Wolves In The Throne Room


(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Diadem Of 12 Stars (2006) , 7.5/10
Two Hunters (2007) , 6.5/10
Malevolent Grain (2009) , 7.5/10 (mini)
Black Cascade (2009) , 6.5/10
Celestial Lineage (2011) , 6.5/10
Links:

The hypnotic extended jams of Seattle's black-metal horde Wolves In The Throne Room (Nathan Weaver and Rick Dahlin on guitars, Aaron Weaver on drums) employed the same technique of blastbeats and repetitive riffs of Weakling but added prog-rock histrionics.

Diadem Of 12 Stars (Vendlus, 2006) contains three lengthy pieces. The first sound that comes out of Queen Of The Borrowed Light is a thick carpet of guitar distortion. The guttural vocals basically melt with the noise, while the blastbeats provide the only contrast. A sudden acoustic intermezzo introduces a theatrical section with melodic riffs and slow solemn singing. The 20-minute Diadem Of 12 Stars (after a few minutes of Indian-tinged instrumental hesitation) basically restarts from there, from a theatrical atmosphere and desperate hoarse recitation (backed by sweet female vocals) before imploding into the prog-rock pyrotechnics and tempo shifts that turn it into a cathartic experience. The ending is dominated by the female singer and her fairy-queen lullaby. It is not surprising therefore that the female singer intones the hymn of the two-part Face In A Night Time Mirror. After a brief acoustic break that is reminiscent of renaissance music, the usual hellish mayhem takes over, with guitar, drums and male vocals unleashing their worst impulses. The piece eventually stabilizes in a uniform wall of sound, a monolithic nightmare that ends with the singer shouting out of his head. The second part increases the level of fury, bordering on slam dancing. The vocals now attack the wall of noise with hopeless determination, their register mirroring the changes in guitar sound. The music stops for a second and then resigns itself to agonizing guitar riffs over ritual drumming until the final chaotic apotheosis.

Two Hunters (Southern Lord, 2007), with help from vocalist Jessika Kenney, further abandoned the stereotypes of black metal (e.g. the blastbeats) and also included occasional sound effects. Vastness And Sorrow erupts with all the magniloquence that the trio is capable of, but it does little more than reiterate angst for twelve minutes. Digital hisses, convent-like female vocals and pow-wow drums wrap Cleansing into funereal ambience before it blooms into the usual wall of sound. The overall emotional power is far lower than on the first album, a direct consequence of structures that are more linear. The notable exception is the 18-minute I Will Lay Down My Bones Among The Rocks And Roots, the place where, instead, torrential drumming and apocalyptic distortion meet. The vocals enter the stage when a bit of calm is restored, and all they do is basically emit beastly sounds. Eventually the music soars thanks to a majestic guitar melody sustained by regular drumbeats, and then the singer begins chanting his morbid psalm.

The mini-album Malevolent Grain (Southern Lord, 2009) inaugurated a revised line-up (with guitarist Will Lindsay) and a relatively cleaner guitar sound. A female singer intones the desolate and solemn psalm of A Looming Resonance. Both the guitars and the drums stick to a more linear and geometric structure even when they erupt in the final apotheosis. The hoarse vocals return in Hate Crystal, pitted against a superhuman frenzy of guitar strumming and drumming. The relentless flow of noise eventually subsides but still leaves behind a cohesive mass of drums and guitar that eventually implodes into digital effects. This is possibly their most carefully designed piece yet. The prog-influenced brainier aspects of their art are less prominent here.

The full-length Black Cascade (Southern Lord, 2009) offers four more lengthy excursions into their intimate hell. While there was little new in musical terms, there surfaced a general sense of melancholy adulthood. The masterful but predictable tension of Wanderer Above The Sea Of Fog now exudes existential agony. A bit more movement in the guitar lines give Ex Cathedra a rocking quality, However, both these pieces sound like routine. While it too repeats stereotypes, the senseless gallop of Ahrimanic Trance is more successful at mutating into a dramatic atmosphere and eventually collapsing into dub-tinged hypnosis. Another peak of pathos comes with Crystal Ammunition, both because of the slow-tempo majestic melody and because of the artfully engineered mood contrasts that lead to the funereal ending.

Like everybody else, Wolves in the Throne Room was moving away from the stereotypes of black metal. Celestial Lineage (Southern Lord, 2011) contains the twelve-minute liturgical invocation Thuja Magus Imperium, that opens with suspenseful strings, wind chimes and female crooning before launching into apocalyptic drumming and riffing (but somehow retaining the melody of the hymn); the ten-minute werewolf chant at impossible speed of Astral Blood (with an intermezzo of solo harp); and the eleven-minute concerto Prayer of Transformation for oceanic guitar distortions, supernatural organ drones, desperate agonizing vocals and slow martial drumbeats (one of their artistic peaks). The wolves run the gamut from the tragic and fatalistic black-metal frenzy of Subterranean Initiation to the angelic Jessika Kenney-penned doom convent hymn of Woodland Cathedral, replete with soaring church organ lines. The album is more "consummable" than the previous works without sacrificing too much of their original brutal sound.

(Translation by/ Tradotto da Ezio Alpi)

WOLVES IN THE THRONE ROOM

 

(Translation by / Tradotto da: Ezio Alpi; e-mail: followyhepixy@yahoo.it)

 

Le ipnotiche ed estese improvvisazioni dell’orda black-metal di Seattle Wolves In The Throne Room (Nathan Weaver e Rick Dahlin alle chitarre, Aaron Weaver alla batteria) impiegavano la stessa tecnica dei battiti esplosivi a dei riffs ripetitivi dei Weakling ma con l’aggiunta di istrionismi prog-rock.

 

Diadem of 12 Stars (Vendlus, 2006) contiene tre pezzi di lunga durata. Il primo suono che vien fuori da Queen of the Borrowed Light è uno spesso tappeto di distorsione chitarristica. Basicamente, le voci gutturali si fondono con il rumore, mentre i battiti esplosivi procurano l’unico contrasto. Un improvviso intermezzo acustico introduce una sezione teatrale con riffs melodici ed un cantato lento e solenne. I venti minuti di Diadem of 12 Stars, (dopo pochi minuti di “esitazione” strumentale dalle sfumature indiane) ricominciano fondamentalmente dall’intermezzo acustico del brano precedente, ossia da un’atmosfera teatrale e da una recitazione disperatamente rauca (sostenuta da dolci voci femminili) prima di implodere nelle pirotecnie prog-rock e nei cambi di tempo che li trasformano in un’esperienza catartica. Il finale è dominato dalla cantante e dalla sua ninna-nanna da fata-regina. Perciò non sorprende che la cantante intoni l’inno (in due parti) intitolato Face in a Night Time Mirror. Dopo un breve stacco acustico che ricorda la musica rinascimentale, l’usuale caos infernale prende il sopravvento, con chitarra, batteria e voce maschile che sguinzagliano i loro peggiori impulsi. Il pezzo alla fine si stabilizza entro un uniforme muro del suono, un monolitico incubo che finisce col cantante che grida impazzito. La seconda parte incrementa il livello di furia, sconfinando nella slam-dance. La voce ora attacca il muro di rumore con disperata determinazione, rispecchiando il proprio registro nei cambi del suono di chitarra. La musica si ferma per un istante, dopodiché si abbandona ad agonizzanti frasi melodiche di chitarra sopra un tambureggiare rituale sino alla caotica apoteosi finale.

 

Two Hunters (Southern Lord, 2007), con il contributo della cantante Jessica Kenney, abbandonava ulteriormente gli stereotipi del black metal (ad esempio i ritmi esplosivi) ed includeva anche occasionali effetti sonori. Vastness and Sorrow erutta con tutta la magniloquenza di cui il trio è capace ma fa poco più se non reiterare ansia per dodici minuti. Sibili digitali, voci femminili che sembrano provenire da un convento e tamburi tribali avvolgono Cleansing in un’atmosfera funerea prima di germogliare nel consueto muro di suono. La forza emozionale d’insieme è ben lontana dal primo album: ciò è una diretta conseguenza delle strutture che si son fatte più lineari. La notevole eccezione è contenuta nei diciotto minuti di I will lay down My Bones amongst the Rocks and Roots, il luogo in cui, invece, il drumming torrenziale e l’apocalittica distorsione s’incontrano. La voce entra in scena quando viene ristabilita un po’ di calma e tutto ciò che fa è emettere suoni bestiali. In alcuni frangenti la musica prende il volo grazie ad una maestosa melodia di chitarra sostenuta da regolari battiti di batteria, dopodiché il cantante inizia a declamare il suo dolce salmo.

 

Il mini-album Malevolent Grain (Southern Lord, 2009), inaugurava una formazione modificata (con il chitarrista Will Lindsay) ed un suono di chitarra relativamente più pulito. Una voce femminile intona il desolato e solenne salmo di A Looming Resonance. La chitarra e la batteria si attaccano entrambe ad una struttura più lineare e geometrica anche quando eruttano nell’apoteosi finale. La voce roca ritorna in Hate Crystal, contrapposta alla frenesia sovrumana tanto della batteria quanto dello strimpellare di chitarra. Il flusso implacabile di rumore col tempo si quieta ma ancora lascia dietro di sé una massa coesa di chitarra e batteria che alla fine implode in effetti digitali. Questo è probabilmente il pezzo più accuratamente disegnato dal gruppo sino ad ora. Qui gli aspetti più cerebrali della loro arte, influenzati dal progressive, sono meno evidenti.

 

Il long-playing Black Cascade (Southern Lord, 2009) offre quattro escursioni ancor più lunghe dentro al loro intimo inferno. Nonostante ci fosse poco di nuovo in termini musicali, emergeva un senso generale di adulta melanconia. Adesso la poderosa ma prevedibile tensione di Wanderer above the Sea of Fog trasuda agonia esistenziale. Un po’ più di dinamismo nelle linee di chitarra dona ad Ex Cathedra una qualità rock. Comunque, entrambi questi pezzi suonano di ordinaria amministrazione. Mentre tutto ciò si limita troppo a ripetere stereotipi, l’insensato galoppo di Ahrimanic Trance è più riuscito nel mutare in un’atmosfera drammatica ed infine collassare in un’ipnosi venata di dub. Un altro picco di pathos giunge con Crystal Ammunition, a causa della lenta e maestosa melodia ed a causa dei contrasti d’umore artisticamente messi a punto, i quali entrambi conducono alla funerea conclusione.

 

Come qualsiasi altro, Wolves in the Throne Room si stava allontanando dagli stereotipi del black metal. Celestial Lineage (Southern Lord, 2011) contiene l’invocazione liturgica Thuja Magus Imperium, che si apre con archi carichi di suspense, scampanellii eolici, un dolce e sentimentale canto femminile prima di lanciarsi in riffs e battiti di batteria apocalittici (ma conservando in qualche modo la melodia dell’inno); il canto da licantropo, di dieci minuti, a velocità impossibile di Astral Blood (con un intermezzo costituito da un assolo d’arpa); ed il concerto, di undici minuti, Prayer of Transformation per oceaniche distorsioni di chitarra, sovrannaturali ronzii d’organo, disperate voci agonizzanti e colpi di batteria lenti e marziali (uno dei loro vertici artistici). I Wolves percorrono la gamma che va dalla tragica e fatalistica frenesia black-metal di Subterranean Initiation all’angelico inno doom da convento, scritto da Jessica Kenney, di Woodland Cathedral, zeppo di vertiginose linee d’organo da chiesa. L’album è più “fruibile” rispetto ai lavori precedenti senza peraltro sacrificare troppo il loro brutale suono delle origini.

(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
What is unique about this music database