Bonaviri

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:


Dolcissimo

Mario Simus ed Ariete giungono a Zebulonia invitati da Ida Me'lange, autrice di un opuscolo di antropologia, col compito di studiare lo stato di decadenza del paese. Ad ogni passo i due riconoscono tracce d'antiche civilta`, e Ariete - che e` del luogo - racconta le usanze imparate da bambino; questa parte del libro e` scritta sotto forma di resoconto fatto da Ariete al fratello Timor. Fa loro da guida la vecchia Jalema, che mostra loro Mercurio, un bambino suonatore girovago di clarino, e la pazza Alqama. Questa e` figlia di Dolcissimo, che e` partito senza piu` tornare. Dolcissimo impersona l'intera civilta` agricola di Zebulonia; Algazeglia, madre di Ariete, e` invece partita con un bizzarro gruppo di zebulonesi alla ricerca dell'acqua, che scarseggia, come cantavano i rapsodi locali. Sinus ed Ariete investigano al cimitero, dove conoscono il saggio astronomo Padre Onorio; sotto il cimitero c'e` il labirinto di grotte d'un vulcano spento. Mentre Sinus diventa ogni giorno piu` irrequieto, si verificano strani fenomeni: i contadini si suicidano, poi, in breve tempo, scompaiono Alqama, Mercurio e Sinus, che, secondo Padre Onorio, sta cercando di creare l'essere immortale. Ariete s'addentra nel labirinto inseguito dal suono del clarino di mercurio, e scopre la fine fatta dal collega durante il tragico esperimento: e` diventato un occhio informe.

Segue un'azione teatrale in cui si assiste al ricongiungimento di tutti gli scomparsi: Algazeglia trova l'acqua, Dolcissimo pietrificato ed Alqama nel vulcano; sull'occhio di Sinus galleggia, morto, Ariete.

Un libro pieno di simboli, scritto in un linguaggio arcaico-tecnologico e centrato sul declinare della secolare civilta` contadina; i personaggi da leggenda, Dolcissimo ed Algazelia, sono tipiche mitizzazioni di uomini che sono stati importanti per la vita della propria terra; Ariete rappresenta il giovane che e` cresciuto nel mondo moderno ed e` ormai fuori della mentalita` dei vecchi; Mercurio e` il personaggio piu` potente: il suo clarinetto e` nell'aria ma non si vede, ed e` un po' il Tempo.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )