Lewis

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:


The monk

A Madrid s'esibisce il monaco Ambrosio, grande oratore, trovatello allevato dal monastero stesso ed avviato, quindi, ad una carriera esemplare. In occasione della sua terza predica, la sua fama attira nella cattedrale una folla straripante; due donne (l'anziana e non bella zitella Leonella e la giovane, bella, nipote Amelia) e due uomini [Lorenzo, (che subito rimane affascinato da Antonia) e Christoval (che, per aiutare l'amico, distrae la zia con una serie di galanterie che danno modo all'anziana zitella di sperare in una prossima proposta)] hanno cosi` modo d'incontrarsi.

Antonia e` molto colpita da Ambrosio, ma, rientrando a casa, nel predirle il futuro una zingara la mette in guardia da un uomo piu` virtuoso d'ogni altro, che invece rappresenta un grave pericolo. Sposatasi con un marchese all'insaputa del suocero, la madre di Antonia e` stata da questi depredata del primogenito (ora ritenuto morto) e relegata, alla morte del marito, in un vecchio castello diroccato; ora che anche il vecchio e` morto, l'erede Raymond vuole disfarsi delle due ospiti: la madre s'e` recata, appunto, a Madrid, ospite della sorella, per perorare la propria causa.

Intanto Lorenzo scopre un intrigo tra sua sorella Agnese (monaca) e Raymond, suo amico di vecchia data: l'intrigo viene scoperto anche dal confessore di Agnese, che e` proprio Ambrosio, il quale non ascolta le suppliche disperate della giovane (che gli ha rivelato d'essere incinta) e la denuncia alla priora.

Poco dopo Ambrosio scopre che Rosario, il piu` caro dei suoi monaci, e` in realta` una donna, Matilda, che innamoratasi, pur senza desideri peccaminosi, di lui, s'e` spacciata per uomo ed ha preso i voti; davanti alla profferta d'amore Ambrosio, ligio agli ordini monastici, vorrebbe reagire con un'altra denuncia, ma deve rinunciare ed accettare che Matilda continui la sua finzione, poiche' ella minaccia altrimenti di suicidarsi. La sua virtu` comincia a vacillare: nei sogni l'immagine dorata della Madonna e quella voluttuosa di Matilda si confondono; quando, sconvolto, Ambrosio la esorta a non incontrarlo piu`, Matilda chiede un ultimo dono, una rosa; nel coglierla Ambrosio e` morso da un serpente, e cade in coma: dato per spacciato dai monaci, viene salvato da Matilda, che succhia il veleno fuori dalla ferita, condannando cosi` se' stessa a morire invece dell'amato; commosso dal suo amore ed ormai in balia dei sensi, Ambrosio la prende sul letto di morte.

Raymond racconta a Lorenzo la verita` sui suoi rapporti con Agnese: terminati gli studi universitari, Raymond era partito per conoscere il mondo, e, per non essere favorito dalla sua nobilta`, s'era imposto il falso nome di Alphonso. In Germania aveva accettato, durante una bufera, l'ospitalita` d'un taglialegna, Baptiste, ed in casa sua aveva conosciuto la baronessa Rodolpha di Sinderberg, sorpresa anch'ella dalla bufera. Messo in guardia da Marguerite, moglie del taglialegna, ed accortosi d'essere capitato in un covo di banditi, aveva finto di cadere vittima del sonnifero propinatogli per poter fuggire con la baronessa e Marguerite; inseguiti dai banditi, s'erano imbattuti nel barone e nel suo seguito: il salvatore della baronessa, che aveva assunto al suo servizio Teodore, uno dei figli di Marguerite, era stato ovviamente invitato al castello, dove aveva conosciuto l'incantevole nipote del barone (Agnese, appunto) ed appreso che sin dalla nascita ella era stata destinata al convento. Per prevenire una simile crudelta`, Alphonso aveva cercato, riuscendovi sin troppo bene, di entrare nelle grazie di Rodolpha: Rodolpha aveva frainteso le sue intenzioni, e s'era innamorata di lui; appresa l'esistenza d'una rivale piu` fortunata e svelatane l'identita`, aveva sfogata la sua spietata gelosia promettendo di vendicarsi di lui, e, tanto per cominciare, cacciandolo dal castello ed affrettando la partenza della nipote per Madrid, dove doveva prendere i voti. Allora Agnes progetta la fuga: consiglia ad Alphonso di restare nascosto nei paraggi sino al 5 maggio, quando, secondo la tradizione, deve comparire il fantasma della monaca sanguinante; travestita da fantasma, Agnes dovrebbe cosi` eludere la sorveglianza cui e` sottoposta. Ma il fantasma esiste davvero, e, scambiatolo per l'amata, Alphonso lo rapisce; durante la fuga precipitosa, un incidente priva Alphonso dei sensi, e quando, ferito e solo, si riprende, cerca invano la compagna di fuga. Ospitato e curato a Ratisbona, apprende con orrore la verita` quando lo spirito della monaca gli si presenta la notte e gli manifesta il suo agghiacciante amore, una scena che si ripete di notte in notte, finche' uno straniero, il Grande Moghul, interroga lo spirito su come Raymond possa porre fine a quelle visite notturne: lo spirito chiede soltanto che le sue ossa possano avere sepoltura. Il Grande Moghul rivela ad Alphonso che la monaca si chiamava Beatrice ed era un'antenata della casata dei Cisternas (quella, appunto, di Raymond), che - ripudiati i voti monacali - era convissuta con l'allora barone di Sinderberg, lo aveva assassinato per sposarne il fratello, era stata da questi assassinata in una caverna e senza pace aveva, da allora, perseguitato il suo assassino, e, dopo la sua morte, riducendo le sue apparizioni, i suoi discendenti.

Convinta nel frattempo dalla baronessa del tradimento di Raymond, Agnes era partita per Madrid, decisa a segregarsi in convento; sfuggito, grazie al provvidenziale intervento del padre di Agnes, ad un attentato ordito dalla perfida baronessa, Raymond la ritrova gia` monaca, e tenta con ogni mezzo di indurla a ripudiare l'abito, ma Anges accondiscende soltanto quando un impeto passionale la rende incinta. Raymond ottiene un annullamento del voto, ma, per evitare la furia della Superiora prepara anche una fuga: proprio quando stava per realizzare i suoi sogni, e` stato sorpreso da Lorenzo.

Sentito il racconto delle disavventure dell'amico, Lorenzo lo perdona, e decide, anzi, d'aiutare l'impresa dei due innamorati; approfitta anche per sottoporre a Raymond il caso di Elvira ed Antonia; ottenuta la promessa che Raymond riconoscera` questo ramo povero della famiglia, si reca a casa di Leonella e comunica la buona notizia: viene pero` trattato freddamente da Elvira, che non vede di buon occhio la nascente simpatia tra sua figlia (bella ma povera) ed il ricco discendente dei Medina; per farle cambiare idea, bisognerebbe ottenere l'approvazione di Raymond.

Ma una grave notizia distoglie Lorenzo dal pensiero di Antonia: all'arrivo della bolla papale che libera Agnese, la Superiora rivela che la giovane (rea dei crimini gia` noti al fratello) e` morta tre giorni prima, ma Raymond non ci crede. La giovane e` infatti tenuta prigioniera nelle segrete del convento in attesa del severo giudizio della Superiora.

Poco distante Ambrosio e Matilda si stanno amando follemente: Ambrosio supplica Matilda di non morire, ed ella dice di potersi salvare ma di non poter rivelare come; Ambrosio e` disposto a sottostare a qualunque cosa pur di conservare l'amata; cosi`, senza rivelare come, Matilda guarisce nelle stesse segrete dov'e` imprigionata Agnes. Ormai succube di Matilda, Ambrosio rimane colpito dalla tenera Antonia, che viene a chiedergli d'assistere la madre morente, e per rivederla Ambrosio trasgredisce il suo voto: esce in gran segreto dal monastero e si reca a visitare Elvira. La visita si ripete ogni giorno alla stessa ora, finche' Elvira si rimette dalla malattia, ed Ambrosio tenta il tutto per tutto: approfitta della dichiarazione d'amore platonico che Antonia gli fa innocentemente e tenta di violentarla, ma Elvira, che aveva cominciato a sospettare, lo sorprende in tempo. Tornato nella sua cella, Ambrosio si rode dal desiderio di possedere Antonia, e finisce col confidarsi a Matilda, che gli rivela d'aver usato le arti magiche per salvarsi e di poter soddisfare allo stesso modo le sue brame. Nelle segrete del convento, dove si sentono i gemiti di Agnes, Matilda invoca un angelo caduto, da cui riceve il talismano che consentira` ad Ambrosio d'aprire qualsiasi porta, e d'introdursi, quindi, nella camera di Antonia, e di tenere poi addormentata la giovane quando abusera` del suo corpo; ma ancora una volta Ambrosio viene sorpreso all'ultimo momento da Elvira, che non gli vuole perdonare questo nuovo tentativo di violenza: alle urla della donna, Ambrosio perde la testa e la uccide; non visto, riesce quindi a fuggire e a ritornare nella sua cella, ma presto il rimorso si trasforma in desiderio ancor piu` furioso. Adesso Antonia e` sola, ospite di donna Jacintha, e, quando le appare il fantasma di sua madre, e` ben contenta d'essere di nuovo visitata da Ambrosio; usando certe erbe suggeritegli da Matilda, egli progetta di farla cadere in un sonno simile alla morte, e, dopo averla fatta seppellire nel cimitero del convento, risvegliarla in un luogo in cui sara` in suo completo potere, cosicche', quando torna a Cordoba dal suo viaggio (durante il quale s'e` sposata), Leonora non trova piu` ne' la sorella ne' la nipote.

