Nerval

Angélique
Nerval viaggia alla ricerca di materiale sull’abate Bucquoy. Fra divagazioni sull’attualità parigina, apologia dei paesi che attraversa e meditazioni a se stanti, Nerval alterna questa maniacale guest da bibliografo alla strada da feuilleton di Angelica de Longueval, imparentata in qualche modo con l’abate. Innamoratasi del salumaio La Corbiniére, l’eroina fuggì con lui in Italia, dove però cadde in miseria e rimase vedova, per essere infine salvata dal cugino monaco.
Sylvie
Amato dalla compagna d’infanzia Sylvie, ed invaghitosi della nobile Adrienne (divenuta monaca), corteggia l’attrice Aurelie, in cui gli pare di riconoscere Adrienne, perde Aurelie e scopre che Adrienne è morta da tempo. Racconto semionirico.
Aurelie
Ama Aurelie, che ha persa, e ha sogni che sono premonizioni della morte dell’amata. Si dà ai facili amori. Nei sogni vaga nel mondo dei morti, di delirio in delirio. Adesso ha premonizioni della propria morte, si trascina tormentato dai rimorsi per la sua vita dissoluta e dai dubbi religiosi (è un arabo musulmano). Viene internato in manicomio. Racconta i suoi sogni fantastici.

Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright