Franz Kafka


(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions )

, /10
Links:

The Castle/ Das Schlöss
L’agrimensore K giunge al villaggio, il cui castellano lo ha fatto chiamare, ma vi trova un’accoglienza ostile e sospettosa. Per entrare nel castello occorre un permesso speciale, e all’osteria gli fanno capire che è quasi impossibile ottenerlo. K non demorde e, benché non riesca a parlare con nessuno, insiste a cercare di far valere i suoi diritti. Il messaggero Barnabas gli reca un messaggio del misterioso Klamm, che è soltanto il capo della decima sezione, ma per gli abitanti è già un personaggio potentissimo. K riesce soltanto ad intravederlo dal buco di una serratura. Klamm gli conferma l’assunzione al servizio del conte Westwest, ma gli comunica che dovrà rispondere al sindaco; in altre parole, accetta di riconoscere le sue ragioni se lui accetta lo status di schiavo (p. 63). Gli vengono anche assegnati due bizzarri ed ambigui aiutanti, Arthur e Jeremias; nella principale osteria del paese K conosce Frieda, l’amante di Klamm, la seduce (fanno l’amore per terra) e la fa sua. Il sindaco gli dà il posto di bidello alla scuola, e di nuovo K decide di accettare l’umiliazione. Il sindaco gli illustra anche la meticolosa burocrazia del castello. L’ostessa gli confessa di essere stata l’amante di Klamm prima di Frieda, quasi con rimpianto. Frieda viene sostituita con Pepi e si trasferisce alla scuola, in attesa del matrimonio. Invano K tenta di vedere ancora Klamm, che però gli manda una lettera in cui si congratula con lui per un lavoro che non ha mai fatto, come se volesse creare una forma di omertosa complicità riguardo la sua posizione. K scopre l’ambiguità di tutti quando i suoi aiutanti, licenziati per aver osato molestare Frieda, vanno a denunciarlo al castello e l’ostessa convince Frieda che K la vuole sposare soltanto perché spera che l’aiuti ad entrare nel castello. Frieda lo lascia e torna all’osteria. L’unico a trattarlo bene è Barnabas, che gli presenta le sorelle Olga ed Amalia e gli racconta come la famiglia cadde in disgrazia dopo che Amalia rifiutò un’offerta volgare di Klamm, e come da allora lui lavori gratis ed Olga si prostituisca nella speranza di riconquistare le grazie del castello. K sciupa l’unica occasione propizia che gli si presenta quando un funzionario si offre d’aiutarlo, ma lui s’addormenta nel momento decisivo.
Gli uomini sono schiacciati da una forza mostruosa che li sovrasta. Chiunque abbia a che fare con il castello è automaticamente più potente dei comuni mortali; l’antagonista di K finisce per essere Klamm, uno dei tanti funzionari. Per piegarlo, K viene costretto a subire l’umiliazione del posto di bidello. K trova conforto soltanto a casa di Barnabas, in una famiglia di umiliati come lui.
If English is your first language and you could translate the Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
(Copyright © 2013 Piero Scaruffi | Legal restrictions )