Intanto Lorenzo vuol perseguire gli assassini di sua sorella: infiltratosi come vagabondo nel convento, Theodore ha ricevuto da una monaca di nome Ursula un biglietto in cui ella conferma la morte di Agnes, e promette di rivelare i nomi degli assassini. Lorenzo ottiene dallo zio cardinale un mandato d'arresto per la Superiora; deciso piu` che mai a vendicare la morte di Agnes (che ha sconvolto anche la mente del suo migliore amico), si trova con un drappello d'arcieri al rito che le monache, capeggiate dalla Superiora e dall'affascinante Virginia, stanno compiendo e fa arrestare la Superiora, mentre Ursula ripete pubblicamente le sue accuse: Agnes e` stata costretta a bere del veleno. Inferocita, la folla strappa la Superiora agli arcieri e la uccide dopo averle inflitte le piu` orrende torture per le strade della citta`; poi assalta il convento, s'accanisce contro le monache ed appicca il fuoco. Lorenzo cerca di salvare le innocenti, perquisendo i recessi del convento; nei sotterranei trova Virginia ed altre monache, atterrite dai lamenti che provengono dalla statua di santa Clara; ma Lorenzo scopre che sotto la statua e` nascosto un antro oscuro, e che li` dentro e` tenuta incatenata Agnes, ormai ridotta ad una larva: stringe al petto un neonato morto ed e` irriconoscibile. Continuando l'ispezione del sotterraneo, Lorenzo giunge dalla parte del convento: qui, dopo averla riportata alla vita, Ambrosio violenta Antonia, e la uccide quando Lorenzo accorre alle sue grida; Ambrosio e Matilda fuggono, ma vengono egualmente catturati.

Raymond si riprende velocemente e sposa Agnes; caduto in una malinconica disperazione, Lorenzo e` affidato alle cure di Virginia, che riesce a poco a poco a fargli dimenticare Antonia; anche Lorenzo e Virginia si sposano.

Ambrosio e Matilda vengono torturati dall'Inquisizione e condannati al rogo: Matilda vende la sua anima al demonio e puo` cosi` fuggire, ma Ambrosio tentenna; infine cede, e firma anch'egli il contratto, ma, liberato da quella prigione, apprende la verita`: il demonio ha voluto questo trionfo sin da quando Ambrosio era diventato l'idolo puro ed immacolato, e gli ha mandato Matilda, e l'ha guidato in tutti i suoi crimini; gli rivela che Elvira era sua madre ed Antonia sua sorella, quindi lo precipita dalla montagna. Con le membra spezzate, Ambrosio agonizza sei giorni: gli insetti gli succhiano il sangue e le aquile gli beccano gli occhi; durante una tempesta il suo corpo viene trasportato via dal fiume ingrossato.

Piu` che di romanzo si tratta di ripetuti tentativi di far rabbrividire il lettore: spesso il romanzo si sgretola in racconti, e magari racconti di racconti, del tutto superflui, ma senza i quali il romanzo si ridurrebbe a poche pagine; notevole il ruolo di propiziatore di eventi orribili (e di culla di esseri malvagi) che viene assegnato all'ambiente monacale.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )