John Gardener

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:

October Light
James Page Abbott e` un vecchio misantropo che un giorno perde la pazienza con la sorella Sally e spara al televisore. Sally si rifugia nella sua camera e rifiuta di uscirne. Il confronto fra i due vecchi testardi si protrae oltre il ragionevole nonostante l'intervento di figli e generi. Sally si mette a leggere un romanzo di serie B e le due storie proseguono in parallelo. Nel romanzo un marinaio, Peter Wagner, salta da un ponte ma viene salvato da un'imbarcazione di trafficanti di droga. John Alkahest e` un dottore paraplegico e pervertito che annusa la marijuana dell'imbarcazione e da quel momento conduce indagini private per ritrovarla. Sulla barca sono Johann Fist, vecchio pirata, e la bella Jane, che diventa presto l'amante di Peter. Il capitano da` ordine di uccidere Peter per non lasciare testimoni, ma quando apprende che si tratta di un marinaio gli offre invece il posto di capitano. Sulla barca, in rotta verso la localita` messicana dove imbarcano la droga, diventano tutti amici e ogni tanto si danno a orge di droga e sesso. La pace viene rovinata dall'arrivo della barca rivale, capitanata dal perfido Luther Santisillia, che li catturano. Tutti sono filosofi e passano ore a discutere di argomenti intellettuali. Peter riesce a riprendere il comando della barca, e tutti diventano complici. Intanto la donna delle pulizie di Alkahest (e suo principale oggetto di desiderio) ha informato un amico detective delle ricerche del pazzo. Ma il risultato e` che viene arrestata per sospetto omicidio del pazzo stesso. Finalmente Alkahest raggiunge la barca. Sulla baia dove sono ancorati, mentre stanno comprando la droga dai messicani, fluttua un disco volante. Si scatena un terremoto. Tutti sparano, e Alkahest viene crivellato di colpi. Arrivano gli aeroplani della polizia. Luther svanisce.
Nella vita reale la nipote Virginia quasi muore a causa di una trappola tesa da Sally per il fratello, che aveva a sua volta imbracciato il fucile. Fra un capitolo e l'altro del romanzo letto da Sally, c'e` spazio per flashback sulla loro vita passata. Finito il romanzo, Sally si avventura fuori dalla sua camera.
Grendel
Grendel è il mostro della leggenda, condannato suo malgrado a fare il mostro; ma Grendell è come sua madre, che conduce la sua esistenza in una caverna cosparsa d’ossa ed avanzi umani. Grendell ha il dono della parola, capisce gli umani, ne è incuriosito e vorrebbe stare con loro, sono loro a respingerlo e, poi, a farne le spese, perché Grendell ne può massacrare a decine con un semplice schiaffo; lo attirano soprattutto Hrothgar, il guerriero, e The Shaper, il bardo: il primo ha vinto la guerra e s’è fatto costruire un castello; il secondo canta come Dio costruì l’universo. Grendel va a cercare consiglio dal Dragone, un vecchio avaro, che custodisce gelosamente l’oro rapinato: il Dragone gli fa vedere l’assurdità degli uomini e nega l’esistenza d’un Dio; sostiene di poter leggere nel futuro, ma di non poterlo alterare. Il discorso del Drago lo rende più cinico nei confronti degli umani, di cui adesso capisce tutto il ridicolo: inizia allora i suoi raid, sempre più feroce, in cui sbrana uomini a bizzeffe; irride Unferth, l’eroe assoldato da Hrothgar e che ha giurato d’ucciderlo, irride i suoi proclami di gloria imperitura e tutto il folklore del martirio per orgoglio. Per Grendell un eroe è un idiota, e si diverte sempre a risparmiargli la vita, ed Unferth diventa sempre più pazzo, sempre più monomaniaco, deciso a vendicare tutte quelle umiliazioni, ma del tutto impotente. Ciò che più importa a Grendel sono i rituali religiosi, che sa essere del tutto privi di fondamento: prende in giro il credo degli umani come il più perverso dei blasfemi; la sua atrocità non ha limiti quando si tratta di dimostrare la falsità della religione. Grendell si ferma soltanto davanti al crimine dei crimini: seviziare e squartare la bella e verginea regina, ma soltanto perché sarebbe un gesto inutile. Infine, Grendel cade nel tranello tesogli da Beowulf, l’eroe alato venuto ad aiutare Hrothgar, e Beowulf lo ferisce a morte; ma Grendel non accetta il verdetto, e mormora che Beowulf ha avuto soltanto fortuna, che s’è trattato soltanto d’un caso.
Parodia filosofica del Beowulf, quasi un moderno favoliere greco degli animali.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )