Robert Coover

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:

Gerald's party (1986)
Coover e' reduce da quel campionario di feroce e comico surrealismo che fu, nove anni fa, "The public burning". "Gerald's party" e' altrettanto avventuroso, oltraggioso e divertente. La trama principale (il rinvenimento di un cadavere durante un party e le successive indagini della polizia) e' continuamente interrotta da episodi frammentati che portano alla ribalta la stupidita' quotidiana dei varii invitati. Ogni personaggi diventa una macchietta, dipinta da Coover con un metodo che ricorda i libri di Dickens, e la folla nel suo insieme costituisce un colossale caos di atti abnormi. La risata che ne puo' scaturire e' soltanto quella di un maniaco. Il libro va letto come una satira dei rituali sociali della borghesia americana, e poco piu'. Come "Public burning", difetta di misura: decine di pagine sono futili ed inutili e causano unicamente delle cadute di ritmo.
Whatever Happened To Gloomy Gus (1987)
L' autore sadico e voyeur della cupa allegoria socio-politica di "The origin of the Brunists"(66) ritorna al genere preferito della fanta-politica, e lo fa prendendo di mira un ex presidente tuttora vivente: Richard Nixon. Nixon compariva gia' in quel campionario di feroce e comico surrealismo che fu, dieci anni fa, "The public burning". Per la cronaca, il protagonista di "Gerald's party"(85) e' il cadavere trovato durante un party. Come nei romanzi di Dickens, pero', il vero centro di interesse e' la folla degli invitati, una ragnatela di stupidita' e meschinita'. Il caos di macchiette spiega la societa' assai meglio di quanto il protagonista non spieghi l' autore.
Nixon e' qui mimetizzato sotto le spoglie di Gloomy Gus, famoso giocatore di football egomaniaco che muore durante i disordini operai degli anni Trenta. La sua storia viene raccontata dall' amico ebreo che lo sfrutto' a scopi propagandistici, e che ora si goda la sua ragazza. In realta' l' ebreo scrive una satira tagliente della stupidita' dell' eroe, e indirettamente del pubblico americano che accetta simili eroi.
The Origin Of The Brunists
Hiram Clegg diventa un vescovo della setta di Giordano Bruno dopo aver partecipato ad una cerimonia della fine del mondo in cui muore, misteriosamente, la sorella del profeta, Marcella. Tutto era iniziato con l’esplosione in cui Bruno e gli altri 98 minatori lavoravano: morirono tutti, compreso il religioso Ely Collins, che aveva avuto una premonizione (aveva visto un uccello bianco), eccetto lui, timido e sensibile. La moglie di Collins, Clara, sa dell’uccello. Nella stessa città si erano trasferiti il veterinario Wylie Norton e sua moglie Eleanor, dopo essere stati scacciati da tante altre a causa dell’insegnamento invasato di lei.
Bruno rimane molti giorni in coma all’ospedale: quando si riprende dice alla sorella che nella miniera ha avuto la visione della Maria Vergine sotto forma di un uccello bianco.
Quando Eleanor apprende della visione di Bruno, si convince che lui sia il Messia.
Tiger Miller, il giornalista del paese, è affascinato da Marcella, ma ha capito che Giordano è soltanto uno psicopatico; Clara ed Eleanor invece interpretano qualunque suo gesto od ogni parola del convalescente come se provenisse da Dio in persona, e si convincono che la fine del mondo sia prossima.
Nel raccontare la storia Coorer dà anche un affresco della vita del villaggio proletario di provincia.
Eleanor e Clara danno, di fatto, vita ad un culto religioso di Bruno.
Non tutta la popolazione vede di buon occhio la setta: presto si forma un’associazione segreta, la Mano Nera, che prende a perseguitare gli adepti di Bruno, e il predicatore Abhel Breter sfoga la sua gelosia per la popolarità di Bruno inveendo contro gli eretici ed organizzando proteste. Gli animi si scaldano. Miller è visto come un infiltrato che ha ragioni opportuniste per frequentare la corte di Bruno (ed è vero). Miller tenta invano di sottrarre Marcella al caos che sta per scoppiare: la ragazza, capite le sue reali intenzioni, fugge inorridita. Intanto il sindaco stesso si è messo alla testa del comitato per scacciare i Brunisti, deciso a mettere fine ai disordini.
Man mano che si avvicina il periodo presunto dell’Apocalisse (Pasqua), aumenta l’isteria dei brunisti, l’interesse della stampa (alimentata da Miller) e l’astio degli oppositori.
Arriva la domenica fatidica, seguita dal vivo da giornalisti e televisioni di tutto il mondo. Marcella è morta in circostanze misteriose e si sospetta un rituale macabro. La folla dei Brunisti vestiti di una sola tunica si avvia in processione ad attendere la fine del mondo in cima ad una collina. L’apocalisse non arriva, ma Miller, accusato di avere ucciso Marcella, è ucciso dalla folla degli invasati.
In seguito ai disordini di quel giorno Bruno è internato in un manicomio. Clegg e Clara continuano però la sua predicazione.

Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright