Jose Donoso

Il posto che non ha confini
La Manuela è un vecchio travestito, capitato per caso in un posto di confine durante una festa per la vittoria elettorale del potente ed ambizioso don Alejo, e rimastovi a vivere nel locale bordello: la padrona d’allora fece, per scommessa, l’amore con lui e ne ebbe la ragazza che tutti chiamano "la Giapponesina", destinata anch'ella alla carriera di prostituta. Il rissoso Pancho, figlio di don Alejo, sfoga le sue frustrazioni di fallito prendendosela con il povero travestito, il quale teme la sua violenza.; anche la ragazza teme Pancho, che vuole approfittarne. La Giapponesina sogna un futuro migliore, ed anche la Manuela sogna di vendere la casa (che ricevette in cambio della scommessa) ed andarsene altrove; ma la Giapponesina rifiuta di vendere a don Alejo, e condanna suo padre a quella vita umiliante. A sua volta don Alejo è un cinico speculatore, anche se si camuffa da difensore del progresso: vuole soltanto far aumentare il valore di quelle terre. Una sera Pancho viene a prendere ciò che vuole: la Manuela si nasconde vigliaccamente, sperando che lui s’accontenti della Giapponesina, destinata, in ogni caso, a diventare puttana: quando poi sente urlare la ragazza, esce dal suo nascondiglio e va ad offrirsi al martirio; verrà ucciso a pugni dagli uomini di Pancho, mentre la Giapponesina pensa che sia il solito vizioso che non ha saputo resistere alla tentazione di far baldoria con Pancho. Favola truculenta raccontata con grande maestria di linguaggio.

See also Ripstein's movie If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )