in waves of driving polyrhythms. Modus Operandi is a booming tribal dance roamed by sharp, electronic hisses that, after decaying into African frenzy, resumes its syncopated, industrial beat.
The noise and frenzy subside for Roadblocks Here and Here, with swampy skittish equatorial rhythm ripped apart by an audio-verite' motorcycle solo, almost the equivalent of Pink Floyd's Alan's Psychedelic Breakfast for the techno generation.
Jolly Coppers on Parade is Mullins' take on funk-jazz, another relatively slow piece led by steel pan and scratching.
Malmo Nocturne is a dub-jazz shuffle that finally injects some melody into the mix, although it's a noir and even macabre litany (something like a bassoon accompanied by church bells).
The 16-minute Escape From Fire Island is the manifesto of his supernatural art, echoing everybody from Michael Shrieve to Bruce Palmer, from Mickey Hart to Tackhead , Edgar Varese and Frank Zappa's most abstract work, alternating psychedelia, symphonic rock, techno, exotica. The first part revolves around industrial banging and ringing vibraphone tones. Fast drilling, pounding distortions and loud crashing drums build up tension. Then gongs and tablas take over. After several minutes of tablas, a childish percussive carousel is set in motion. The last section consists of showers of oneiric reverbs, galloping gongs and sounds of nature (birds and ocean waves).
The six tracks are dense maelstroms of beats and samples that explore a psychological state very close to total nervous breakdown but also very close to absolute nirvana. This is the soundtrack of reincarnation.

Morphosa Harmonia (2004) is a collaboration with Thomas Wydler of the Bad Seeds.

Dammit also produced the soundtrack for Mark Whiting's movie The Legend of Apple Jack (2003), employing a 21-piece orchestra.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Il progetto dance del percussionista nuovaiorchese Toby Dammit (nome d'arte di Larry Mullins), debuttò con l'EP di sei canzoni Gopher Edits (Tricatel) e il singolo Modus Operandi (Omplatten), che proponeva un mix elettronico percussivo e surreale. Il suo album in studio Top Dollar (Omplatten, 2001), era uno straordinario artefatto musicale con pochissimi precedenti.

Number One Famous è un missile afro-techno, represso da ondate di poliritmi trainanti e accompagnato da sfumature freak che rimandano ai Gong. Modus Operandi è una rimbombante danza tribale percorsa da acuti fischi elettronici che riprende il suo ritmo industriale sincopato, per poi deperire in una frenesia africana.

Il rumore e la frenesia che decrescono caratterizzano Roadblocks Here And Here presentano i cui ritmi equatoriali incostanti e paludosi vengono lacerati in più parti da un audio-veritè solista di motocicletta: il brano è perlopiù l'equivalente musicale di una Alan Psichedelic Breakfast dei Pink Floyd fatta su misura per le generazioni techno. Jolly Coppers On Paradise Is Mullins', un altra traccia dominata da pentole d'acciaio e suoni graffianti, prende nuovamente ispirazione dal funk-jazz.

Malmo Nocturne, benchè sia a tutti gli effetti una litania macabra e oscura (somiglia ad un fagotto accompagnato al suono di campane di chiesa), è un frullato dub-jazz che innesta alcune melodie alla fine del mix. I sedici minuti di Escape From Fire Island, che alterna psichedelia, rock sinfonico, techno ed exotica riecheggiando Michael Shrieve, Bruce Palmer, Mickey Hart, i Tackhead, Edgar Varese e i lavori più astratti di Frank Zappa, è il manifesto della sua arte supernaturale. La prima parte verte sui ritmi industriali e sulle note squillanti del vibrafono. Rapidi suoni di trivella, distorsioni martellanti e forti percussioni fracassanti costruiscono tensione incorporando più tardi gong e tablas. Dopo molti minuti viene messa in moto un'infantile giostra percussiva. L'ultima parte non è altro che una doccia di riverberi onirici, gong galoppanti e suoni naturali (uccelli e onde oceaniche).

Le sei tracce sono densi turbini di ritmi e campionamenti che esplorano una condizione psicologica tanto vicina al collasso nervoso quanto al nirvana assoluto. Questa è la colonna sonora della reincarnazione.

Morphosa Harmonia (2004) è una collaborazione con Thomas Wydler dei Bad Seeds.

Dammit produsse anche la colonna sonora del film The Legend Of Apple Jack (2003) di Mark Whiting, adoperando un'orchestra di ventuno elementi.

(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database