Khanate


(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Khanate (2002), 7/10
Things Viral (2003), 7.5/10
Capture & Release (2005), 7/10
Links:

Khanate, formed in New York in 2000 is a super-doom metal project (Melvins, Earth, Boris) launched by the unlikely couple of bassist James Plotkin and guitarist Stephen O'Malley (also in Sunn), with Old's hysterical vocalist Alan Dubin and Blind Idiot God's brutal drummer Tim Wyskida.

Khanate (Southern Lord, 2002 - Daymare, 2007), recorded in may 2001, contains only five tracks, of which four are lengthy hypnotic jams. Pieces of Quiet (13.22) juxtaposes Dubin's sneering shrieks and O'Malley's lugubrious feedback and riffs over the carpet of Wyskida's slow and heavy beats. After five minutes of the same formula, Skin Coat (9.36) plunges into a more introverted mood. Hell appears in Under Rotting Sky (18.18) when a massive sustained distortion of guitar and bass collides with echoes of a voice being devoured alive. The recitation that follows is visceral as usual, but this time the grandiloquent duet of guitar and drums has the function not to propel it but to bury it again into the same black hole. No Joy (11.32) seems to close the lid of the coffin, a funereal litany that turns into a scream that fades away, the sound of decomposing flesh, while the martial pace of the instruments evokes church bells

The screeching style of vocalist Alan Dubins, reminiscent of the young David Yow, highlights the four expressionistic psychodramas of Things Viral (Southern Lord, 2003 - Daymare, 2007). The sparse soundscape of Commuted (19:15), that abandons the trademark distortions and drones for a series of isolated beats, enhances the highly emotional show of the vocalist. When the guitars finally join the drums, the mood has already been radicalized. The guitars, in fact, mostly drop out for the last seven minutes, when the voice has died away and there is literally nothing more to say. Fields (19:53) operates the other way around: it takes seven minutes for the drums to appear, while the voice has been hiding behind the thundering guitar. For eleven minutes the voice is just the distant echo of a shriek. Then it rises in all its ugliness and vulgarity. A Shakespeare soliloquy couldn't be more harrowing. Extreme guitar and bass noises flow out of Too Close Enough to Touch (11:03), perhaps to express the extreme tension inside the mind of the speaker. As the sounds become more and more abstract, one can feel the mental collapse of the protagonist. By comparison, the relatively straight-forward doom-metal agony Dead (9:30) feels like a moment of relief.
This album transfers Khanate's art from the realm of music to the realm of psychology. Khanate's mission is not so much about reforming or revolutionizing doom metal as about adding a new dimension to recitation, meditation and storytelling in music.

The EP Capture & Release (Hydra Head, 2005) contains two lengthy tracks, recorded march 2005. for a grand total of 43 minutes, in which O'Malley, Plotkin, Dubin and Wyskida continue to refine their artsy metal music. The key protagonists of Capture and especially Release (the most dynamic of the two) are 1. silence, 2. distortion and 3. Dubin's screams. If Capture (18:13) is a relatively predictable slow-motion torture ritual, Release (25:03), that coalesces very slowly, like a floating nebula, masterly captures the psychological synthesis of their music: the agony of a damned, the hallucination of a heroin addict and the extreme blank of a suicide bomber all combined together. After 14 minutes, the extremely slow and painful rhythm and super-doom atmosphere implode in a quantum vacuum. After six minutes there is one last eruption of sound, a totally irrational explosion of the senses.

It's Cold When Birds Fall From The Sky (Archive, 2007) documents Khanate's final tour in 2005.

Live In Stockholm (aRCHIVE, 2007) documents a 2004 tour.

Clean Hands Go Foul (2009) compiles four leftovers from the sessions of Capture & Release, including the 30-minute Every God Damn Thing.

Khanate's "vocalist" Alan Dubin formed Gnaw to indulge in his favorite noise-psychodramas, as revealed on This Face (Conspiracy, 2009).

Clean Hands Go Foul (Hydra Head, 2009) collects unreleased Khanate recordings from 2005-06 with vocals by Alan Dubin.

Jodis, the trio of Khanate's James Plotkin, Isis' Aaron Turner and Tim Wyskida (ex-Khanate), that debuted with Secret House (Hydra Head, 2009), represented a lighter version of Khanate.

(Translation by/ Tradotto da Andrea Marengo)

Khanate è un progetto super-doom metal (Melvins, Earth, Boris), fondato a New York dall'improbabile coppia del bassista James Plotkin e del chitarrista Stephen O' Malley (anche membro dei Sunn 0)))). La formazione comprende anche l'isterico cantante Alan Dubin degli Old e il batterista brutale Tim Wiskida dei Blind Idiot God.

Khanate (Souhern Lord, 2000 - Daymare, 2007), registrato a maggio nel 2001, contiene soltanto cinque tracce, quattro delle quali sono lunghe jam ipnotiche. Pieces Of Quiet (13:22) sovrappone gli urli beffardi di Dubin ai lugubri feedback e riff di O' Malley ai lenti e pesanti ritmi di Wyskida. Dopo cinque minuti che seguono quella stessa formula, Skin Coat (9:36) si immerge in un'atmosfera più introversa. L'inferno riappare su Under Rotting Sky (18:18), dove massicce distorsioni di chitarra e basso collidono con gli echi di una voce divorata viva. La recitazione che segue è viscerale come al solito, ma in questo caso il duo magniloquente della chitarra e della batteria non ha la funzione di trascinarla, ma di bruciarla nuovamente nello stesso buco nero. No Joy (11:32), che sembra chiudere il coperchio della bara, è una litania funerea che rimpiazza il suono della carne in decomposizione con un urlo che si affievolisce, mentre l'andamento marziale degli strumenti rievoca le campane da chiesa.

Lo stile stridente del cantante Alan Dubin, che ricorda quello del giovane David Yow, svetta nei quattro psicodrammi di Things Viral (Southern Lord, 2003 - Daymare 2007). Il paesaggio sonoro desolante di Commuted (19:15) rimpiazza le distorsioni e i droni (fino a quel momento il loro marchio di fabbrica) con una serie di ritmi rarefatti, accrescendo, in questo modo, lo spettacolo molto emozionale del cantante. La batteria viene accostata alle chitarre che vengono quasi abbandonate negli ultimi sette minuti, mentre la voce si affievolisce fino a quando non vi è, letteralmente, più nulla da dire. Fields (19:53) é il suo equivalente opposto: la batteria emerge dopo sette minuti, mentre la voce si nasconde dalla chitarra tonante. La voce è soltanto l'eco distante di un urlo  ma dopo undici emerge in tutta la sua bruttezza e volgarità. Non esiste un solo soliloquio Shakesperiano più straziante di questa musica. Una chitarra estrema e alcuni rumori di basso, che tentano forse di esprimere la tensione interna dell'ascoltatore, defluiscono in Too Close Enogh To Touch (11:03). I suoni si fanno sempre più astratti fino a quando si riesce a concepire il collasso mentale del protagonista-cantante. L'agonizzante doom-metal relativamente fuorviante di Dead (9:30) rappresenta un momento di sollievo se paragonato alle altre tracce. Questo album spostava l'arte dei Khanate da un reame musicale ad un reame psicologico. La missione dei Khanate non è tanto quella di riformare o rivoluzionare il doom metal, quanto piuttosto quella di aggiungervi una nuova dimensione recitativa, meditativa e narrativa.

L'EP Capture & Release (Hydra Head, 2005) contiene due lunghe tracce, registrate a marzo nel 2005 (per il bel totale di quarantatrè minuti), nelle quali O'Malley, Plotkin, Dubin e Wyskida proseguivano la raffinazione del loro metal artistico. I protagonisti chiave di Capture e, specialmente, Release (la più dinamica delle due) sono: il silenzio, le distorsioni e gli urli di Dubin. Se Capture (18:13) è un rito di tortura rallentato e relativamente prevedibile, Release (25:03) si agglomera lentamente come una nuvola fluttuante catturando magistralmente la sintesi psicologica della loro musica: l'agonia di un dannato, l'allucinazione di un eroinomane e il vuoto estremo di un attentatore suicida, tutti combinati fra loro. Dopo quattordici minuti il ritmo si fa estremamente lento e doloroso, mentre l'atmosfera super-doom implode in un vuoto quantico. Dopo sei minuti riappare un'ultima eruzione sonora: un'esplosione dei sensi completamente irrazionale.

It's Cold When Birds Fall From The Sky (Archive, 2007) documenta il tour finale dei Khanate nel 2005.

Live In Stockholm (aRCHIVE, 2007) documenta un tour del 2004.

Clean Hands Go Foul (2009) contiene quattro tracce scartate delle session di Capture & Release, inclusi i trenta minuti di Every God Damn Thing.

Il "cantante" Alan Dubin dei Khanate fondò gli Gnaw, come documentato su This Face (Conspiracy, 2009), dove esplorava i suoi psicodrammi preferiti.

Clean Hands Go Foul (Hydra Head, 2009) raccoglie registrazioni inedite degli anni 2005 e 2006 cantate da Alan Dubin.

I Jodis, il terzetto di James Plotkin dei Khanate, Aaron Turner degli Isis e Tim Wiskida (ex membro dei Khanate), proponevano una versione più accessibile dei Khanate. Debuttarono con Secret House (Hydra Head, 2009).

(Copyright © 2003 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database