Calvino

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:


Sentiero dei nidi di ragno

Pin è un bambino abituato a vivere nel mondo dei grandi: sua sorella è una prostituta che se la fa coi tedeschi, il ciabattino presso cui lavora entra ed esce dal carcere. La vita del vicolo è sempre la stessa sino al giorno in cui, pungolato dai giovani del bar, Pin ruba la pistola ad un cliente della sorella; dopo essere stato interrogato e picchiato dai nazisti, viene internato con gli altri politici, tra cui il celebre Lupo Rosso; neanche a lui rivela il nascondiglio della pistola. Pin finisce nel distaccamento degli sbandati, che per Kim è un esperimento antropologico: uomini poco affidabili affidati al comando del Dritto, un insicuro ed incosciente; uno di loro, il Pelle, è un maniaco delle armi, e, per uno sgarbo del Dritto, va a fare la spia dai tedeschi, ma sarà giustiziato dagli uomini del Lupo Rosso. Pin Trova un vero amico nel cugino, un omone che ha ribrezzo della sorella e crede nelle uova di ragno.


Le città invisibili

Marco Polo e Gengis Khan discutono delle città reali ed immaginarie dell'Impero: ci sono città continue, città nascoste, città dei morti, ricavate con tecniche differenziali (limiti, successioni) e combinatorie (permutazioni).


Se Una Notte D'Inverno Un Viaggiatore

Il romanzo e` un rompicapo narrativo che intercala frammenti di romanzi rimasti incompiuti, per una serie di sfortunate coincidenze (errori di stampa, suicidio dell'autore, perché il libro è stato diviso tra un gruppo di lettori, ecc.), alla storia del lettore che li legge (o tenta di leggerli), e nel frattempo entra in contatto con Ludmilla, una lettrice, che l'accompagna in quest'odissea libraria.

Di romanzo in romanzo (a partire dal romanzo di Calvino che s'interrompe dopo una dozzina di pagine giallo-spionistiche), il lettore si sposta nel tempo e nello spazio, ma si deve interrompere ad intervalli regolari per muoversi in un'altra direzione; ogni racconto finisce nel momento in cui comincia ad interessare, le interruzioni cumulano frustrazioni, un nesso indefinibile (un caso intricato ed ineluttabile) lega un incompiuto all'altro: il lettore sembra seguire un filo, sembra condurre un'indagine che, ad ogni sopralluogo, gli propone un nuovo mistero e lo rimanda ad un altro sopralluogo (una caccia al tesoro che potrebbe continuare all'infinito); cerca di essere attivo, ma l'inseguimento, la catena, lo rende passivo; un montaggio di sequenze tratte da vari film.

Calvino si rivolge in seconda persona al lettore e alla lettrice, come se stesse raccontando quello che fanno, e racconta della strana relazione che sta sbocciando tra loro a causa di quella complicata storia di libri.

Nel bel mezzo del diario dell'autore di uno di quei libri, diario da cui emerge che Ludmilla l'ha conosciuto e Lotaria ha scritto con lui la tesi, s'inserisce poi la storia di un falsario, Marana, che spaccia libri falsi di autori famosi, e di un mercato di libri falsi che coinvolge anche i suoi; il lettore ha infatti letto due frammenti di due libri con lo stesso titolo, ma totalmente diversi; nel diario questo scrittore parla del lettore continuamente interrotto, e decide di scrivere un romanzo su di lui, che è esattamente questo di Calvino (ricorsività).

Per depistare il lettore, che gli insidia Ludmilla, lo manda dietro al falsario, che ora è in Giappone, ad indagare sugli apocrifi; Silas Flannery è Calvino immaginato e narrato da Calvino nel momento stesso in cui genera il libro, un groviglio di pronomi personali e di soggetti.

Alla fine di un viaggio in aereo fa amicizia con Lotaria, sorella di Ludmilla, messa a bordo dallo scrittore sempre per distrarlo da Ludmilla; finisce in prigione per colpa delle attività librario-sovversive di lei, ed anche lì è condannato a trovarsi in mano un volume incompleto. Il caso è kafkiano: paranoia, condanna a vita; Lotaria si rivela oltretutto un essere dalle cento teste: lavora contemporaneamente per due servizi segreti nemici tra loro, è la sua carceriera e lo violenta, ha una decina di nomi, è un corpo senza nome, è la personificazione del caos; per un suo gesto avventato, un altro libro viene distrutto prima di essere letto.

I racconti hanno una funzione secondaria; abilità narrativa fine a sé stessa e "coitus interruptus" ripetuto sino a sfiancare.

Le peripezie del lettore finiscono d'un tratto in una biblioteca dove altri lettori discutono i titoli dei suoi libri, e si scopre che quei titoli messi l'uno di seguito all'altro potrebbero costituire l'inizio di un romanzo all'antica.

Il lettore sposa Ludmilla e finisce di leggere il romanzo di Calvino: ripristinati tutti i livelli di stack, il programma può terminare.

Calvino welcome the reader to his new novel (addressing him in the second person). The first chapter begins. A secret agent tells the story (in the first person) of how he was supposed to meet a spy in a station, one night in winter. Instead, someone warns him that the other man has been murdered and he could be next. He takes shelter in the shop of a divorced woman, whose jealous husband might kill any suspected lovers of her. The first chapter ends. The second chapter informs the reader that he is reading a defective copy of the novel. The reader thus walks to the bookshop where he purchased the copy and meets a woman who is also trying to return the defective book. This "is" the new chapter of the novel, and it is a completely different story. The two readers are given two copies of a book that bears the cover of Calvino's novel but contains a novel by a Bazakbal. This novel tells the story of a Polish boy and his father through the eyes of the boy. But this story too is interrupted because the rest of the Bazakbal novel is blank pages. The male reader calls the female reader, Ludmilla, and learns that she has the same incomplete novel. They visit the university where the complete text is kept, but the text is in the dead Cimmerian language. A professor translates it for them, and it turns out to be yet another story: a man becomes an accessory to the escape of a convict. This is clearly the wrong story. But the reader tracks down another professor who is giving a lecture on thatA novel: this is yet another story (three young people in a besieged city). Next, the reader inquires directly at the publisher's offices, and there he learns that the faulty books are due to the legendary con artist Ermes Marana. The publisher gives the reader a new book, which, again, tells a new (detective) story. Determined to find his novel, the reader studies the correspondence between the publisher and the forger, that involves a best-selling author, Flannery. The reader travels to Flannery's country and residence and learns that Flannery has been robbed by Hermes of the first chapter of his new book. Flannery, however, was merely copying a novel written by another novelist. The reader starts reading this novel, and, of course, it tells another story, of an innocent dragged into a case of kidnapping. (All of the stories feel like mini-Hitchcock movies) Ludmilla calls him. The reader does not find her, but, instead, in her house he finds a library of novels, mostly by Flannery, all of which seem to have been stolen or forged by Hermes. Despite the fact that Ludmilla appears to be involved in Hermes' criminal actions, the reader makes love to her. He thinks he has found the novel he was looking for, but it turns out to be yet another story. He then reads Flannery's diary, that explains how he found inspiration for his new book. Flannery finally gives the reader the novel that he was looking for, written by a Japanese novelist. It turns out that Flannery has decided to write exactly the novel we have read so far: a novel made of only beginnings of novels. The Japanese novel is a comic story about a boy who wants to make love to a girl (the daughter of his professor) but ends up making love to her mother. Informed that Hermes is in South America, the reader flies to South America. There he meets Ludmilla's sister Lotaria, who gets him in trouble. In prison, he reads yet another novel, in which a man, looking for his mother, finds two girls, each of them gorgeous and each of them potentially his sister, Lotaria turns out to be a secret agent who works for two secret services and has multiple names (and even rapes him in jail). Released from jail, the reader is sent to a country where Hermes has been recently jailed. There he finds another novel, but has time to read only the first chapter before the police closes in on him. The reader ends up in a library where several readers are discussing the titles of the novels he has read so far: all the titles read one after the other make up a lengthy title in the ancient fashion. The reader marries Ludmilla and, in bed, is about to finish reading Calvino's novel. The reader has reemerged from the several nested narrative levels and is again where the first chapter started. Except that he has read all the chapters that tell the story of him trying (and failing) to read the novel. The novel ends.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )