Twain

(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )
IN PREPARAZIONE/ IN PROGRESS

, /10
Links:


Tom Sawyer

Tom vive con la zia Polly ed il loro servo negro Sid nel paese di St. Petersburg, sulle rive del Mississippi; é un ragazzo molto vivace, astuto e fantasioso, ma usa le sue qualità soprattutto per giocare brutti tiri o mettersi in vista, si azzuffa con gli altri bambini e mente agli insegnanti (la zia Polly è troppo buona per punirlo seriamente). I suoi amici sono il negro Jim, Huckleberry Finn (figlio dell'ubriaco del paese), Joe Harper e le ragazze che si contendono il suo cuore: Amy, Mary e Becky. Una notte, affascinato da storie di spettri e di streghe, si reca di nascosto al cimitero con Huck; i due assistono ad un assassinio commesso da Injun Joe, che approfitta dello stato d'ubriachezza del suo compagno Porter per fargli credere d'essere stato lui a vibrare la pugnalata. Huck e Tom giurano di non rivelare mai ciò che hanno visto per non incorrere nella vendetta di Injun Joe, ma quando Tom vede arrestare il povero Porter, accusato proprio dal vero assassino, non può fare a meno di provare un po' di rimorso. Depresso dal suo segreto ed avvilito per le ingiustizie di cui ritiene d'essere stato vittima, Tom decide di partire alla ventura: salpa su una zattera con Huck e Joe, tutti e tre tramutati i feroci pirati; il gioco si fa però più serio del previsto, perché i loro genitori e tutto il paese li credono morti. Vinti dalla nostalgia di casa, i tre decidono di far ritorno in paese, e capitano nel bel mezzo del servizio funebre dedicato proprio a loro. La vita dei ragazzi riprende come prima sino alla fine delle scuole. Il giorno del processo a Potter, Tom e Huck cedono alle fitte del rimorso e si presentano a testimoniare; Injun Joe riesce però a fuggire da una finestra. Tom e Huck decidono d'andare per tesori, e, in una casa abbandonata, trovano Injun Joe intento a parlare con uno spagnolo; i due banditi trovano proprio un tesoro e se lo portano via; Tom e Huck, che sono sempre rimasti nascosti, non hanno il coraggio di seguirli, ma il giorno dopo trovano il loro nascondiglio: Huck rimane di guardia, mentre Tom partecipa al picnic di Becky, che consiste nell'esplorare le cave; soltanto il giorno dopo si scopre che tutti sono tornati dalla gita, meno Tom e Becky; cominciano le ricerche..

Nel frattempo i due banditi lasciano il nascondiglio e, sempre spiati da Huck, si avvicinano alla casa di una vecchia vedova. Huck capisce che Joe vuole vendicarsi su di lei per gli affronti subiti ad opera del marito; Huck torna a casa a dare l'allarme, ma poi cade malato per lo spavento. I due banditi si rifugiano nelle cave, e Tom, alla ricerca di un'uscita, va a sbattere proprio contro Joe; fugge spaventato, ma non dice nulla a Becky, né ai soccorritori che li trovano dopo quattro giorni di ricerche; soltanto quando apprende che l'ingresso delle cave è stato sbarrato, rivela chi vi è rinchiuso dentro: Joe è morto stecchito. I due ragazzi decidono di tornare comunque a cercare il tesoro, e lo trovano. Dulcis in fundo, Huck viene adottato dalla vedova, ma alla vita civile non resiste molto, e se ne torna nei suoi campi, all'aria aperta; si convince a tornare soltanto quando Tom gli prospetta nuove avventure alle quali possono però partecipare solo persone per bene.

L'intraprendenza di Tom è soltanto il pretesto per aggrovigliare la vicenda e tenere un po' il lettore con il fiato sospeso, oltre che farlo sorridere delle sue imprese fanciullesche; Huck è, invece, un animo nobile, un infante vagabondo che si getta picarescamente in ogni folle impresa, conservando i suoi timori superstiziosi ed il suo amore per la natura. Pur preferendo star lontano dagli uomini civili, è pronto a salvare la vita ad una vecchia per riconoscenza: Huck è la dignità di essere cresciuto all'aperto.


Mark Twain, Huckleberry Finn

 

Huck è stato adottato da Miss Watson, e il denaro della ricompensa è stato affidato al giudice Thatcher. Huck impara le buone maniere e va a scuola, ma ha paura del ritorno del padre ubriacone e ha nostalgia della vita all'aria aperta; il padre ritorna e lo rapisce, ma Huck, spaventato dalle sue scenate, riesce a fuggire su una canoa lungo il Mississippi e ripara su un'isola dopo aver fatto credere, con un'abile messinscena, d'essere stato assassinato; sull'isola incontra Jim, lo schiavo di Miss Watson, fuggito temendo d'essere venduto, e con lui inizia, a bordo di una zattera, una serie d'avventure sul grande fiume: incontrano banditi intenti a sgozzare un loro complice, vengono a sapere che Jim è sospettato d'aver ucciso Huck, assistono alla drammatica fine d'una faida, con molti morti, Jim spera d'arrivare al Cairo, dove i negri sono liberi, ma ci passano davanti senza accorgersene, sono testimoni dell'assassinio di un meticcio ubriaco e del tentativo di linciaggio dell'assassino. La vita a bordo cambia quando incontrano un venditore ambulante ed un moralista che, caduti in disgrazia, sono inseguiti da una muta di cani; si spacciano per un duca ed un re, ma ben presto dimostrano d'essere degli imbroglioni: prima riescono a truffare un intero paese fingendosi teatranti, e poi rischiano il linciaggio in un altro paese dove si fingono gli eredi di un ricco defunto, e ne approfittano per impadronirsi di tutti i suoi averi, sino a quando sopraggiungono i veri eredi; infine vendono il povero Jim, ma Huck, dopo essersi definitivamente liberato dei due, scopre che è stato venduto agli zii di Tom Sawyer, i quali sono in attesa proprio d'una visita del nipote: spacciatosi per l'amico, riesce ad introdursi nella casa dei nuovi padroni di Jim, sennonché Tom arriva poco dopo, e deve, perciò, spacciarsi per il proprio fratello. I due tramano per liberare Jim, e vi riescono con un'astuto ed elegante piano congegnato da Tom, ma, durante la fuga, Tom viene ferito da un colpo di fucile , e deve far ricorso ad un dottore; in breve, Huck viene riportato a casa dallo zio di Tom, e Tom dal dottore stesso, con Jim legato e minacciato di linciaggio; poco dopo giunge la zia Polly a svelare la tresca, e a comunicare una notizia che Tom ben conosceva, ma che si era ben guardato dal raccontare per non guastare l'avventura: Miss Watson è morta rendendo Jim libero; infine Jim rivela a Huck d'aver scoperto, tempo prima, il cadavere di suo padre, dimodoché può essere adottato dalla famiglia presso la quale si era spacciato per Tom.

Al centro delle vicende del romanzo sono situate le personalità di Huck e Jim: Huck è un bugiardo capace d'indossare i panni di un bambino o di far credere d'avere a bordo un'intera famiglia di appestati, sfugge alla civiltà che considera una limitazione alla libertà, ma non se la sente di combatterla, anzi, s'affeziona spesso ai suoi rappresentanti più tipici, specie se femminili; Jim è il negro buono ed inoffensivo, affettuoso e riconoscente, depositario di una saggezza ancestrale fatta di superstizioni, premonizioni e conoscenza della natura; tra di loro s'instaura un'istintivo legame d'affetto, tanto che Huck si ribella alla sua coscienza, che lo spingerebbe a denunciare lo schiavo fuggito. Altro protagonista è il Mississippi, le sue nebbie, le sue coste popolate di città, persino i suoi relitti, le sue maree. La parte più originale del romanzo è costituita dai dialoghi tra i vari personaggi, soprattutto le dispute filosofiche tra al mente avventurosa ed infantile di Huck e quella ingenua e paurosa di Huck, e le bugie di Huck, quasi sempre destinate ad essere smascherate, le truffe del duca e del re e tutti i discorsi della gente qualsiasi che s'incontra nel libro; essi formano una pittoresca galleria di personaggi, tra i quali spiccano l'ostile figura paterna, le buone protettrici di Huck ed i disonesti di tutti i generi che popolano le sponde del grande fiume.

L'atmosfera varia dal picaresco al polemico; la polemica è soprattutto razziale e centrata sulla crisi di coscienza di Huck, ma non mancano riferimenti più vasti al carattere dell'americano medio, forte se attorniato da una massa, vile se preso da solo (per es., la spietata accusa del colonnello Sheplen). Twain oscilla inoltre tra il realismo dei ritratti esteriori dei suoi personaggi ed il sentimentalismo delle descrizioni dei loro stati d'animo.


Twain, Puddinhead Wilson

 

Roxy, negra dalla pelle chiara, serve i Driscoll, ed in casa loro mette al mondo un figlio proprio nello stesso periodo in cui nasce l'erede Tom; per la morte della padrona li alleva entrambi lei. Spaventata da un rimbrotto dell'anziano Driscoll, che minaccia di venderla nei paesi down the river, Roxy scambia i due piccini per salvare il suo da quella sorte atroce e per dargli un futuro migliore. Col passare degli anni, morto il padre di Tom ed affidato l'impostore alle cure dello zio, Roxana deve pentirsi del suo gesto, che la costringerà per tutta la vita ad umiliarsi schiava davanti al proprio figlio, tanto più che il falso Tom cresce malvagio e dispotico, prendendosela soprattutto col fratello di latte. Roxy decide di andarsene a servire sui battelli, essendo stata liberata dal vecchio padrone; quando torna al paese ritrova il falso Tom impegolato in debiti di gioco, e più che mai arrogante: insultata, gli rivela la verità, e da quel momento diventano complici di una truffa ai danni del vero erede. Per pagare i debiti di Tom, ed evitare che lo zio li diseredi, rubacchiano negli alloggi. Un giorno arrivano nel paese i gemelli italiani Capello, suscitando sorpresa, animazione ed ammirazione per i loro modi aristocratici; ma Tom, che in uno dei suoi raid notturni ha rubato loro un prezioso pugnale, li odia: ne insulta uno quando viene a sapere che ha ucciso un uomo per legittima difesa e viene sfidato a duello; si rifiuta di accettare, e lo zio lo disereda e prende il suo posto. Tom viene a sapere che prima del duello (da cui uscirà illeso) lo zio ha ripristinato il testamento, e si prepara a comportarsi in maniera tale da non correre più simili rischi per l'avvenire; insinua che il pugnale di cui i gemelli lamentano il furto non sia mai esistito e davanti allo zio giustifica il proprio comportamento confidandogli che uno dei due è un assassino: lo zio approfitterà dell'informazione nella successiva campagna elettorale per screditare i gemelli, candidati, e far eleggere Wilson. Nel frattempo tom viene derubato e si trova nell'impossibilità di pagare i suoi debiti di gioco, non potendo vendere il prezioso pugnale, che costituirebbe una prova contro di lui. Pur di salvare il figlio, Roxy decide allora di vendersi schiava, ed il figlio non perde tempo a venderla proprio down the river; ma quando Roxy se ne accorge, fugge e torna da lui, e lo obbliga a ricomprarla, ma per far ciò deve derubare lo zio. Il furto avviene di notte: lo zio lo sorprende e lui lo uccide, lasciando il pugnale sul luogo; alle urla della vittima accorrono proprio i Capello, che vengono così accusati del delitto. Al processo Wilson fa ricorso alla sua collezione di impronte digitali, dalle quali apprende lo scambio di bambini avvenuto ventitré anni prima, e l'identità dell'assassino, che viene così pubblicamente smascherato in aula. Il falso Tom viene condannato all'ergastolo, mentre il vero Tom, ormai negro in tutto il comportamento, eredita. Ma i creditori di Tom reclamano il loro diritto di poterlo vendere come schiavo, e Tom viene infine venduto down the river.

Racconto cinicamente pessimista, denuncia l'ingratitudine e la malvagità come mali che, se non debellati subito, portano sempre alle estreme conseguenze del delitto; sin qui potrebbe essere semplicemente una favola morale per ragazzi e l'apologo di uno scrittore nauseato dai torti subiti; ma il romanzo ha delle anomalie, per es. la satira della folla, o l'esemplare descrizione di Roxana e come madre e come negra, l'insolito ruolo di Wilson, così poco concorde con l'atmosfera fiabesca della storia (gli esotici ed aristocratici gemelli, il buon vecchio zio tanto ansioso di difendere l'onore della famiglia, la buona, semplice ed incosciente Roxy ed il malvagio Tom), detective degno dei migliori racconti polizieschi di Poe.

If English is your first language and you could translate this text, please contact me.
(Copyright © 1999 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )