Adolfo Bioy-Casares



, /10
Links:

Adolfo Bioy-Casares (Argentina, 1914)

La Invencion de Morel (1940) +

Il narratore è un perseguitato venezuelano, condannato a morte per omicidio, che è fuggito su di un段sola deserta consigliatagli da un amico siciliano; l段sola è abbandonata perché si dice che una peste misteriosa contagi tutti coloro che vi si fermano. Lui vive come un Robinson Crusoe fino al giorno in cui compaiono alcuni villeggianti francesi. Fra essi la bella Faustine, di cui subito s段nnamora; la segue, la spia, le si rivela, ma lei non pare vederlo né sentirlo. Quando non l段nsegue, esplora il misterioso museo dell段sola, nel cui capace ventre opera un meccanismo inesplicabile. Tutti i misteri vengono chiariti quando uno dei personaggi, lo scienziato Morel, racconta ai suoi ospiti d誕ver inventato una macchina capace di catturare e riprodurre ogni oggetto, compresi gli uomini; ha così pensato di dare a tutti loro l段mmortalità fotografando i loro sette giorni di vacanza us quell段sola: pertanto, ciò che il narratore sta vedendo è solo la registrazione di quegli eventi, e il motore del museo è la macchina dell弾ternità. Purtroppo, la macchina uccide chi viene fotografato, e la morte è un lento e continuo disfacimento. Il narratore decide di penetrare nella sala della macchina, ma una volta lì non sa più come uscirne, essendo le stesse pareti una proiezione della macchina e, pertanto, indistruttibili; solo imparando ad adoperare la macchina riesce a superare l弛stacolo: si rende conto che Faustine è morta e sopravvive soltanto all段nvenzione di Morel, e allora decide di vivere accanto alla sua immagine per sempre; si fa fotografare accanto a lei ed inizia a spegnersi piano piano, sapendo di essere immortale nell段mmagine proiettata dalla macchina.

Plan de Evasion (1945),

synopsis forthcoming

El Sueno de los Heroes (1954)

synopsis forthcoming

Diario de la Guerra del Cerdo (1969)

synopsis forthcoming

Dormir al Sol (1973)

synopsis forthcoming

Aventuras de un Fotografo en La Plata (1985)

synopsis forthcoming


Copyright © 2019 Piero Scaruffi | Terms of Use