Graham Greene

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:

Travels With My Aunt
Brighton Rock
Pinky è un teppista diciassettenne che opera con la sua gang sulla spiaggia di Brighton. Fa uccidere Fred Hale, che gli ha fatto un torto, ma questi, sentitosi braccato nella folla della domenica, ha cercato rifugio nella compagnia della solitaria Ida: la sua scomparsa improvvisa ha insospettito la donna, che, nell’apprendere la notizia della sua morte (ufficialmente per cause naturali), decide di investigare nella vicenda. Fred le aveva consigliato di scommettere su di un cavallo: Ida lo fa e vince la somma che le consentirà di finanziare le proprie ricerche. Fred lavorava per conto di un giornale, doveva lasciare in giro delle carte da visita in modo che chi lo trovava potesse poi ricevere dei premi. Per sviare le indagini Spicer, un uomo di Pinky, ha lasciato una carta anche in un ristorante, che è stata trovata da una cameriera sedicenne, Rose, la quale ricorda benissimo la faccia dell’uomo che l’ha lasciata e si accorge che non è lo stesso del giornale. Pinky va a fugare i suoi sospetti ed arriva a sedurla: Rose s’innamora e promette omertà. Pinky è vergine ed astemio; ha un solo vizio: quello di uccidere. Uccide ancora e arriva ad uccidere lo stesso Spicer, divenuto imbarazzante. È infuriato per non essere preso sul serio; il rivale Colleoni, ben più ricco e potente, lo ignora, gli ruba gli uomini, lo fa picchiare; Pinky decide di sposare Rose, per essere certo del suo silenzio, pur avendo terrore dell’atto sessuale. Ida prosegue le sue indagini e arriva sia a Pinky sia a Rose. Rose, sinceramente innamorata, lascia i genitori (da cui Pinky l’ha comprata!) per andare a stare con lui: è un essere semplice, inerme, affezionato. Pinky è infastidito dalla sua tenerezza. Quando lei gli chiede di regalarle un disco con la sua voce, lui v’incide una frase cattiva; lei invece gli fa scivolare in tasca un biglietto d’amore. Pinky si sente più sicuro dopo avere imparato il sesso; Rose, cattolica, ha invece dei rimorsi per aver commesso "peccato mortale". Pinky sente sempre più vicino il fiato dell’intraprendente Ida, che sta accumulando indizi senza badare a spese; decide allora di sopprimere Rose, ma, per non macchiarsi di un altro omicidio, la convince a suicidarsi con lui fingendo di essere senza scampo. Ma Ida arriva a tempo e Pinky muore nel tentativo di fuggire. Ida è soddisfatta: ha compiuto la missione che Fred le aveva affidata dall’aldilà; Rosie è invece affranta, vorrebbe essersi suicidata per essere con Pinky, anche all’inferno. Convinta che lui volesse davvero suicidarsi con lei, che l’amasse come lei amava lui, spera di essere incinta. Si ricorda allora del disco inciso da Pinky per lei, il disco che lei volle per avere sempre con sé la sua voce; si avvia allora entusiasta a prenderlo, ansiosa di ascoltare quelle che sono le sue parole d’amore e "si avvia verso il peggiore orrore di tutti". La morale è un pessimismo ateo senza appigli. Pinky, personificazione del Male, dell’Anticristo, trionfa anche sulla morte. Ida, la giustiziera divina, è impotente a fare davvero giustizia.
Power and the glory
Nel Messico degli anni Trenta, devastato dalle rivoluzioni, il clero viene perseguitato dalla polizia; ad un sergente (di cui Greene non fa mai il nome) vengono in particolare conferiti ampi poteri per catturare un prete (pure del quale Greene non riferisce il nome): oltre al prete è ricercato un omicida americano. Il prete è rispettato dalla gente, anche perché è uno dei pochi che accetti di dire messa, ed impartisce i sacramenti nonostante ciò sia illegale; padre José è, invece, un vigliacco che rifiuta di compiere il proprio dovere per paura della polizia. Peraltro, il prete inseguito è un ubriacone, che ha commesso un peccato mortale: ha una figlia, Brigida, con una donna di nome Maria. Il sergente decide di prendere ostaggi nei villaggi e, se nessuno parla, fucilarli; ciononostante, nessuno lo tradisce quando, di fronte al sergente, si presenta come un contadino. Si disprezza per quello che è e per causare tante sofferenze ai suoi fedeli, e spera che qualcuno lo denunci. Cade volontariamente nella trappola del sergente: un traditore gli dice che il ricercato americano è stato ferito gravemente e vuole confessarsi. Il sergente è lì ad aspettarlo.
Heart of Matter

Durante la guerra, "Ticky" Scobie è il vicecommissario d'una colonia inglese dell'Africa Occidentale. Ormai cinquantenne, sposato ad una donna che non ama, ha come unico scopo la ricerca dei diamanti di contrabbando, di cui, peraltro, non è mai stato trovato uno. L'unica novità della sua vita potrebbe essere una promozione, ma a sostituire il commissario viene invece chiamato un altro. La moglie Louise si vergogna della loro povertà e della sua mediocrità: lei, amante di Poe, vorrebbe una vita più interessante; l'unico a tenerle compagnia è Wilson, un civile che gli altri evitano e che in breve le si affeziona. Louise implora il marito di mandarla in Sudafrica; Scobie non ha i soldi, ed è umiliato di non poterla accontentare. Wilson divide due camere con Harris, e la sera giocano a chi ammazza più scarafaggi. Wilson bacia Louise, che però non lo corrisponde con la stessa passione.

La vita di Scobie è vivacizzata solo dai casi di cui si deve occupare: il capitano d'una nave, che è stato denunciato per avere nascosta una lettera in bagno (lettera che si rivela diretta alla figlia, ma pur sempre illegale in tempo di guerra) e che Scobie fa finta di non aver trovato; il suicidio di un giovane inglese responsabile di un altro paese. Non potendo rifuggire oltre dalle insistenze della moglie, chiede un prestito al siriano Yussef, uno dei due principali boss della colonia, essendo l'altro il suo mortale rivale Latlif. Louise parte. Wilson odia Scobie, convinto che Louise sarebbe felice con lui, e ne spia tutte le mosse per rovinarlo. Ma Scobie è sempre stato un ufficiale impeccabile, unico neo il debito con Yussef; Yussef gli passa anche un'informazione che consente di scovare per la prima volta dei diamanti di contrabbando, ma il vero scopo era di incriminare Tallit.

Scobie va ad assistere i sopravvissuti di un affondamento. Lì conosce Helen Rolt, vedova diciannovenne, che s'innamora di lui. Questa relazione gli complica l'esistenza: è preso da rimorsi di coscienza, dovuti alla sua fede cattolica, non sa come conciliare Helen con il prossimo ritorno di Louise, e deve sottostare ad un ricatto di Yussef, che gli chiede di contrabbandare delle pietre; inoltre avverte i primi sintomi di angina.

Proprio quando la coscienza l'accusa su tutti i fronti, Scobie ottiene il posto di commissario. Louise ne è felice, ma la relazione con Helen rappresenta un pericolo. Scobie ne parla a Yussef, manifestandogli il timore che il suo servo negro, da quindici anni al suo servizio, lo possa tradire: la sera dopo Scobie rinviene il corpo senza vita del ragazzo.

Helen si rende conto di rappresentare un pericolo per lui e se ne va; più che mai sconvolto, Scobie apprende dal dottore d'avere anche l'angina: allora decide di morire al più presto, ma senza far capire che si tratta d'un suicidio, per non compromettere l'assicurazione sulla vita che consentirà a sua moglie di sostenersi.

È soltanto dopo aver peccato che si rende conto di quanto ama sia la moglie sia Dio, ma è troppo tardi.



Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright