John Updike

(Copyright © 1998 Piero Scaruffi | Legal restrictions - Termini d'uso )

Roger's Version (1986) e` un manuale di scetticismo costruito sulle tipiche fondamenta della narrativa updikiana: eros, teologia, realismo domestico. A young man, Dale, visits an old scholar of early Christianity, Roger, whose niece he has become friend with. Dale thinks that science has revealed God and wants a grant to scientifically prove God's existence with the help of a computer. Roger does not care for proofs: he believes in the living God. Nonetheless, he encourages the young man to apply for the grant. Dale is a friend of Verna, daughter of Roger's half-sister Edna. Verna is a destitute single teenage mother (having had a child from a black man) who lives a lonely and squalid life with her child in a poor neighborhood. Roger, who married a much younger woman, Esther, with a child, Richie, from a previous marriage, has never desired to visit his niece, but now decides to see her, morbidly curious about her relationship to the pious Dale. It turns out that Dale is simply concerned for her soul, not her body. Dale and Roger engage in another round of arguments. Dale shows how both Physics and Biology cannot prove their own theory of reality, how implausible their assumptions are (the constants of the laws of nature, the coordinated evolution of organs). But Roger is opposed to "deducing" God: God cannot be deduced. To Roger, Dale is merely using the old trick of tying God to human ignorance. Roger feels compelled to invite both Dale and Verna to the Thanksgiving dinner. Dale has another chance to display his passion for computers, while Roger prefers to meditate on the early Christian writers. And the outcome is to push Verna to get an education. Roger offers to be her tutor. She lets him visit her under that pretext, but tells him she knows that his interest is sexual: he always dreamed of having sex with his half-sister and now Verna reminds him of the Edna he never had. Roger denies it. Verna is childish and vulgar in her attempt to seduce him. Roger leaves, but admits to himself that sex is precisely what he wants and the only problem is Verna's child. Luckily, Esther works in a day-care center.
In virtuoso style, Updike mixes Roger's paranoia of heresies (as he keeps recalling lines from different Christian theologians) and his erotic vision of Dale making love to his own wife in his own house (apparently, they have become lovers, he driven by a morbid desire to betray the mentor he would like to have, and she driven by a cruel sense of revenge against a tyrannical husband). And it almost feels like Roger is making things happen by just thinking of them. Then Dale visits Roger in his office and they discuss a third theme of contemporary science (after physics and evolution): the body-mind problem, and how scientists feel that it can be solved by analogy with software (mind) and hardware (body). Heisenberg's indeterminacy principle (implying that the universe needs an observer in order to be) offers another topic of discussion (while in both minds they are aware of Dale and Esther's relationship, which adds a personal element to the debate). Immortality, sex and God are continuously revisited and mixed.
Roger visits Verna after a few days of indifference. She tells him that she is pregnant again, and that she doesn't know how the father is (but not Dale for sure). She makes fun of his repressed attraction for her, and he candidly admits it and is allowed to kiss her genitals. In the meantime, his wife and Dale continue their affair, and Roger seems fully aware of it (although it is not clear how he sees them); or he is just imagining it.
Verna has her abortion while Dale receives the grant and begins his research at the Kafka-esque computer laboratory. Then Verna gets in trouble because she hit her child and caused her major injury. She calls Roger for help and they take the girl to a hospital. On the way back, she offers herself to Roger, who cannot resit: he finally takes her, achieving what he never achieved with her mother. She is always frank and direct about sex, and she can easily read his real desires and motives. So does Esther when he returns home, and she seems sincerely jealous, despite the fact that she is cheating on him too (or, at least, Roger pictures her cheating on him).
The hospital realizes that the child was beaten by her mother and would rather not return the child to Verna. Esther and Dale then have to promise to "guard" the child, and surprisingly Esther welcomes the child to stay in their house when Verna wants to go out. Esther also throws a party at which Dale meets a professor, Myron, who makes fun of his program to prove God. Myron has perfectly logical explanations for both the birth of the universe and the birth of life that do not involve God at all. According to Myron, God is "the old bluffer" (minutes later Roger calls Myron "the old bluffer"). Dale is shocked, but is also distracted by the sight of Esther attending the other guests.
Roger takes Verna to dinner, and she tells him that Dale has decided to move back to his hometown and abandon his research project. He also told her that he had a relationship with a wealthy woman and that it is now over. Verna is thinking of following him, not because she's attracted to him, but just to go back to her roots. Roger sees this as convenient, as it eliminates the evidence against his adultery. Back home, he realizes that life will continue as it was before, but the hypocrisy and pointlessness of it is now even more obvious.

