Mervyn Peake

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:


Titus Groan (1946)
Il castello di Gormenghast è un gigantesco labirinto di stanze circondato da mura, al di là delle quali vivono contadini ed artigiani; dentro le mura vive la corte del settantaseiesimo conte di Groan, Sepulchrave. Il giorno in cui nasce il suo erede, Titus, l’intero castello è in subbuglio: il viscido servitore personale, Flay (dall’aspetto d’un ragno), va a dare la buona notizia a Rottcodd, il guardiano delle statuette di legno, che vive recluso nel museo del castello, e poi assiste ai bagordi della cucina, nella quale regna sovrano il tiranno Swelter, lo chef, coadiuvato da diciotto uomini addetti alla pulizia (i Grey Scrubbers); a Flay s’accoda un diciassettenne, Steerpike, scontento della rigida disciplina delle cucine, che lo segue fino alle camere della cinica contessa Gertrude: questa (la cui unica compagnia sono gli uccelli, in particolare una malvagia cornacchia) sta discutendo, con il viscido dottor Prunesquallor, l’insolita bruttezza e gli occhi violetti del neonato; la vecchia nutrice Nannie Flagg, da tempo in disgrazia, viene prescelta per prendersi cura del piccolo, ed è proprio lei a dare la notizia a Fuchsia, la bruttissima figlia adolescente dei Sepulchrave, che odia tutti meno Nannie e si barrica nelle sue stanze (suo unico passatempo: raccogliere sassi e sterpi nel bosco), e che naturalmente dà in escandescenze nell’apprendere d’avere un fratello. Il padre, lord Groan, non omette, invece, di compiere i riti tradizionali che Sourdust, un bibliotecario, è incaricato di ricordargli decodificandoli da tre grandi libri di regole. Nannie Flagg esce dal castello per andare a scegliere una balia, e torna con Keda, una vedova cui è morto il bimbo; nel castello vivono anche le sorelle gemelle di Groan, Cora e Clarice, zitelle, ingenue e pettegole. Steerpike fugge per i dedali del castello finché capita nel solaio di Fuchsia; lei, che ha sempre odiato la gente e sognato l’arrivo del suo salvatore, viene colta in estasi nel vederlo e lo porta con sé dal dottor Prunesquallor, che vuol farle un regalo (è sempre stato benevolo con lei ed è rimasto colpito dal suo dolore di fronte al neonato). Dopo che Prune ha dato a Fuchsia una pietra misteriosa e questa se n’è andata, quasi stordita dalla gioia, Steerpike ottiene di poter servire Irina Prunesquallor, l’isterica e petulante sorella del ridanciano dottore. Keda, della quale sono innamorati due uomini, vuole tornare al suo villaggio e scegliere uno dei due: Flagg, dovrà trovare un altra governante per Titus. Groan manda Flay a chiedere che Flagg porti Titus in biblioteca alla sua presenza; per strada, Flay scorge l’odiato Swelter che compie un macabro rituale in cui simula di uccidere proprio lui, Flay. Keda ama contemporaneamente sia Rantel sia Braigon: il primo, più intraprendente, riesce a farla sua, ma il secondo la convince facilmente ad andare anche con lui; ai due non rimane che il duello, nel quale, però, moriranno entrambi. Sempre più ambizioso, Steerpike sobilla le gemelle Cora e Clarice a rivendicare più potere; avendole poi convinte che Sepulchrave le esclude dalla vita del castello, ed in particolare dalla festa che si terrà in onore di Titus, le istiga anche a dare fuoco alla biblioteca, e a farlo proprio nel giorno della festa. Al tempo stesso fa amicizia con Fuchsia, che accompagna nelle sue spericolate sortite. Oltre ai Sepulchrave ed ai loro figli, si presentano alla festa i Prunesquallor e l’ottuagenario Sourdust, che deve dirigere la cerimonia. Le fiamme trasformano la biblioteca in una trappola mortale, ma all’ultimo momento Steerpike interviene a salvarli; anche questa è una mossa studiata: salvandoli spera di guadagnare la loro gratitudine, ben sapendo che le gemelle si guarderanno bene dal confessare la loro colpa e la sua complicità, però Sourdust, il depositario dei segreti del castello, è morto; al suo posto viene nominato Barquentine, suo figlio sessantenne e privo d’una gamba: Flay, cui è stato affidato lo scheletro di Sourdust, viene aggredito da un ignoto, che gli ruba il cranio. Keda, sotto trauma dopo la morte degli amanti, vaga a lungo inebetita, finché viene soccorsa da un vecchio. Sepulchrave impazzisce, e Fuchsia ne è addolorata; intanto Steerpike continua la sua ascesa, riuscendo perfino a far licenziare dalla contessa Gertrude il fido Flay. Da pag. 392 a pag. 402 flussi di coscienza alla Joyce d’ogni protagonista (è il primo compleanno di Titus). Barquetine conduce i complicati rituali del caso. Ignaro che Flay sia già stato licenziato, Swelter ha deciso d’ucciderlo, ma Flay lo spiava ed è pronto ad affrontarlo, spada contro clava: dopo un duello furibondo, Swelter muore; Sepulchrave, che ha seguito lo scontro dalla finestra, s’impossessa del cadavere e sparisce. L’orrido Barquetine organizza le ricerche, ma, attenendosi al suo manuale di cerimonie, il nono giorno decide che il vecchio conte è decaduto e bisogna incoronare Titus. Steerpike viene preso da Barquetine per farne il suo erede e successore. Rottcodd, che aveva aperto il romanzo ed è rimasto escluso dall’azione, assiste alla cerimonia ed intuisce tutto l’accaduto.
If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )