John LeCarre`

(Copyright © 1998 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

The Honourable Schoolboy (1977) prosegue la saga di George Smiley, ora promosso a capo del British Secret Service dopo che la diserzione di un agente segreto, Bill Haydon, ha causato la completa distruzione della rete britannica. La nemesi di Smiley e` Karla, il suo contraltare sovietico, e Smiley ha segretamente giurato vendetta. La disfatta e` evidente a Hong Kong, dove incuriosisce i giornalisti stranieri, in particolare l'Americano Luke e l'australiano Craw. Smiley architetta la rinascita con un team di personaggi fidati: Peter Guillam, Connie Sachs, Fawn, Doc di Salis, piu` Molly Meakin, che funge da liaison con i "cugini" Americani. La missione consiste nel risalire a monte e scoprire le origini e la funzione dell'oro che venne usato da Karla per assoldare le sue spie in Estremo Oriente. L'unica traccia e` il nome del beneficiario: Drake Ko. L'uomo che viene assoldato per compiere la missione e` Jerry Westerby, un aristocratico camuffato da giornalista. Dietro le quinte viene anche sguinzagliato Sam Collins, sul quale pesa il fatto di essere stato il beniamino (nonche' erede designato) del traditore Haydon. Westerby vola a Hong Kong, mentre Smiley indaga in Gran Bretagna sulla misteriosa compagna di Ko, Elizabeth Worthington, meglio nota come Lizzie. Westerby la rintraccia e se ne invaghisce, ma ottiene anche informazioni che conducono a Ricardo, il pilota che lavorava per Ko e precedente compagno di Lizzie, ufficialmente perito in un incidente fatale. Westerby si convince che Lizzie abbia sacrificato la propria liberta` per salvare la pelle a Ricardo. Westerby si avvicina pertanto a Ko e capisce qual'e` il suo punto debole: il fratello Nelson, ufficialmente morto, ma in realta` in Cina e sul libro paga di Karla. Ko ha tentato ripetutamente di farlo uscire dalla Cina ma senza mai riuscirci. Per i britannici la notizia e` d'oro: Nelson, spia russa in Cina, rappresenta una miniera di informazioni. La contromossa non si fa attendere: uno degli informatori viene trovato ucciso dopo essere stato torturato a lungo. Westerby arriva comunque a Ricardo, vivo e vegeto, e gli propone di ricattare Ko. Ma Ricardo sembra sorpreso che lui, Westerby, sia ancora vivo, e tenta poi di farlo saltare in aria. Smiley richiama Westerby, che ha di fatto concluso la sua inchiesta. Westerby ha pero` un piano personale, quello di liberare Lizzie a tutti i costi dalla schiavitu` in cui vive. Lizzie si e` sacrificata per l'uomo che amava ed e` stata probabilmente tradita dall'agente segreto che aiutava, un tale Mellon che si scopre essere Sam Collins. Per prima cosa scopre pero` che Luke e` stato assassinato e capisce allora perche' Ricardo lo credesse morto: era lui, Westerby, che pensavano di aver ucciso. Ko, inquieto, ha deciso di rompere gli indugi e attende il fratello Nelson a Hong Kong. Gli agenti segreti britannici sono all'erta e li aspettano al varco, nella speranza di mettere le mani su Nelson. Westerby rapisce Lizzie, ma viene poi catturato dagli uomini di Smiley. Fugge e va a trattare direttamente con Ko: la liberta` di Lizzie in cambio della vita di Nelson, che i britannici hanno intenzione di rapire. Ma prima che Ko possa decidere, i britannici agiscono e rapiscono Nelson. Westerby muore nell'operazione. Smiley perde comunque la sua guerra personale, perche' l'indisciplina di Westerby gli costa il posto.
Il passo e` un po' troppo lento, l'azione un po' troppo convoluta.
Perfect spy
Magnus Pym è un agente segreto inglese che, così come la moglie Mary, lavora all’ambasciata di Vienna. Suo padre Rick muore: lui si reca in Inghilterra per i funerali, poi scompare nel nulla; in realtà si fa chiamare Canterbury e vive nella casa di Miss Dubber. L’uomo che l’ha reclutato, Jack Brotherhood, amico, collega ed amante di sua moglie conduce le ricerche; né la moglie, né l’amante Kate, né l’ex moglie Belinda sanno nulla, ma, come se fosse nel mezzo d’una crisi, ha scritto una lunga lettera al figlio Tom. Interrogando Mary, Jack intuisce però che Pym potrebbe aver avuto incontri con i cecoslovacchi. Il libro che, nel suo nascondiglio, Pym sta scrivendo, è un’autobiografia che mette in luce il suo rapporto d’odio/amore con il padre, un criminale matricolato: emerge che Jack ha fatto del male ad una certa Poppy, e Rick ne ha fatto ad una vedova, Peggy Wentworth. Spuntano amici di gioventù, come Sefton Boyd (omosessuale) e sua sorella Jemina (ninfomane e lesbica). Anche gli americani sospettano che Pym faccia il doppio gioco, e credono d’averne le prove: i cechi trasmettono messaggi cifrati tutti i giorni, eccetto quelli in cui Pym è in viaggio. Jack lo difende sostenendo che, forse, i cechi lo fanno per compromettere, appunto, un pericoloso nemico, ma dentro di sé è convinto che Pym abbia realmente tradito. Gli americani capiscono che anche Jack e gli inglesi hanno perso le tracce di Pym. Dal libro che Pym scrive emerge soprattutto la sua personalità di tradito ed umiliato. Jack s’avvicina a Pym, mentre i suoi capi l’ostacolano e rifiutano di ritirare i loro agenti, che Pym potrebbe avere già venduto ai comunisti: per loro è molto più importante salvare la credibilità del controspionaggio britannico agli occhi della CIA Dal libro di Pym emerge anche il suo affetto per Axel, l’amico tedesco, a suo tempo tradito da Jack, ma rimasto fedele a Pym: è stato proprio Axel a proporgli il doppio gioco, è lui Poppy. Gli americani Grant Lederer e Bee Lederer, marito e moglie, sono gli unici a voler trovare Pym come lo vuole Jack.. Jack e Mary scoprono il suo nascondiglio e la polizia si prepara a catturarlo, ma Pym ha concluso le sue memorie e s’uccide.
Studio d’un tradimento: è Pym a dare la caccia a se stesso.
Spy who came in from the cold

Alec Leamas è il capo del controspionaggio occidentale a Berlino; negli ultimi tempi ha perso metà delle sue spie, cinicamente eliminate da Hans Mundt, spietato capo del controspionaggio della DDR; perde anche Karl Kiemeck, il loro principale informatore.

Il fallimento di questa missione è catastrofico, e Leamas viene richiamato a Londra da Control, il sommo capo: questi gli propone di uscire dai ranghi dell'organizzazione e di collaborare dall'esterno ad un piano per uccidere Mundt; Leamas, che odia il rivale, accetta.

La sua decadenza è rapida: assegnato ad incarichi secondari, inizia a bere e a sottrarre denaro; radiato, scende la china fino a diventare un umile bibliotecario: è in biblioteca che incontra Liz, di cui s'innamora. A parte lei, tutti l'hanno abbandonato; licenziato, finisce per colpire un droghiere che non gli fa credito; ha già lasciato Liz, confidandole vagamente d'avere una missione da compiere: Liz gli giura eterna fedeltà, anche se, uscito dal carcere, lui non si fa più vivo.

All'uscita del carcere l'avvicinano le spie della DDR, che lo vogliono comprare: lui si vende e si lascia portare in Germania, dove il suo interrogatorio viene completato da Fiedler, un ebreo intelligente ed umano, che è il numero due di Mundt. Leamas sta eseguendo gli ordini di Control: racconta tutti i segreti, ma ogni tanto lascia cadere qualche falsa informazione; Fiedler viene a poco a poco convinto che Mundt sia l'altolocata spia che stanno cercando da tempo. Fiedler, che odia il razzista Mundt, non chiede di meglio ed abbocca facilmente.

Sembrerebbe fatta, ma Mundt fa arrestare e torturare entrambi; li salva il fatto che Fielder abbia già denunciato il capo. Viene istituito un tribunale: Fielder spiega come dalla confessione di Leamas si possa dedurre che Mundt è una spia; ma Mundt ha un asso nella manica, Liz: iscritta al Partito Comunista, la ragazza ha accettato ignara un invito a visitare Berlino Est, e poi è stata precettata come testimone.

Benché ancora innamorata, Liz testimonia che tutti i debiti di Leamas vennero pagati e che lei stessa riceve una pensione, il tutto da sconosciuti; Mundt prova così che Leamas non era affatto stato abbandonato da tutti, e che s'è trattato d'una messinscena per incastrarlo. Leamas non sa spiegarsi chi abbia pagato i creditori, né come Mundt abbia potuto scoprirlo; poi capisce: Mundt è davvero un loro agente, e Control vuole salvarlo e non ucciderlo. Fielder viene infatti giustiziato, mentre Leamas e Liz vengono segretamente liberati da Mundt: finalmente ricongiunti, vogliono soltanto uscire da quell'inferno di mistificazione ed omicidio, dove i traditori e disumani Mundt devono vincere e gli umani Fielder morire. Ma non è previsto così: vengono traditi ed uccisi mentre stanno scavalcando il muro, ingranaggi anche loro in un meccanismo perfetto il cui scopo finale non sarà mai alla loro portata; ora l'orrendo disegno è chiaro: tutte le spie degli inglesi morte in quegli anni sono state uccise per consentire a Mundt d'accrescere il proprio prestigio.

Conflitti morali ed alta matematica. Psicologia raffinata: il lettore scopre a poco a poco qual è la vera missione di Leamas, ma poi è Leamas a scoprire pian piano quale sia la vera missione della sua missione.

"Call for the Dead" see Lumet's film If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )