Zombi


(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions )

Cosmos (2004) , 7/10
Surface To Air (2006) , 6.5/10
Spirit Animal (2009) , 5/10
Majeure: Timespan (2009), 6/10
Moore and Majeure: Brainstorm (2012), 5/10
Steve Moore: The Henge (2007), 5/10
Steve Moore: Primitive Neural Pathways (2010), 5/10
Steve Moore: Light Echoes (2012), 5/10
Majeure: Solar Maximum (2012), 5/10
Links:

Pittsburgh's duo Zombi debuted with the 33-minute mini-album Zombi (2001), that was still all electronic (synthesizers and drum-machine), and the EP Twilight Sentinel (2003 - Wabana, 2007), that added live bass and drums. The Zombi Anthology (VCO, 2005) compiles the early recordings.

They refined their instrumental synthesizer-heavy Goblin-influenced horror prog-rock on Cosmos (Relapse, 2004). Far from being merely an exercise in sensationalism, the program includes both lively prog-rock jams such as Cetus and stately cinematic themes such as Orion. Each of the three tours de force explores a different facet of Zombi's art. The eleven-minute Gemini leans on the atmospheric and melodramatic side, but is propelled by a roaring jazz-rock center. The nine-minute Serpens is a percussive orgy before being a synth-driven fantasia, and therefore more reminiscent of Colosseum than of vintage horror soundtracks. The 14-minute Taurus is solemn and lugubrious, and gets rid of the drums while robotic insects swarm through a galaxy that is pulsing like a heartbeat. Its ending is closer to Klaus Schulze's existential cosmic music than to gothic music.

Surface To Air (Hypertension, 2006) includes the cute, symphonic, danceable electronic novelty Digitalis, but, again, the bulk of the album is split among three centerpieces. The loud synth draw vibrant lines in the air in Legacy against a backdrop of insistent drumming and repetitive guitar chords, but there is too little development. Surface To Air is better at creating pathos and suspense, first with a tumultuous crescendo of percussive and symphonic impetus, then with a sudden decay into a sense of desolation. Initially the 18-minute Night Rhythms evokes cosmic depths via simulations of choirs and orchestras but then after six minutes changes completely direction via a dancing sequencer, and after another five minutes this turns into a solo of (rapid-pulse) sequencer. After four minutes the synth drone picks up again but then it stops to let the drums stage their own solo. Instrumental skills don't always equate engaging music: the piece works here and there, but 18 minutes of vanity are too many to digest.

The mediocre Spirit Animal (2009) and Escape Velocity (Relapse, 2011) simply speculated on the sudden popularity of their cinematic, pulsing, retro-futuristic synth-pop.

Zombi's keyboardist Stevie Moore debuted solo with the symphonic synthesizer music of The Henge (Relapse, 2007).

The EP Sapphire (Throne Of Blood, 2009) was inspired by disco-music of the 1970s. and

Majeure is the side project of Zombi's drummer A.E. Paterra. His solo debut, Timespan (Temporary Residence Limited, 2009), was written and recorded over 18 months, and consists of three lengthy pieces that merge minamilism, drones, psychadelia, and disco. The fibrillating arpeggios of The Dresden Codex, supported by demonic drumming, lay the foundation for an eerie break during which the synth intones a wistful Vangelis-like melody before the final sequencer-driven rhythmic crescendo. It's mainly the break that is worth a listen. The motorik explosion of Teleforce is much more powerful and this time the pensive second half that interrupts it (reminiscent of thriller soundtracks from the 1960s) is not welcome. The deep rumble and stormy rustle of Timespan jumpstarts another galopping jam for sequencer and drumming laced with melodic synth pattern. All in all, the album sounds like a nostalgic tribute to the technology of the 1970s, with ideas that are only partially implemented.

Zombi's Steve Moore also released the single Zero-Point Field (L.I.E.S., 2011).

Moore and Majeure released Brainstorm (Temporary Residence, 2012), that includes Majeure's 20-minute cosmic and ambient suite Atlantis Purge.

Zombi's keyboardist Steve Moore continued his solo career with Primitive Neural Pathways (Static Caravan, 2010 - Dangerous Age, 2012), another synthesizer tour de force as derivative as the first one of electronic music of the early 1970s. Its successor Light Echoes (Cuneiform, 2012) was a bit more profound. Again, the main reference point is the cosmic music of the early 1970s (read Tangerine Dream, Cluster, Moebius, etc). And, again, the problem remains that pieces like opener Tyken's Rift indulge for too long in tinkling dancing synth lines high on timbral calligraphy but low in harmonic development, and the melodramatic post-Brian Eno ambient music of Aldebran Exchange lacks the master's psychological sublety. The nine-minute Protomorphosis is incredibly uneventful: next to a Klaus Schulze suite it feels like wallpaper next to a Van Gogh. However, some degree of suspense and yearning gets injected by the anguished drones and the tribal "drumming" that destabilize the monotonous arpeggios of Light Echoes I and the slow mutations of the Chopin-esque pattern of the 14-minute Light Echoes II. Up to this point, this album has proven that Moore lacks basic musical foundations. His endless throbbing crescendoes lack polyrhythmic skills and are unaware of something called "harmony" that Western Europe discovered a thousand years ago. He has money to buy expensive electronic equipment, but just doesn't know how to compose music. Countless kids could give him a run for his money if they only had the money to purchase the same equipment. Lo and behold, the 28-minute Ancient Shorelines II actually opens with some truly haunting lines on top of the usual arpeggiato choreography, and then it even stages a true melodic progression in an oppressing clockwork world leading to an industrial symphony of some emotional magnitude. Easily Moore's artistic peak, this piece redeems an album that would otherwise rank as one of the least creative in the history of electronic music.

Majeure's second album Solar Maximum (Temporary Residence Ltd., 2012) was another retro-futurist tribute, even less original than the first one.

Steve Moore's Pangaea Ultima (Spectrum Spools, 2013) consists of nine electronic vignettes.

(Translation by/ Tradotto da Ildottormaglia)

Zombi, duo proveniente da Pittsburgh, debuttò con il mini album della durata di 33 minuti Zombi (2001), che era ancora totalmente elettronico (sintetizzatori e drum-machine), e l’EP Twilight Sentinel (2003 – Wabana, 2007), che aggiunse basso e batteria suonati dal vivo. The Zombi Anthology (VCO, 2005) raccoglie le prime registrazioni.

Con Cosmos (Relapse, 2004) il duo perfezionò il suo prog-rock strumentale fortemente influenzato dai sintetizzatori dei Goblin. Ben lontano dall’essere meramente un esercizio di sensazionalismo, l’album include sia improvvisazioni prog-rock dal vivo, come Cetus, che maestosi temi cinematografici, come Orion. Ciascuno dei tre tours de force esplora un differente aspetto dell’arte di Zombi. Gemini, della durata di undici minuti, si poggia sul lato atmosferico e melodrammatico, ma è spinta da una vivace impalcatura jazz-rock. Serpens, lunga nove minuti, è un’orgia percussiva prima di essere una fantasia guidata dal sintetizzatore, e perciò maggiormente reminiscente dei Colosseum che delle colonne sonore horror d’annata. Taurus, di quattordici minuti, è solenne e tetra, e si sbarazza della batteria mentre insetti robotici brulicano attraverso una galassia che pulsa come un battito di cuore. Il suo finale è più vicino alla musica cosmica esistenziale di Klaus Schulze che alla musica gotica.

Surface To Air (Hypertension, 2006) include la bella, sinfonica e ballabile novità elettronica Digitalis, ma, ancora una volta, la maggior parte dell’album si divide fra tre colonne portanti. Il rumoroso sintetizzatore disegna linee vibranti nell’aria in Legacy su un tappeto insistente di batteria e ripetitivi accordi di chitarra, ma c’è troppo poco sviluppo. Surface To Air riesce meglio nella creazione di pathos e suspence, prima con un tumultuoso crescendo di impeto percussivo e sinfonico, poi con un’improvvisa caduta in un senso di desolazione. Inizialmente Night Rhythms, lunga diciotto minuti, evoca abissi cosmici attraverso simulazioni di cori e orchestre ma dopo sei minuti cambia completamente direzione grazie a un sequencer ballabile, che dopo altri cinque minuti diventa un solo di sequencer. Dopo quattro minuti il bordone del sintetizzatore si riprende ma poi si ferma per permettere alla batteria di performare il suo solo.  Le abilità strumentali non sempre corrispondono a musica intrigante: il brano funziona qua e là, ma diciotto minuti di vanità sono troppi da digerire.

I mediocri Spirit Animal (2009) e Escape Velocity (Relapse, 2011) semplicemente speculano sull’improvvisa popolarità del loro cinematografico, pulsante, retrofuturistico synth-pop.

Il tastierista degli Zombi, Steve Moore, fece il suo debutto solista con la musica da sintetizzatore sinfonico di The Henge (Relapse, 2007).

L’EP Sapphire (Throne Of Blood, 2009) fu ispirato dalla disco music degli anni settanta e Majeure è il progetto parallelo del batterista degli Zombi A. E. Paterra. Il suo album d’esordio, Timespan (Temporary Residence Limited, 2009), fu scritto e registrato in diciotto mesi, e consiste di tre lunghi brani che fondono minimalismo, bordoni, psichedelia e disco. I palpitanti arpeggi di The Dresden Codex, supportati da indiavolate batterie, gettano le fondamenta per un inquietante sospensione durante la quale il sintetizzatore intona una malinconica melodia in stile Vangelis prima del crescendo finale condotto dal sequencer. È principalmente la sospensione che merita di essere ascoltata. L’esplosione motorik di Teleforce è di gran lunga più potente e questa volta la meditabonda seconda parte che la interrompe (reminiscente delle colonne sonore dei thriller degli anni settanta) non è benvenuta. Il profondo rimbombo e il fruscio tempestoso di Timespan sono l’avviamento a strappo di un’altra galoppante improvvisazione a base di sequencer e batteria, puntellata da pattern melodici ad opera del sintetizzatore. Nel complesso, l’album appare come un nostalgico tributo alla tecnologia degli anni settanta, con idee che risultano soltanto parzialmente realizzate.

Il membro degli Zombi Steve Moore pubblicò anche il singolo Zero-Point Field (L.I.E.S., 2011).

Moore e Majeure pubblicarono Brainstorm (Temporary Residence, 2012), che include la suite cosmica e ambient della durata di venti minuti Atlantis Purge.

Il tastierista Steve Moore continuò la sua carriera solista con Primitive Neural Pathways (Static Caravan, 2010 – Dangerous Age, 2012), un altro tour de force a base di sintetizzatori, debitore quanto il primo della musica elettronica dei primi anni settanta. Il successivo Light Echoes (Cuneiform, 2012) fu leggermente più profondo. Ancora una volta il riferimento principale è la musica cosmica degli anni settanta (vedi Tangerine Dream, Cluster, Moebius, etc.). E, di nuovo, il problema rimane che pezzi come quello d’apertura Tyken’s Rift si concede troppo a lungo tintinnanti linee di sintetizzatore da ballo, buone in quanto a calligrafia timbrica ma povere per quanto concerne lo sviluppo armonico, e la melodrammatica musica ambient da post Brian Eno di Aldeberan Exchange manca della sottigliezza psicologica del maestro. Protomorphosis, lunga nove minuti, è incredibilmente priva di eventi: confrontata a una suite di Klaus Schulze, sembra come carta da parati di fianco a un Van Gogh. In ogni caso, alcuni gradi di suspence e tensione vengono generati dagli angoscianti bordoni e dal tribale “tambureggiare” che destabilizza i monotoni arpeggi di Light Echoes I e i lenti cambiamenti del pattern chopiniano di Light Echoes II, di quattordici minuti. Arrivati a questo punto, questo album prova che Moore manca delle fondamenta musicali di base. I suoi infiniti crescendo palpitanti difettano di abilità poliritmiche e sono inconsapevoli di ciò che si chiama “armonia”, scoperta dall’Europa Occidentale un migliaio di anni or sono. Moore possiede denaro per comprare costose strumentazioni elettroniche, ma semplicemente non è in grado di comporre musica. Schiere di ragazzini potrebbero dargli filo da torcere se solo avessero il denaro per comprare la stessa strumentazione. Toh, guarda! Ancient Shorelines II sorprendentemente si apre con alcune linee veramente inquietanti sulla consueta coreografia arpeggiata; e poi essa ospita perfino una vera progressione melodica in un opprimente mondo a orologeria che porta a una sinfonia industriale di una certa magnitudine emozionale. Semplicemente il picco artistico di Moore, questo brano redime un album che altrimenti si classificherebbe come uno dei meno creativi nella storia della musica elettronica.

Il secondo album di Majeure, Solar Maximum (Temporary Residence Ltd., 2012) fu un altro tributo retrofuturista, perfino meno originale del primo.

Pangaea Ultima (Spectrum Spools, 2013) di Steve Moore consiste di nove caricature elettroniche.

(Copyright © 2006 Piero Scaruffi | Legal restrictions )
What is unique about this music database