Alber

(Copyright © 1998 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )


Alber, Who's afraid

Martha, 52 anni, è la figlia del rettore di un'università; ha sposato George, sei anni più giovane: sono di ritorno da un party del padre ed hanno invitato Nick ed Honey, una giovane coppia per bene. George e Martha danno sfoggio di un'atroce volgarità, si dilaniano in pubblico e non risparmiano gli insulti più offensivi.

George è un fallito, che poco a poco ha perso la fiducia del padre di Martha; questa l'umilia e lo tradisce di continuo. Martha rivela che hanno un figlio che deve venire a casa per il compleanno: secondo Martha il figlio disprezza George, ma secondo quest'ultimo il figlio ha paura di Martha, che ne abusava fin da piccolo. Martha rivela che da piccolo George uccise entrambi i genitori.

Nello squallore di quest'orgia d'insulti vengono coinvolti anche i due giovani: Honey s'ubriaca e sta male, Nick viene sedotto da Martha e fa l'amore con lei in cucina; dal delirio di Honey, intanto, George capisce che lei non vuole figli, e cerca sempre scuse per dire di no a Nick. George dice a Honey che è arrivato un telegramma in cui s'annuncia la morte del figlio

Quando Martha e Nick rientrano, George e la moglie si sbranano ancora un po', poi lui le dice la terribile notizia; Martha vacilla e lo rifiuta; allora si capisce che quel figlio non esiste, era una loro invenzione: non potendo avere figli se ne erano inventato uno; adesso che lei ha parlato in pubblico lui l'ha ucciso. Restano soli, lei avvolta nella paura.

Miseria morale e solitudine esistenziale della borghesia, due squali in un mondo di squali, demoni capaci d'irretire chiunque nel loro jeu de massacre. If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )