Lyres


(Copyright © 1999-2023 Piero Scaruffi | Terms of use )

DMZ: DMZ (1977), 5/10
DMZ: Relics (1981), 7/10 (comp)
On Fyre (1984), 6.5/10
Lyres Lyres (1986), 6.5/10
A Promise Is A Promise (1988), 6/10
Happy Now (1993), 6/10
Links:

Il protagonista del primo revival psichedelico e` l'organista Jeff Conolly (alias Mono Mann), che nel 1977 conio` il verbo con i DMZ, fedeli al principio dell'attacco sonoro crudo e grezzo. Le registrazioni originali del 1977 apparvero su Relics (Voxx, 1981) soltanto anni dopo: Conolly vi appare come un discepolo degli Stooges e dei 13th Floor Elevator maturato attraverso il punkrock dei Ramones (Guilty Child), le nevrosi dei Suicide (Busy Man), il voodoobilly (When I Get Off) e il revival del rock and roll (Do Not Enter, Lift Up Your Hood), il tutto a rotta di collo e volume assordante. L'EP DMZ (Bomp, 1977) e l'album DMZ (Sire, 1978) sono invece da dimenticare.

Nel 1979 Conolly abbandono` l'impeto punk per calarsi con i Lyres nell'autentico torrido sound da piper californiano. How Do You Know (1979) e Help You Ann (1981, con un tremolo di chitarra da capogiro e una grinta da far invidia ai Romantics) sono i primi 45 giri, ma altre gemme energetiche rilucono sull' EP AHS 1005 (Ace Of Hearts, 1981), come l'epica Buried Alive, il surf martellante di High On Yourself e il rock and roll alla Little Richard In Motion; sul primo album On Fyre (Ace Of Hearts, 1984 - Matador, 2002), affresco epico della civilta` lisergica fitto di cover e riff rubati (Don't Give It Up Now, con il riff di Lucifer Sam e la melodia di You're Gonna Miss Me, I'm Telling You Girl, con il riff di You Really Got Me e cosi` via); e sull'EP di Someone Who`ll Treat You Right (New Rose, 1985).

The disc AHS 1005 compiles the EP, Help you Ann and a list mini-album.

Lyres Lyres (Ace Of Hearts, 1986) fu l'album della maturita`: non una sola nota saliente, ma l'intero album e` una delizia di necrofilia barocca: il rhythm and blues di Not Looking Back; il soul strascicato di She Pays The Rent; il rock martellante di How Do You Know; il ritornello marziale di You Won't Be Sad Anymore.

A Promise Is A Promise (Ace Of Hearts, 1988) decreto` invece la fine di un'epoca. I Lyres diventano praticamente l'arrangiamento per le canzoni (peraltro brillanti) di un cantautore intellettuale. Cio` non toglie che vengano a galla i soliti residui di surf (Feel Good), folk-rock (On Fyre) e Merseybeat (Here's A Heart).

Rivitalizzando il twang chitarristico e i fraseggi di Farfisa, Conolly aveva dato voce alla nostalgia per la psichedelia da garage e la sposo` alla filosofia nichilista dei punk.

A ben cinque anni di distanza dal precedente, compare finalmente un nuovo album dei Lyres, Happy Now (Taang, 1993), come sempre traboccante di citazioni Sixties e di angoscia adolescenziale. Le urla di Conolly, e gli accordi stridenti del suo organo, costituiscono ormai un archetipo del genere, che in qualche maniera (e a differenza degli omologhi di New York) riesce a superare la semplice nostalgia degli archetipi. I Ain't Goin' Nowhere, 100 Cc, Pain spazzolano lo scibile dei Sixties con immutati competenza e genio. Ma i brani originali sono soltanto tre.

Some Lyres (Taang, 1994) e` una raccolta di rarita`, a partire dal primo 45 giri. These Lyres (Norton, 1996) raccoglie gli ultimi singoli del gruppo (undici in tutto).

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me.
What is unique about this music database