Interpol
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso)
Turn on the Bright Lights (2002), 7/10
Antics (2004), 6/10
Our Love to Admire (2007), 5/10
Julian Plenti: Is Skyscraper (2009), 5/10
Interpol (2011), 5/10
Links:

Interpol formed in New York City in 1998, and immediately established themselves as one of the "hot" acts on the alternative circuit. The quartet (Paul Banks on vocals and guitar, Daniel Kessler on guitar, Sam Fogarino on drums, Carlos De on bass) followed their first EP, Interpol (Chemikal Underground, 2000), with another EP, Interpol (Matador, 2002). The three songs on the latter justify the hype. The soaring, epic refrain of PDA opens the proceedings over a steady boogie rhythm that is reminiscent of early Velvet Underground while mixed with a quasi-raga, quivering jangling guitar. Banks' baritone intones a lugubrious ode in the tradition of English dark-punk of the late 1970s (Joy Division). The gloomy, stark mood of that psalm spills over into the hypnotic calm of NYC, a R.E.M.-ish psalm sung in a dreamy tone and accompanied by a guitar strum that eventually relaxes in scintillating, shoegazing tremeloes. The trance dissolves in the laid-back shuffle of Specialist, wrapped in a Doors-ian atmosphere and lifted by a melodramatic howl.

Interpol's first album, Turn on the Bright Lights (Matador, 2002), is, first and foremost, a very cohesive work of art. The recording wraps the songs in a dark, somber, claustrophobic, dystopian sound, as if they were coming from an ominous distance, something akin to Public Image Ltd's existential dub but with the rage of punk-rock still percolating through the lattice of neurosis. Kessler is particularly impressive in the way he uses the guitar to "color" each song with a different mood. His style is a masterful synthesis of minimalistic repetition and of psychedelic droning. The transcendent quasi-instrumental Untitled recalls a sweeter, calmer, noise-less Sonic Youth. On the other hand, the bouncy, ska-ish strumming in the emphatic Say Hello to the Angels helps conjure visions of Jim Morrison fronting the Dance Hall Crashers.
Emotionally speaking, the appeal of the album is that it traverses the horizon, rising with the viscerally dejected, corrosively anguishing Obstacle 1, peaking with the sun-bathed, jangling singalong The New and its dissonant, trancey instrumental coda, and setting with the quietly relentless mantra of Leif Erikson.
There is, of course, more than mere moody, melancholy folk-pop at work. The ghostly, cosmic disco-music of Hands Away almost reenacts Robert Wyatt's calvary. The intricate vocal overdubs of Obstacle 2 virtually coin a modern version of Gregorian chanting, leveraging another undulating lullaby à la R.E.M.. The raga scaffolding underlying Stella Was a Diver and She Was always Down (one of their peaks) comes to light only towards of the end of what appears to be a conventional ballad. Roland borrows the tragic weltanschauung of prog-rock poets Van Der Graaf Generator and ignites it via a cascading riff worthy of hard-rock and a pounding boogie beat. The attitude of the band is unassuming but the scope of their music is colossal.
Throughout the album, the band abuses cliches from the Velvet Underground and the R.E.M., but, when the results are so enchanting, even the abuse is a welcome practice.

The Black EP (EMI, 2003) offers alternate versions of six tracks.

(Translation by/Tradotto da Claudio Lancia)

Gli Interpol, formatisi a New York nel 1998, si sono subito imposti come uno degli "hot-acts" del circuito alternativo. Il quartetto (Paul Banks a chitarra e voce, Daniel Kessler alla chitarra, Sam Fogarino alla batteria, Carlos De al basso) hanno fatto seguito al primo EP, Interpol (Chemikal Underground, 2000), con un altro EP, Interpol (Matador, 2002). Le tre canzoni di quest'ultimo giustificano l'interesse sviluppattosi attorno al gruppo. L'epico ritornello di PDA ha un ritmo che attinge a piene mani dai primi Velvet Underground miscelato ad una chitarra quasi-raga, tremolante e sferragliante. La voce baritonale di Banks intona una ode lugubre nella tradizione del dark-punk inglese fine '70 (Joy Division). L'oscuro, spoglio mood di quel salmo attinge dall'ipnotica calma di NYC, un salmo alla R.E.M. cantato in un tono trasognato ed accompagnato da una strimpellata di chitarra che rilassa in scintillanti tremolii. Lo stato di trance si dissolve nel laid-back shuffle di Specialist, avvolta in un'atmosfera Doors-iana innalzata da un grido melodrammatico.