"S" (1988)

Updike si e' conquistato una reputazione di incurabile misogino, fin dai primi romanzi, dominati da eroi maschili le cui donne erano soltanto "mogli" o "amanti" passive, subordinate. Quando tento' di rimediare, con le "Witches of Eastwick", scelse il tema incandescente della donna "liberata", ma dipinse le tre protagoniste come tre vere streghe, portate dall' egoismo a ogni commettere ogni efferatezza morale e trascinate dalla loro inferiorita' a un finale di rinuncia e auto-critica.
L' eroina di "S" e' un' altra donna emancipata (ovvero ha lasciato marito e figlia, si e' data all' amore di gruppo e a rapporti lesbici, ogni due frasi cita qualche passaggio dal manuale della piccola femminista), e Updike non perde tempo a smontarla pezzo per pezzo: malvagia, ipocrita, avida, egocentrica, e, ovviamente, stupida. Il suo carattere la spinge a tentare sempre di manipolare gli altri, ma, per colmo di ironia, finisce quasi sempre per essere invece la vittima di manipolazioni, per di piu' senza rendersene conto. Convinta di essere infallibile, e di servire la causa, in questo romanzo la povera illusa non riesce neppure a conquistarsi il ruolo di personaggio negativo, e deve cosi' rassegnarsi alla parte di personaggio comico.
Rabbit run

Harry Angstrom, detto Rabbit, ventunenne ex campione di pallacanestro, fugge dalla moglie alcoolizzata Janice e dal figlioletto Nelson; prende l'auto e guida tutta la notte senza meta: chiede asilo all'amico Marty Tothiro, suo ex allenatore al liceo (distrutto da uno scandalo), che gli presenta Ruth, una donna che vive al limite della prostituzione, ma che s'innamora sinceramente di lui. Il pastore di famiglia, Jack Eccles, cerca di ricondurre il giovane alla ragione invitandolo a giocare a golf e trovandogli un lavoro da giardiniere.

Harry è un bravo ragazzo, onesto e laborioso, ma anarchico ed insofferente alle responsabilità del matrimonio; Janice, che è incinta, torna dai suoi genitori, gli Spring: la vecchia vorrebbe adire le vie legali, il vecchio e Janice no; la madre di Harry dà la colpa a Janice, mentre il padre prova vergogna per ciò che il figlio ha fatto (sono due normali famiglie della cittadina di Mt Judge); Angstrom cerca sinceramente di venire a capo dei problemi di Harry, e sente che può riuscirci attraverso il golf: Harry alterna grandi colpi a sbagli clamorosi, e la ragione è la stessa per cui è sfuggito alle sue responsabilità. Harry gioca con un'allegria disperata", la stessa che mette nella vita. L'altro pastore, Fritz Kruppenbach, critica l'interessamento di Eccles, consentendo che la missione del pastore non è quella.

Una sera l'amica Margareth invita a cena Ruth, e lì Rabbit incontra Harryson, ex compagno di squadra: nello scoprire che anche Harryson è stato con Ruth, Rabbit va su tutte le furie, e a casa interroga Ruth, rinfacciandole il suo passato e le umilianti pratiche erotiche cui s'è prestata, e la obbliga a farle anche con lui se davvero lo ama; lei lo ama davvero e, con le lacrime agli occhi, lo fa, e a lui rimane un senso di colpa.

Proprio quella notte Janice ha le doglie, ed Eccles corre a chiamare Rabbit: all'ospedale, davanti alla neonata ed al tono amoroso e scherzoso della moglie, Rabbit si commuove e si pente; il padre di Janice gli offre un posto di venditore d'auto. Ma la concordia dura soltanto pochi giorni: una notte Rabbit pretende, inquieto, di fare l'amore, e Janice, ancora dolorante per il parto, se ne risente e glielo nega; Rabbit prende la porta, Janice s'ubriaca, è terrorizzata dall'idea che i genitori scoprano che Harry l'ha lasciata di nuovo ed è spossata dall'accudire i due bambini; nel fare il bagno, ancora ubriaca, alla figlia, se la lascia sfuggire e la piccola annega.

Harry ha passato la notte in crisi, deluso della sua vita, convinto d'essere destinato a qualcosa di più che ad accudire bambini e vendere auto: ha cercato Ruth senza trovarla; da Eccles viene a sapere dell'accaduto e si precipita da Janice, inconscia; i genitori di lei si sentono in colpa e promettono che d'ora in poi lo tratteranno come un figlio; lui ringrazia e promette a sua volta; da parte sua, Eccles si sente responsabile dell'accaduto.

Al funerale Harry avverte che tutti lo ritengono responsabile, e, all'improvviso, grida che ad uccidere la bambina è stata Janice: tutti restano shockati dalla sua uscita; Harry fugge di corsa, inseguito invano da Eccles; va da Ruth e la trova incinta di lui: Ruth gli rinfaccia d'averla abbandonata quando lei aveva bisogno di lui; ha deciso di tenere il bambino e lui ne è felice e le dice che vuole vivere con lei, ma lei non gli crede, gli dice che prima deve ottenere il divorzio, decidere cosa fare di Nelson ecc.: gli fa capire che esistono le responsabilità, e che lui deve decidere cosa vuole fare, e poi prendersi le responsabilità. Rabbit esce convinto di sapere ciò che vuole, ma nel giro di pochi minuti è di nuovo confuso, non sa cosa fare, e si mette a correre, correre ... .

Ritratto di un angry young man americano: stile duro, schietto, diretto, documentario dell'intimità della vita di coppia; analisi psicologiche feroci e precise dell'animo dei due giovani, oppressi dagli adulti e dalle responsabilità del loro matrimonio: sono entrambi immaturi ed impreparati; un'altra personalità inquieta è Eccles, morbosamente invaghito di Harry.



Permission is granted to download/print out/redistribute this file provided it is unaltered, including credits.
E` consentito scaricare/stampare/distribuire questo testo ma a patto che venga riportata la copyright