Edna O'Brien

Nata in Irlanda nel 1932, sfrutto' materiale autobiografico per il suo primo romanzo, "Country girls"(60), uno studio sulla famiglia irlandese, e sulla vita nel villaggio di campagna, che si avvale di una trama classica di infanzia repressa (padre ubriaco, convento puritano) e di ribellione adolescenziale. L' eroina, Caithleen Brady, rimarra' il personaggio piu' famoso creato dalla scrittrice. "Girl wth green eyes"(62) e "Girls in their married bliss"(64) proseguono le sue avventure, e quelle parallele della scipita amichetta, fino al matrimonio.
La vitalita' fresca ed esuberante di queste pagine venne spezzata quasi subito da una serie di opere piu' attente alla sociologia femminile urbana del suo tempo. "August is a wicked month"(65) e' una parabola morale che espone i pericoli di chi cerca conforto in cambio della liberta' sessuale, ed e' in realta' inesorabilmente destinato alla solitudine e all' umiliazione. Il sesso diventa l' argomento preferito di O'Brien, che in "Casualties of peace"(67) descrive la riabilitazione di una donna frustrata da un pervertito impotente ad opera di un sensuale giamaicano.
"Johnny I hardly knew you"(77), ritratto di una carcerata di mezza eta' che sta aspettando il processo per l' omicidio dell' amante, e "Mother Ireland"(76), un nostalgico tributo alla sua terra, sono i libri migliori della terza fase, peraltro piuttosto mediocri.
"The high road"(88) mette in scena un' intellettuale che deve fronteggiare il fallimento di un' intera generazione di donne "moderne", dal suo a quello delle sue amiche, e che ritrova lo spirito di un tempo soltanto nella sua cameriera spagnola. L' attrazione diventa morbosa, e da' scandalo in paese. A pagarne le conseguenze sara' la ragazza, che perdera' la vita: una vecchia consegnera' alla protagonista il suo scalpo ancora sanguinante... Scritto in maniera quasi "casuale", il romanzo e' un mosaico di narrazioni che lentamente ricostruiscono il passato della protagonista e forgiano il suo nuovo stato d' animo. La romantica solitudine in cui si vorrebbe confinare si trasforma in un' altra prova di forza con i sentimenti, da cui esce nuovamente e definitivamente sconfitta. If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )