Magnapop
(Copyright © 1999-2024 Piero Scaruffi | Terms of use )
Magnapop , 7/10
Hot Boxing , 6/10
Rubbing Doesn't Help , 6/10
Rubbing Doesn't Help (1996), 5/10
Mouthfeel (2005), 5/10
Links:

If English is your first language and you could translate my old Italian text, please contact me.
Scroll down for recent reviews in english.
Dopo una lunga e tormentata gavetta Linda Hopper (gia' negli OH-OK con Matthew Sweet e Linda Stipe) sembra aver trovato la sua vera vocazione nei Magnapop, una formazione a lungo descritta come i "nuovi Fetchin Bones", con lei nei panni di una piu' pacata Hope Nicholls, e la chitarrista Ruthie Morris a propellere un sound grintoso. Il materiale dei primi tre anni, in particolare l'EP Sugarland (Play It Again Sam, 1991), viene finalmente pubblicato sull'album Magnapop (Play It Again Sam, 1992).

Per effetto dei riff perforanti di Morris, del chiasso altalenante della sua chitarra, dei suoi miagolii di sottofondo, nonche' delle cadenze maliarde a cui accompagnano il canto maschio e glaciale di Hopper (un incrocio fra Juliana Hatfield e Nico), il folk-rock subisce mutazioni hard-rock in Garden e Chemical, lambendo la memoria delle Go Go's (in Merry), senza peraltro mai rinunciare a un melodismo che sa essere arioso al massimo (Guess) e a un pathos che sa essere profondo e dimesso (13). L'aspetto piu' suggestivo del disco e' la capacita' del gruppo di eccellere tanto nella ballata atmosferica, che acquista valenze altamente suggestive, quasi da film noir, in Spill It, quanto nella canzoncina spensierata, come dimostra Favorite Writer, un ritornello naif da anni '60, con tanto di clavicembalo. In realta' si tratta di temibili concorrenti per i Belly.

Esce anche l'EP Kiss My Mouth (Play It Again Sam, 1993), con Texas e Lay It Down.

Piu' sfocato Hot Boxing (Priority, 1994), che si inserisce nella corrente del rock eccentrico e intimista di Breeders, Belly e Blake Babies, ma senza la forza istintiva di quei gruppi. Se Free Mud scatena il loro ego hard-rock e Crush indulge nelle inflessioni piu` pop, il metodo dei Magnapop trionfa nelle armonie piu' sperimentali, come quelle di Slowly Slowly (ticchettio della chitarra e ritornello rubato a Leader Of The Pack delle Shangri-Las) e Lay It Down (il canto ridotto a una recitazione e la chitarra ancorata a una cadenza meccanica di riff). Le pose da intellettuale di Hopper giovano all'immagine di esponenti della generazione X ("my head is a scary place" proclama in Slowly).

L'EP Fire All Your Guns At Once (Play It Again Sam, 1996) propone arrangiamenti degni della new wave di vent'anni prima (Come On Inside) ma soprattutto e` un esercismo per la disperazione di Hopper (Voice Without A Sound, Down On Me).

(Clicka qua per la versione Italiana)

Rubbing Doesn't Help (Play It Again Sam, 1996) has even less energy than its predecessor. This Family and Open The Door are pleasant power-pop with a Pretenders accent. Hopper spends most of the time crying softly, peaking with Firebrand, but the music does not suffer a bit from her mani depression.

After several years of silence, Magnapop reformed to record Mouthfeel (Daemon, 2005) One can hardly notice any difference with the past.

What is unique about this music database