Il primo album degli Interpol, Turn on the Bright Lights (Matador, 2002), è innanzi tutto un lavoro artistico di grande coesione. Le canzoni sono avvolte da un suono cupo, scuro, claustrofobico, di aspetto sinistro, qualcosa di simile al dub esistenziale dei Public Image Ltd ma con la rabbia del punk-rock filtrato attraverso la grata delle nevrosi. Kessler è particolarmente impressionante nel modo di usare la chitarra, colorando ogni brano con un diverso mood. Il suo stile è una sintesi magistrale di minimalismo e di suoni psichedelici. Il trascendente quasi strumentale Untitled richiama alla mente i più dolci, calmi e non rumorosi Sonic Youth. D'altro canto, la vivacità in chiave ska della enfatica Say Hello to the Angels evoca visioni di Jim Morrison di fronte ai Dance Hall Crashers.
Dal punto di vista emozionale, l'attrazione dell'album consiste nel fatto che attraversa l'orizzonte, crescendo col visceralmente triste e corrosivamente angosciante Obstacle 1, salendo con il bagno solare di The New e la sua coda trance strumentale e dissonante, e con l'inesorabile mantra di Leif Erikson.
Naturalmente, c'è più che semplice folk-pop suggestivo e malinconico al lavoro. La cosmica disco-music di Hands Away rimette quasi in scena il calvario di Robert Wyatt. Gli intricati intrecci vocali di Obstacle 2 coniano virtualmente una moderna versione dei canti gregoriani, facendo leva su un'altra ninna nanna alla R.E.M.. L’impalcatura raga alla base di Stella Was a Diver and She Was always Down si accende solo alla fine di quella che sembra essere una ballata convenzionale. Roland prende a prestito la tragica poesia del prog-rock stile Van Der Graaf Generator e dà il via ad una cascata di riff degni del miglior hard-rock e ad un martellante boogie beat. L'attitudine della band è senza pretese ma le possibilità della loro musica sono colossali.
Per tutta la durata del disco la band abusa dei cliché tipici dei Velvet Underground e dei R.E.M., ma, quando il risultato è così incantevole, anche gli abusi sono benvenuti.

The Black EP (EMI, 2003) contiene versioni alternative di sei tracce.

Rather than the British new-wave, the reference point of Interpol's Antics (2004) is the arena rock of the 1980s. Next Exit begins like a solemn liturginal hymn over a dark organ drone but morphes into a laid-back singalong that picks up pace until it hits a mildly dissonant instrumental passage highlighted by reverbed guitar and soaring keyboards: the effect is more R.E.M. than Velvet Underground. The stuttering rigmarole of Evil (soaring, as usual, in an emphatic refrain) relies on mutating guitar styles (from roowdy southern-boogie to a brief ska innuendo to frantic U2-style strumming). Occasionally one is justified in detecting the British heritage (Take You On A Cruise could be a Siouxsie Sioux litany, despite an odd bass-riff quotation from Talking Heads' first album) but the delivery is far less "gothic" and the texture is way more polished. By the same token, Interpol's existential ballad, carefully crafted to sound both hypnotic and mournful, is, again, more R.E.M.-ian than Joy Division-ian (NARC). After a while, the trick of soaring melodies at accelerating tempos gets repetitive. Sometimes (Not Even Jail, C'Mere) the emphasis is all that is left, and the instruments try to justify it, ex-post, through ever more invasive guitar work and rhythmic noise. All in all, Interpol fares better when they simply indulge in their sins, such as the disco-punk vortex of Slow Hands or the tortured psychological portrait of Public Pervert. Even better is a stylistic oxymoron such as Length Of Love, juxtaposing pounding blues guitar and solemn keyboards, and, later, cosmic guitar cantillation and busy rhythmic interpolation. Ultimately, no matter how well done, there is little here that we haven't already heard before.

(Translation by/ Tradotto da Giovanni Giustini)

Più che la new-wave inglese, il punto di riferimento per Antics (2004) degli Interpol è l'arena-rock degli anni ’80. Next Exit inizia come un solenne inno liturgico sopra un cupo drone di organo, ma muta in un coretto laid-back che prende l'andatura finché urta un passaggio strumentale lievemente dissonante impreziosito da chitarra riverberata e tastiere che aumentano di volume: l'effetto è più R.E.M. che Velvet Underground. La balbettante filastrocca di Evil (che s'impenna, come di consueto, in un ritornello enfatico) è basata su mutanti stili alla chitarra (da un southern-boogie fracassone a un breve accenno ska al frenetico strimpellio alla U2). Occasionalmente si è giustificati nello scovare l'eredità inglese (Take You On A Cruise potrebbe essere una litania di Siouxsie Sioux, nonostante un'inusuale citazione nel riff di basso dal primo album dei Talking Heads) ma la resa è molto meno gotica e la texture è molto più compita. Per i medesimi motivi, la ballata esistenziale degli Interpol, attentamente cesellata per suonare sia ipnotica che lamentosa, è, ancora, più R.E.M.-iana che Joy Division-iana (NARC). Dopo un po', il giochetto di far impennare melodie su tempi che accelerano si fa ripetitivo. A volte (Not Even Jail, C'mere) l'enfasi è tutto ciò che rimane, e gli strumenti provano a giustificare questo, a posteriori, con un lavoro di chitarra anche più invasivo e con rumore ritmico. Tutto considerato, gli Interpol riescono meglio quando semplicemente indulgono nei loro peccati, come il vortice disco-punk di Slow Hands o il sofferente ritratto psicologico di Public Pervert. Anche migliore è un ossimoro stilistico come Length Of Love, che giustappone una chitarra blues pestona e tastiere solenni, e, dopo, chitarra cosmica e interpolazione ritmica attiva. Alla fine, non importa quanto ben fatto, c'è poco qui che non si sia già sentito.

The first two albums sold more than one million copies.

Our Love to Admire (2007) contains the single The Heinrich Maneuver, the theatrical opener Pioneer to the Falls, and notably the majestic closer Lighthouse. Mostly, though, the band offers gloom for the sake of gloom, with little variety and even less originality.

Interpol's Paul Banks launched the project Julian Plenti with Is Skyscraper (Matador, 2009), an album of new-wave inspired pop ballads and rockers: Only If You Run (another good Interpol imitation), Unwind, Fun That We Have, Games For Days.

Interpol (Matador, 2011) did not improve the fundamental weakness of the band, unable to craft anything that wasn't pure dejavu, and not particularly well played. The single Lights, emerging from the intergalactic void, boasts a guitar progression reminiscent of Pink Floyd's Astronomy Domine and a litany à la R.E.M.. Despite the bombast, the melancholy piano ballad over skittish beats Try It On would have been a modest B-side in the 1980s. The faux flamenco riffs of Success never take off and that's the problem with all the songs: the band literally is not capable of doing anything with the ideas it offers. This is just very bland, shallow background muzak.

After Interpol was recorded, David Pajo of Papa M joined Interpol as a bassist.

(Translation by/Tradotto da Davide Carrozza)

I primi due album hanno venduto più di un milione di copie.

Our Love to Admire (2007) contiene il singolo The Heinrich Maneuver, il teatrale brano d'apertura Pioneer to the Falls e la notevole e maestosa chiusura The Lighthouse. Per lo più, tuttavia, la band offre buio per amor del buio, con poca varietà e ancora meno originalità.

Paul Banks degli Interpol lanciò il progetto Julian Plenti con Is Skyscraper (Matador, 2009), un album di ballate pop rock ispirate alla new wave: Only If You Run (un'altra buona imitazione degli Interpol), Unwind, Fun That We Have, Games For Days.

Interpol (Matador, 2011) non risolse la fondamentale debolezza della band, incapace di creare qualcosa che non sia puro déjà vu, neanche particolarmente ben suonato. Il singolo Lights, che emerge dal vuoto intergalattico, vanta una progressione chitarristica che ricorda Astronomy Domine dei Pink Floyd e una litania à la R.E.M.. Nonostante la magniloquenza, Try It On, ballata malinconica per pianoforte su ritmo vivace, sarebbe stata una modesta B-side negli anni '80. I riff finto flamenco di Success non decollano mai e questo è il problema di tutte le canzoni: la band non è proprio capace di fare qualcosa con le idee che offre. Questa è solo muzak di sottofondo insipida e superficiale.

Dopo la registrazione di Interpol , David Pajo dei Papa M divenne il bassista degli Interpol.

What is unique about this music database